legittimazione impugnazione - terzi

05/12/1994 166/94-legittimazione impugnazione - terzi La facoltà di impugnare le decisioni degli ordini forensi in materia disciplinare spetta esclusivamente all'interessato (cioè al professionista) ed al procuratore generale presso la corte d'appello del distretto cui appartiene il Consiglio dell'ordine interessato, non certamente all'autore dell'esposto, dato che tale soggetto può trovare tutela attraverso l'intervento del P.G. Nella fattispecie il ricorso è stato presentato direttamente al Consiglio nazionale forense da terzi privati cittadini ed è stato dichiarato inammissibile. (C.N.F. - 15 DICEMBRE 1994, N. 166 - Pres. RICCIARDI - Rel. BUCCICO - P.M. MARTONE (conf.) (Dichiara inammissibile ricorso proposto contro decisione C.d.O. di Roma del 6 dicembre 1993).

Stampa Email

eBook - manuali

legittimazione impugnazione - terzi - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

legittimazione impugnazione - terzi - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati