valore diverso da quello commisurato alla domanda

valore diverso da quello commisurato alla domanda Il valore diverso da quello commisurato alla domanda, che l'art. 6 della Tariffa Professionale Forense, approvata con D.M. 2 aprile 1965, consente di attribuire alla controversia vale unicamente agli effetti dei coefficienti e degli scaglioni contenuti nelle tabelle della medesima tariffa, agli effetti, cioè, della determinazione dei minimi e dei massimi, entro i quali l'attività fu spiegata davanti ai vari organi di giurisdizione, ma non vale anche a svincolare tale liquidazione dai minimi e massimi previsti per ciascun grado di giurisdizione, né a rendere possibile che la liquidazione avvenga in base a coefficienti diversi da quelli stabiliti per il grado di giurisdizione davanti al quale la causa è stata effettivamente trattata. Corte di Cassazione n. 465 del 22 febbraio 1971, Sez. 3

Stampa Email

eBook - manuali

valore diverso da quello commisurato alla domanda - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

valore diverso da quello commisurato alla domanda - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati