Giudizio penale- Autonomia

Giudizio penale- Autonomia - Valutazione dei fatti 2-Prescrizione - Interruzione 3-gestione somme 1-La disciplina introdotta col nuovo codice di procedura sancisce il principio dell'autonomia dei procedimenti giurisdizionali: pertanto deve ritenersi legittima, da parte del Consiglio Nazionale Forense, l'autonoma valutazione dei fatti sia sotto il profilo penale, sia sotto quello disciplinare. 2-Il termine quinquennale di prescrizione dell'azione disciplinare è validamente interrotto dalla instaurazione del procedimento disciplinare e non riprende a decorrere se non alla conclusione del procedimento stesso. 3-Il professionista che trattiene indebitamente somme incassate per conto del proprio cliente, omettendo di dare esaurienti spiegazioni, e cercando, altresì, di ritardare e sviare il C.d.O. con dichiarazioni mendaci al riguardo, pone in essere la violazione di un preciso dovere deontologico; è pertanto adeguata la sanzione della cancellazione dagli albi. (C.N.F. 30 SETTEMBRE 1995, N. 99 - Pres. RICCIARDI - Rel. MAZZAROLLI - P.M. IANNELLI (conf.) - Ricc. Avv. M.F. (Rigetta ricorso avverso decisione del C.d.O. di Roma del 21gennaio 1993).

Stampa Email

eBook - manuali

Giudizio penale- Autonomia - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

Giudizio penale- Autonomia - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati