Minimi - mandato a tempo

Minimi - mandato a tempo La inderogabilità dei minimi della tariffa professionale forense in materia civile, sancita dall'art. 24 della legge 6 giugno 1942, n. 794, ha carattere assoluto e deve trovare applicazione anche nel mandato professionale a tempo (cosiddetto contratto di clientela), da chiunque conferito (soggetti pubblici o privati) ad avvocati e procuratori liberi professionisti e quindi non vincolati da rapporti di impiego e iscritti nel normale albo professionale. Pertanto, va dichiarata la nullità del patto, con il quale un avvocato consente di ricevere da un ente pubblico (nella specie Inps) un compenso fisso, inferiore al minimo fissato dalla tariffa, in relazione alle prestazioni realmente effettuate. Corte di Cassazione, Sez. un., n. 326 del 4 febbraio 1963, contrari: 827/60 e 3144/56

Stampa Email

eBook - manuali

Minimi - mandato a tempo - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

Minimi - mandato a tempo - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati