Impugnazione decisioni del C.n.f.

09/02/1993 Cass. Sent. civ. 1611/93- Impugnazione decisioni del C.n.f. Anche relativamente all'impugnazione delle decisioni del Consiglio Nazionale Forense opera il principio dell'assorbimento delle nullità nei mezzi di gravame, con la conseguenza che, qualora col ricorso per cassazione -soggetto alla regola dell'indicazione, sotto pena d'inammissibilità, di motivi specifici, ai sensi degli artt. 366, primo comma n. 4, 371 cod. proc. civ. e 66 del R.D. 22 gennaio 1934 n. 37, recante norme integrative del R.D. legge 27 novembre 1933 n. 1578, convertito con modificazioni nella legge 22 gennaio 1934 n. 36 - non sia stata dedotta la nullità di cui trattasi, la stessa - ove non sia una questione rilevabile d'ufficio, come quella che concerne l'eventuale inesistenza - non può più essere eccepita nel successivo corso del procedimento.
Cass. Sez. U Sent. 1611 del 09/02/1993

Stampa Email

eBook - manuali

Impugnazione decisioni del C.n.f. - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

Impugnazione decisioni del C.n.f. - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati