Legittimazione impugnazione

legittimazione impugnazione In tema di procedimento disciplinare a carico di avvocati e procuratori, il privato, che assumendo di essere stato offeso dal comportamento del professionista, ne faccia denuncia al Consiglio dell'ordine, non e' legittimato, in quanto estraneo al rapporto disciplinare intercorrente tra il legale e l'Ordine, ad impugnare, con ricorso al Consiglio Nazionale Forense, il provvedimento emesso dal Consiglio dell'ordine e, pertanto, essendogli precluso tale procedimento d'impugnazione (che ha natura giurisdizionale), deve rivolgersi al giudice civile o penale per valere i propri interessi, lesi dal comportamento anzidetto.
(Corte Cassazione S.U. Sent. 12865 del 02/12/1992)

Stampa Email

Articoli collegati

eBook - manuali

Legittimazione impugnazione - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

Legittimazione impugnazione - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati