Convenzione -1

Convenzione Ove con giudizio di fatto immune da vizi logici e giuridici rimanga accertata dal giudice del merito, la nullità (per contrasto con l'art. 24 legge 13 giugno 1942, n. 794) di tutta la parte economica della convenzione stipulata dall'Inam con avvocati e procuratori a detto ente legati da un rapporto di collaborazione professionale di natura parasubordinata, ne deriva, stante l'inapplicabilità del 2° comma dell'art. 1419 c.c., che la liquidazione delle spettanze del professionista va legittimamente effettuata in base alle tariffe professionali, entro i limiti minimi e massimi e secondo l'opera effettivamente svolta. Corte di Cassazione n. 2037 del 23 marzo 1983

Stampa