Incompatibilità rapporto di lavoro subordinato retribuito a tempo parziale con una società cooperativa - Consiglio Nazionale Forense 12-05-2010, decisione n. 33

Avvocati - Incompatibilità con l'esercizio della professione forense per il fatto di intrattenere un rapporto di lavoro subordinato retribuito a tempo parziale con una società cooperativa - sanzione (Consiglio Nazionale Forense 12-05-2010, n. 33)

Il procedimento disciplinare dinanzi al Consiglio territoriale ha natura tipicamente amministrativa, con conseguente irrilevanza della variazione di composizione del Collegio disciplinare, che rimane sottratto alla regola dell'unità e continuità di formazione.

La mancata formulazione della censura avente ad oggetto l'omessa astensione di taluni Consiglieri nella fase dibattimentale del procedimento disciplinare da parte dell'incolpato, ad esso presente ed altresì partecipe, configura sostanziale rinuncia ad avvalersi del rimedio della ricusazione, costituente nel sistema processuale lo strumento per resistere alla eventuale violazione dell'obbligo di astensione.

E' configurabile la responsabilità disciplinare dell'avvocato che, versando in una situazione di incompatibilità con l'esercizio della professione forense per il fatto di intrattenere un rapporto di lavoro subordinato retribuito a tempo parziale con una società cooperativa, domandi l'iscrizione all'Albo e successivamente eserciti l'attività professionale, così permanendo nella suddetta condizione per lungo tempo e fino all'intervento autoritativo della Cassa forense, che solo abbia costituito la fonte del ravvedimento operoso del ricorrente. Tuttavia, ai fini del trattamento sanzionatorio della condotta contestata, il Consiglio territoriale è tenuto ad operare un bilanciamento tra la considerazione di gravità dei fatti addebitati ed i concorrenti criteri di valutazione, pure rilevanti, connessi alla giovane età ed inesperienza dell'incolpato, all'assenza di precedenti disciplinari ed alla circostanza dell'essere stata la condizione di incompatibilità rimossa, seppur tardivamente, prima dell'avvio formale del procedimento disciplinare. (Nella specie, il Consiglio Nazionale ha sostituito alla comminata sanzione della sospensione dall'esercizio della professione per la durata di mesi due quella più tenue della censura).(Accoglie parzialmente il ricorso avverso decisione C.d.O. di Cuneo, 14 ottobre 2008)

La sentenza integrale

Consiglio Nazionale Forense 12-05-2010, decisione n. 33

DECISIONE

FATTO

La Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza Forense, con nota 7 aprile 2008 Prot. N. 216141/FRZ49292 del Servizio Iscrizioni e Prestazioni, comunicava al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Cuneo che la Giunta Esecutiva, nella seduta del 6 marzo 2008, aveva disposto la cancellazione dell’Avv. C.S.A. essendosene accertata la sopravvenuta incompatibilità con l’esercizio della professione forense.

Il Consiglio territoriale deliberava, nell’adunanza del 22 aprile 2008, di richiedere informazioni al professionista interessato e, a tale proposito, inviava la comunicazione 23 aprile 2008; l’Avv. A. risultava, infatti, iscritta sin dal 21 settembre 2004 all’Albo degli Avvocati in custodia all’Ordine territoriale, a seguito di domanda di iscrizione presentata il 16 marzo 2004.

Per una puntuale ed esaustiva ricognizione dei fatti, che non si coglie nella narrativa dell’impugnata decisione del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Cuneo, occorre dare conto di talune circostanze emergenti dal fascicolo dell’iscritto rimesso a questo Consiglio Nazionale dall’ente territoriale.

Con una prima domanda di iscrizione, presentata al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Cuneo il 16 marzo 2004, la ricorrente significava, preventivamente, di essere stata assunta, a far data dal 14 ottobre 2002, dalla Cooperativa Sociale O. con contratto di formazione lavoro preordinato all’assunzione della qualifica di “progettista politiche dell’occupazione”; alla stregua dell’esibito contratto di lavoro si rileva che l’inquadramento dell’interessata era avvenuto conformemente al C.C.N.L. delle cooperative sociali, con attribuzione del quinto livello funzionale ed un orario settimanale prefissato di trentotto ore.

In tale condizione la ricorrente dava atto della natura del rapporto subordinato di lavoro, dichiarando, altresì, che le mansioni effettivamente svolte attenevano all’attività degli sportelli provinciali “Creazione d’impresa” presso i Centri per l’impiego (ex uffici di
collocamento) di Saluzzo e Fossano. Consapevole dell’incompatibilità che la descritta attività rifletteva sull’iscrizione all’albo professionale, l’Avv. A. richiedeva, pertanto, al Consiglio territoriale di esprimere il proprio opinamento relativamente a due opzioni alternative, onde vedere rimossa la causa di incompatibilità: commutazione del rapporto di subordinazione in un contratto di lavoro “a progetto” (collaborazione coordinata e continuativa), ovvero assunzione, su base contrattuale, della veste di “socio lavoratore autonomo” della Cooperativa.

Il Consiglio territoriale, con nota 2 aprile 2004, evidenziava che: il contratto di lavoro parttime trovava ostacolo nella disciplina della Legge 25 novembre 2003 n. 339; relativamente, poi, al contratto di lavoro “a progetto”, l’art. 61, comma 3 del Decreto Lgs. N. 276/2003 andava interpretato nel senso di doversi ritenere le professioni intellettuali escluse dal suo ambito applicativo; a seguito dell’entrata in vigore della Legge 3 aprile 2001 n. 142, infine, nell’ambito del lavoro cooperativo, attesa la prevalenza del profilo associativo rispetto a quello della subordinazione lavorativa, la valutazione di compatibilità presupponeva ulteriore istruttoria, onde acquisire lo statuto della Cooperativa O. e valutare, dunque, in concreto la fattispecie.

Alla predetta richiesta del Consiglio territoriale la ricorrente ottemperava in data 21 aprile 2004; con nota 8 settembre 2004 lo stesso Consiglio territoriale dato atto dell’esigenza di ulteriori approfondimenti in relazione alla riscontrata lacuna dello statuto della Cooperativa O. in ordine alla figura ed allo status del “socio lavoratore autonomo”, invitava la ricorrente a produrre la copia delle condizioni contrattuali regolanti il suo rapporto lavorativo.

Risulta, a questo punto, dagli atti a disposizione di questo Consiglio Nazionale che la ricorrente ha formalizzato, in data 21 settembre 2004 la domanda di iscrizione, con il corredo della documentazione di rito e l’allegazione di una nota manoscritta, datata 16 settembre 2004, dal cui testuale tenore si evincono le sue dimissioni dal rapporto di lavoro dipendente con la Cooperativa O. e la determinazione di proseguire la collaborazione con la medesima “in qualità di lavoratrice autonoma”.

Sicché, con deliberazione assunta nell’adunanza dello stesso 21 settembre 2004, il Consiglio territoriale disponeva l’iscrizione dell’interessata nell’Albo degli Avvocati.


A seguito della sopra riferita richiesta di chiarimenti originata dalla comunicazione di cancellazione della Cassa Nazionale Forense, la ricorrente forniva il 6 maggio 2008 le proprie deduzioni, con le quali:

-ammetteva di avere prestato, a far data dal 14 ottobre 2002, attività di lavoro dipendente part-time presso la Cooperativa O.;

-precisava di avere rassegnato le proprie dimissioni volontarie il 29 aprile 2008, come risultante dall’allegata attestazione del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale;

-evidenziava che l’attività effettivamente svolta non aveva “nulla a che vedere con quella di avvocato”, tanto che nessuno in ambito lavorativo era a conoscenza che l’interessata stessa fosse anche avvocato, nonché di avere versato in condizione di astensione dal
lavoro per maternità dal 2005 al 2007, rendendo tutto ciò l’incompatibilità soltanto “potenziale”.

Nell’adunanza del 3 giugno 2008 il Consiglio territoriale deliberava l’apertura del procedimento disciplinare a carico dell’odierna ricorrente, contestandole la seguente incolpazione: “a) di avere violato l’art. 3, comma 3 del R.D.L. 27 novembre 1933 n. 1578, convertito in L. 22 gennaio 1934 n. 36, per avere esercitato la professione di avvocato in condizione di incompatibilità in quanto intratteneva, a far data dal 14 ottobre 2002 e fino alle dimissioni presentate in data 29 aprile 2008 – e quindi successivamente alla comunicazione della Cassa di Previdenza ed Assistenza Forense – impiego retribuito incompatibile con l’esercizio della professione di avvocato, consistente in un rapporto di lavoro subordinato a tempo parziale con la società Cooperativa O. S.C.S., con sede in Torino, Via Bobbio n. 21/a, con ciò contravvenendo ai doveri di libertà, autonomia ed indipendenza che devono connotare la professione di avvocato, espressamente richiamati nel preambolo e nell’art. 10 del Codice deontologico; dal 21 settembre 2004, data di iscrizione all’Albo degli Avvocati di Cuneo, al 28 aprile 2008, data delle dimissioni; b) di avere, nella domanda di iscrizione
all’Albo degli Avvocati di Cuneo, presentata in data 21 settembre 2004, dichiarato sul proprio onore di non versare in alcuno dei casi di incompatibilità stabiliti dalla legge, così affermando circostanza in veritiera e contravvenendo al dovere di probità (art. 5 Codice Deontologico) e al dovere di verità nei rapporti con il Consiglio dell’Ordine (art. 24 Codice Deontologico); in Cuneo, in data 21 settembre 2004”.

In data 5 giugno 2008 il Consiglio territoriale comunicava l’anzidetta deliberazione di apertura del procedimento disciplinare all’Avv. A., la quale produceva proprie deduzioni il 19 giugno 2008, ribadendo sinteticamente quanto già rappresentato con la precedente memoria del 6 maggio 2008.

Il procedimento disciplinare, a seguito del rituale decreto di citazione a giudizio, notificato all’interessata il 2 luglio 2008, aveva luogo il 14 ottobre 2008, alla presenza dell’incolpata e del suo difensore; all’esito il Consiglio territoriale, ritenuta la responsabilità disciplinare dell’Avv. A. in ordine ai capi di incolpazione ascritti , le comminava la sanzione della sospensione dall’esercizio della professione per la durata di mesi due.

Avverso la decisione del Consiglio territoriale, notificata il 25 novembre 2008, l’Avv. A. ha proposto ricorso avanti a questo Consiglio Nazionale con atto ritualmente depositato il 12
dicembre 2008.

L’impugnazione è affidata a quattro mezzi di gravame.

Con il primo motivo l’Avv. A. deduce l’inesistenza della delibera di rinvio a giudizio e della formale apertura del procedimento disciplinare; secondo la tesi di parte ricorrente, nel decreto di citazione a giudizio disciplinare viene fatto testuale riferimento ad una inesistente “delibera di rinvio a giudizio in data 3 giugno 2008”. Sostiene, inoltre l’incolpata che, in tale data, il Consiglio territoriale si sarebbe limitato a formulare il capo di incolpazione senza, tuttavia, disporre l’avvio del procedimento disciplinare; oltretutto, lo stesso Consiglio territoriale, pur avendo richiesto alla ricorrente le proprie deduzioni, non le avrebbe di fatto esaminate, limitandosi alla notificazione del decreto presidenziale di citazione a giudizio.

Con il secondo motivo d’impugnazione l’incolpata deduce la nullità della decisione del Consiglio territoriale per vizio di composizione del collegio giudicante; assume, al riguardo, la ricorrente che, in conseguenza dell’astensione dichiarata da due Consiglieri (Avv.ti

D.P.R. e D.) nell’adunanza del 3 giugno 2008, ove veniva deliberata l’apertura del procedimento disciplinare, gli stessi non avrebbero, poi, dovuto partecipare, alla successiva seduta consiliare del 14 ottobre 2008 di trattazione del procedimento disciplinare. Con il terzo mezzo di gravame l’Avv. A. censura la qualificazione dell’illecito deontologico, in relazione alla fattispecie normativa astratta riferita nel capo d’incolpazione; sostiene la ricorrente che la contestata violazione ricadrebbe nella previsione dell’art. 16, canone II del Codice deontologico, costituente disposizione di ordine speciale rispetto ai precetti generali richiamati nell’addebito disciplinare.

Con il quarto ed ultimo motivo, infine, la ricorrente censura, per tipologia ed entità, la misura della comminata sanzione; la decisione gravata viene, in specie, criticata relativamente alla valutazione di consistente gravità operata dal Consiglio territoriale in ordine alla condotta dell’incolpata, nonché per l’omessa considerazione della portata meramente “potenziale” della rilevata incompatibilità.

DIRITTO

La vicenda rimessa alla cognizione di questo Consiglio Nazionale si presenta univocamente delineata nei suoi presupposti di fatto, in relazione ai quali si riscontra una sostanziale coincidenza tra l’accertamento svolto, in sede di istruttoria del procedimento disciplinare, dal Consiglio territoriale e le apprezzabili ammissioni di parte ricorrente, la quale ha essa stessa riconosciuto la condizione di incompatibilità in cui si è trovata a versare dalla data di iscrizione all’Albo degli Avvocati di Cuneo (21 settembre 2004) a quella, pure non contestata, di cessazione, a seguito di dimissioni volontarie, del rapporto di lavoro subordinato alle dipendenze della Cooperativa O. di Torino (29 aprile 2008).

Parimenti pacifica è la circostanza che il venir meno della stato di incompatibilità si è concretato, seppure per iniziativa fattiva della ricorrente, solo successivamente alla ricezione, da parte dell’Avv. A., della comunicazione del 23 aprile 2008 con la quale il Consiglio territoriale ha richiesto chiarimenti all’interessata in ordine alla disposta sua cancellazione dalla Cassa previdenziale forense.

Osserva questo Consiglio Nazionale che, avuto riguardo all’excursus della vicenda, così come desumibile dalle oggettività documentali acquisite in atti del giudizio, la condotta dell’Avv. A. si è manifestata in modo lineare nella fase di avvio della vicenda, allorché la professionista, con l’istanza preventiva del 16 marzo 2004, ha collaborativamente prospettato al Consiglio territoriale il proprio status di lavoratrice dipendente richiedendone, al riguardo, l’opinamento onde sceverare le diverse modalità strutturali sulle quali configurare il rapporto con il datore di lavoro, al fine rendere compatibile l’iscrizione all’Albo degli Avvocati.

Il comportamento dell’Avv. A. ha, peraltro, successivamente subito un’inversione di tendenza, laddove, a fronte dell’esito sostanzialmente negativo delle valutazioni preliminari del Consiglio territoriale (desumibile dal tenore della lettera dell’8 settembre 2004), la ricorrente si è determinata a formalizzare la domanda d’iscrizione all’Albo degli Avvocati, allegando strumentalmente la dichiarazione di dimissioni datata 21 settembre 2004, sulla base della quale il Consiglio territoriale, prestandovi evidentemente affidamento (per il rilievo certificativo attribuito dalla legge a siffatte attestazioni sostitutive provenienti dalla parte interessata), ha deliberato l’iscrizione.

L’impugnata decisione del Consiglio territoriale si presenta, pertanto, a giudizio di questo Consiglio Nazionale, coerente e corretta in punto della valutazione di illiceità disciplinare del sopra evidenziato comportamento, al quale si somma l’ulteriore profilo – pure opportunamente colto – dell’essersi la condizione di incompatibilità protratta per lungo tempo e fino all’intervento autoritativo della Cassa forense, che chiaramente ha costituito la fonte del ravvedimento operoso della ricorrente.

D’altro canto – ed a conferma della sopra svolta ricognizione fattuale – i mezzi di impugnazione prospettati dall’Avv. A. attengono prevalentemente a rilievi di carattere procedimentale, di impronta sostanzialmente formalistica, eccezione fatta per il quarto motivo di ricorso con il quale viene censurata l’entità della comminata sanzione disciplinare.

Il primo motivo è infondato.

La ricorrente assume, a presupposto della censura, l’inesistenza della “delibera di rinvio a giudizio in data 3 giugno 2008”, alla quale si è fatto riferimento nel decreto presidenziale di citazione a giudizio, notificato all’incolpata il 4 luglio 2008; sostiene, altresì, l’Avv. A. che il Consiglio territoriale addirittura non avrebbe, in effetti, disposto l’apertura del procedimento disciplinare, limitandosi, piuttosto, alla mera formulazione del capo di incolpazione, orientando a tale interpretazione anche la circostanza dell’avere il Consiglio stesso concesso all’incolpata il termine per la produzione di deduzioni.

Rileva questo Consiglio Nazionale che, alla stregua dell’acquisita documentazione del procedimento, il Consiglio territoriale ha operato in rigorosa aderenza alla disciplina regolatoria dettata dall’art. 38 del R.D.L. 27 novembre 1933 n. 1578 e dagli artt. 47 e 48 del

R.D. 22 gennaio 1934 n. 37, che scandiscono la sequela degli atti tipici nei quali si articola l’avvio e lo svolgimento del procedimento disciplinare. Invero, il Consiglio territoriale ha deliberato l’apertura del procedimento disciplinare nella sua adunanza del 3 giugno 2008: tale provvedimento contiene tutti gli elementi normativamente prescritti, in quanto dal suo corpo si evincono sia le contestazioni costituenti il (doppio) capo di incolpazione, sia la nomina del Consigliere relatore, sia, infine, la disposizione di procedere alle comunicazioni, prescritte dall’art. 47 del R.D. n. 37/1934, alla parte interessata ed al pubblico ministero. La detta rituale deliberazione è stata, quindi, trasmessa all’incolpata con la nota 5 giugno 2008 del Presidente del Consiglio territoriale.

Il termine assegnato all’Avv. A. per le sue deduzioni – in ordine al quale la ricorrente cade in palese equivoco interpretativo – è funzionale all’instaurato procedimento disciplinare e consente all’interessato, a guarentigia del pieno contraddittorio, di svolgere le proprie osservazioni difensive nel merito del formulato capo di incolpazione.

Esaustivo, in ogni sua parte, si presenta anche il decreto presidenziale di citazione a giudizio, notificato all’incolpata il 4 luglio 2008; la formula, in specie, utilizzata dal Consiglio territoriale (“Visti: la delibera del 3 giugno 2008 con la quale il Consiglio dell’Ordine ha
aperto la procedura disciplinare … la delibera di rinvio a giudizio del 3 giugno 2008”) rende evidenti i due contenuti intrinseci della deliberazione 3 giugno 2008, ossia l’avvio formale del procedimento e la formulazione delle contestazioni, costituenti il presupposto eziologico del giudizio disciplinare.

Con il secondo motivo di ricorso l’Avv. A. censura la composizione del Collegio disciplinare che il 14 ottobre 2008 ha adottato la statuizione sanzionatoria a carico della professionista.

Sostiene, al riguardo, l’incolpata che, essendosi astenuti nell’adunanza consiliare del 3 giugno 2008 (nella quale si è deliberata l’apertura del procedimento) i Consiglieri D.P.R. e D., entrambi avrebbero, poi, dovuto astenersi anche in occasione dell’udienza dibattimentale.

Osserva, preliminarmente, questo Consiglio Nazionale che dalla copia autentica integrale del verbale dell’adunanza del 3 giugno 2008 del Consiglio territoriale, rilasciata il 3 aprile 2009 con sottoscrizione del Consigliere Segretario Avv. P.R., non si riscontra la
dichiarazione di astensione dei due Consiglieri indicati dalla ricorrente, laddove l’astensione medesima risulta dall’estratto autentico della delibera di apertura del procedimento disciplinare, rilasciato all’interessata il 20 novembre 2008.

Fermo il principio, di ordine generale, di prevalenza del documento integrale rispetto ad un suo estratto, a giudizio di questo Consiglio Nazionale la censura non ha fondamento.

Costituisce orientamento consolidato nella giurisprudenza di questo Consiglio Nazionale e delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione l’affermazione della natura tipicamente amministrativa del procedimento disciplinare avanti al Consiglio territoriale e della conseguente irrilevanza della variazione di composizione del Collegio disciplinare, che rimane sottratto alla regola dell’unità e continuità di formazione (Consiglio Nazionale Forense 14 ottobre 2004 n. 228; 11 dicembre 1998 n. 202).

Va, altresì, considerato che, esaurendosi il motivo di ricorso nella doglianza circa la mancata astensione dei Consiglieri D.P.R. e D. anche nella fase dibattimentale del procedimento disciplinare, l’incolpata, presente e partecipe al procedimento stesso, ha omesso in quella sede di formulare alcuna eccezione in ordine alla composizione del Collegio, con ciò sostanzialmente rinunciando ad avvalersi del rimedio della ricusazione, costituente nel sistema processuale lo strumento per resistere alla eventuale violazione dell’obbligo di astensione (arg. ex Consiglio Nazionale Forense 11 marzo 2004 n. 37; 25 ottobre 2003 n. 349; 1 ottobre 2003 n. 275; 13 luglio 2001 n. 145). Né, d’altro canto, la ricorrente ha fornito in questa sede giurisdizionale alcuna utile indicazione probatoria in ordine all’effettività della dedotta astensione ed alle ragioni che avrebbero potuto giustificarla o semplicemente renderla opportuna.

A giudizio di questo Consiglio nazionale non si configura, nel caso di specie, il vizio di nullità della decisione impugnata.

Con il terzo motivo di gravame l’Avv. A. pone la questione della esatta qualificazione dell’illecito deontologico addebitatole, rinvenendo nell’art. 16, canone II del Codice deontologico forense la norma di riferimento da assumere a parametro della contestazione disciplinare e della conseguente valutazione sanzionatoria della condotta incriminata.

Il motivo non è fondato.

L’apprezzamento della congruità e della completezza del capo di incolpazione deve essere effettuato con riguardo all’esigenza che la sua formulazione consenta il collegamento sostanziale ad un determinato comportamento, ritenuto non legittimo, onde consentire
all’incolpato l’esercizio del diritto di difesa in relazione agli elementi oggettivi della contestazione; in tale prospettiva non assume rilievo la, più o meno, minuziosa indicazione delle disposizioni che si assumono violate (Consiglio Nazionale Forense 11 novembre 2009 n. 118; 28 dicembre 2006 n. 188).

La censura presenta, d’altronde, carattere meramente speculativo, posto che il riferimento all’una ovvero all’altra norma deontologica (relativamente alle quali la sovrapposizione non avrebbe né arricchito, né depauperato il livello di consistenza della contestazione) non incide, comunque, sulla oggettività della situazione di fatto e sul suo regime sanzionatorio.

Con il quarto ed ultimo mezzo d’impugnazione l’Avv. A. censura la misura della sanzione inflitta dal Consiglio territoriale.

A giudizio di questo Consiglio Nazionale la condotta contestata alla ricorrente presenta i connotati dell’illiceità disciplinare ma, ai fini del suo trattamento sanzionatorio, il Consiglio territoriale avrebbe dovuto operare il bilanciamento tra la considerazione di gravità dei fatti addebitati all’incolpata ed i concorrenti criteri di valutazione, pure rilevanti, connessi alla giovane età ed inesperienza dell’Avv. A. (la quale nelle proprie difese si è resa consapevole della commessa violazione), all’assenza di precedenti disciplinari, alla circostanza dell’essere stata la condizione di incompatibilità rimossa, seppur tardivamente, comunque prima dell’avvio formale del procedimento disciplinare.

Ritiene, pertanto, questo Consiglio Nazionale equo, in accoglimento del presente motivo di ricorso, sostituire alla comminata sanzione della sospensione dall’esercizio della professione per la durata di mesi due quella più tenue della censura.

P.Q.M.
il Consiglio Nazionale Forense, riunitosi in Camera di Consiglio,

visti gli artt. 40 n. 3 e 54 del R.D.L. 27.11.1933, n. 1578 e gli artt. 59 e segg. del R.D. 22.1.1934, n. 37;
in parziale accoglimento del ricorso, sostituisce alla sanzione della sospensione dall’esercizio della professione per la durata di mesi due quella della censura.
Così deciso in Roma il 27 febbraio 2010.

Stampa Email

Concorsi - Offerte di lavoro

Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di complessive settanta unita' di personale non dirigenziale, a tempo pieno ed indeterminato

Commissione per l'attuazione del progetto RIPAM - Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di complessive settanta unita' di personale non dirigenziale, a tempo pieno ed indeterminato, di cui sessanta di Area III, posizione retributiva F1, da inquadrare nei ruoli del Ministero dello sviluppo economico e dieci, di cui una riservata ai sensi dell'articolo 3 della legge 12 marzo 1999, n. 68, di categoria A, parametro retributivo F1, da inquadrare nei ruoli della Presidenza del Consiglio dei ministri, per diversi profili professionali. 

. . . continua a visualizzare tutti gli altri documenti depositati nella sezione- - ->

.

 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Scuola forense foroeuropeo

scuola forense ridottoVIII CORSO INTENSIVO FRONTALE Foroeuropeo 2.0.  SCUOLA FORENSE FOROEUROPEO -  Settembre 2020 /Dicembre 2020 -  NOVITA’ FOROEUROPEO 2.0.: Approfondimenti teorici Diritto Civile e Penale con redazione guidata di tracce con applicazione del metodo Foroeuropeo; Redazione schematica, ragionata e non guidata di tracce con applicazione del metodo Foroeuropeo; Percorso guidato e progressivo per l’acquisizione del metodo Foroeuropeo. - 24 incontri frontali con i docenti; n. 5 compiti a casa assegnati durante la settimana (atti giudiziari: 5 in materia civile, 5 in materia penale e 5 in materia amministrativa). Sconti iscrizione anticipata singola e di gruppo.

. . . leggi tutto

scuolabbVIII CORSO INTENSIVO ESAME AVVOCATO 2020 (Settembre/Dicembre) A DISTANZA ONLINE  IN DIRETTA e/o IN DIFFERITA ON DEMAND INTERATTIVO NELLA "VIRTUAL CLASSROOM" con gli stessi docenti e lo stesso programma del corso frontale di Roma - scuola forense foroeuropeo per o seguire il corso da casa. E' un sistema semplice da utilizzare, senza l'uso di software particolari, con facile connessione da smartphone, tablet e computer. E' un corso basato sul concetto di "Virtual Classroom", (classi-aule virtuali) dove il Docente ed i Corsisti hanno la possibilità di interagire in tempo reale come una classe tradizionale. L'interazione tra Docenti e corsisti avviene in modalità live tramite il video, la voce, la chat, la lavagna elettronica ed altri strumenti di condivisione. Sconti iscrizione anticipata singola e di gruppo.

. . . leggi tutto

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Attualità, News e Commenti in evidenza

corsi di formazione per l'accesso alla professione di avvocato obbligatori da aprile 2022 -- DM 80/2020

Da dicembre 2024 l'accesso all'esame di abilitazione, per i tirocinanti che si iscriveranno dopo il mese di marzo 2022 al registro dei praticanti avvocati, sarà possibile solo dopo un corso di formazione di 160 ore.  Lo prevede  il decreto del MINISTERO DELLA GIUSTIZIA del 9 giugno 2020, n. 80 Regolamento concernente modifiche al decreto 9 febbraio 2018, n. 17, recante la disciplina dei corsi di formazione per l'accesso alla professione di avvocato, ai sensi dell'articolo 43, comma 2, della legge 31 dicembre 2012, n. 247.

Mediazione obbligatoria –– corte di cassazione, sez. 6, ordinanza n. 10846 del 08 giugno 2020 -  commento

Amministratore – spese comuni - richiesta di pagamento di somma approvata in assemblea – mediazione obbligatoria –assenza di autorizzazione rilasciata dall’assemblea – improcedibilità della domanda -   corte di cassazione, sez. 6, ordinanza n.  10846  del 08 giugno 2020 a cura di Adriana Nicoletti – Avvocato del Foro di Roma – Commento

Comunione – Amministratore giudiziario della comunione – corte di cassazione, sez. 6, ordinanza n. 10663 del 05 giugno 2020 -  commento

Amministratore giudiziario della comunione – nomina – rigetto della domanda – compensazione delle spese processuali – sussistenza -   corte di cassazione, sez. 6, ordinanza  n.  10663 del 05 giugno 2020 a cura di Adriana Nicoletti – Avvocato del Foro di Roma – Commento

Con due preliminari una società prometteva di vendere ad altra società, titolare di un’impresa di lavanderia industriale, due diverse porzioni di un proprio fabbricato, che venivano anche concesse negli stessi atti in locazione al promissario acquirente -

Mancata stipula dei contratti definitivi e  domanda giudiziale del promissario venditore di risoluzione dei due contratti per inadempimento della controparte – Riconvenzionale dei convenuti per sentire dichiarare la nullità e la risoluzione dei preliminari ed eccependo anche la prescrizione dei diritti della parte attrice - Risoluzione o nullità dei due contratti – Inagibilità degli immobili e incompatibilità della loro destinazione urbanistica con l’attività esercitata dal promissario acquirente – Mancato riconoscimento di un indennizzo per un capannone da questi realizzato e poi venduto a terzi dalla controparte - Corte di Cassazione, sez. VI, ordinanza n. 10665 del 6 giugno 2020, a cura di Riccardo Redivo, già presidente di sezione della Corte d’Appello di Roma.

. . . . . continua a visualizzare tutti i documenti della sezione attualità, news . . .- ->

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

scuola gestori crisi impresa

E INSOLVENZA - SOVRAINDEBITAMENTO

logo Univ foro mini

CORSO UNIVERSITARIO DI PERFEZIONAMENTO  - A DISTANZA IN AULA VIRTUALE  INTERATTIVA OPPURE ON DEMAND - ABILITANTE PER L'ISCRIZIONE ALL'ALBO NAZIONALE DEI CURATORI, COMMISSARI GIUDIZIALI, LIQUIDATORI, ESPERTI E COADIUTORI E COMPONENTI COLLEGIO OCRI  E ABILITANTE PER L'ISCRIZIONE NELL'ELENCO DEI GESTORI DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

. . . Leggi tutto

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Convegni di gruppo in Videoconferenza..

ACCREDITATI DAL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE.

Dal 2015 alcuni Avvocati si aggiornano, a distanza direttamente dallo studio, con i convegni di gruppo in videoconferenza accreditati dal C.N.F. utilizzando la rivoluzionaria tecnologia sviluppata dall’Ente di Formazione e Aggiornamento Foroeuropeo.

22 settembre 2020  - Convegno in videoconferenza di gruppo

22 settembre 2020-h.13.30/16.30  – Diritto Processuale Civile: La notifica in proprio L. 53/1994 - Relatori: Avv. Domenico Condello, Docente di Informatica Giuridica, Già Consigliere dell'Ordine degli Avvocati di Roma - Dott. Marco Raoul Marini, Dottore di ricerca in Informatica – Università La Sapienza, Docente di Informatica e Tecnologie della comunicazione digitale - Università La Sapienza.  Convegno in videoconferenza accreditato dal C.N.F. – due crediti formativi ordinari. 

20 ottobre 2020 - Convegno in videoconferenza di gruppo

20 ottobre 2020 h.13.30/16.30 - Informatica giuridica: Il Processo Civile telematico.  - Relatori: Avv. Domenico Condello, Docente di Informatica Giuridica, Già Consigliere dell'Ordine degli Avvocati di Roma –Foroeuropeo - Dott. Marco Raoul Marini, Dottore di ricerca in Informatica – Università La Sapienza, Docente di Informatica e Tecnologie della comunicazione digitale - Università La Sapienza.  Convegno in videoconferenza accreditato dal C.N.F. – due crediti formativi ordinari. 

10 Novembre 2020 - Convegno in videoconferenza di gruppo

10 Novembre 2020 h.13.30/16.30 - Diritto di Famiglia in preparazione  – Convegno in videoconferenza in fase di richiesta di accreditamento al C.N.F. – Richiesti due crediti formativi. 

24 Novembre 2020 - Convegno in videoconferenza di gruppo

24 Novembre 2020 h.13.30/16.30 - La Legge professionale (247/2012): artt. 13 e 13 bis. I parametri D.M. 55/2014 e D.M. 37/2018 per l’attività professionale svolta. I contratti d’opera professionali. Gli articoli di riferimento del Codice Deontologico Forense. Relatori: Avv. Mauro Mazzoni, Vicepresidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma e  Avv. Domenico Condello, Già Consigliere dell'Ordine degli Avvocati di Roma ,Direttore Scientifico rivista giuridica online – Foroeuropeo – Convegno in videoconferenza in fase di accreditamento al C.N.F. – Richiesti tre crediti formativi deontologici. 

In considerazione della delibera del C.N.F. e della particolare crisi sanitaria ed economica la durata del pacchetto dei convegni di gruppo in videoconferenza viene prolungata fino al 31 dicembre 2021. . . . . . . altre informazioni, iscrizione, costi e modalità di utilizzo cliccare qui - - >

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Convegni in streaming..

ACCREDITATI DAL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE.

6 Ottobre 2020 - video seminario in streaming

Martedì, 6 Ottobre 2020 (h. 13.30-16.30 – tre ore) video seminario in diretta streaming - La notifica in proprio - L. 53/1994 -  Accreditato dal Consiglio Nazionale Forense - 3 crediti formativi.

17 novembre 2020 - video seminario in streaming a

Martedì,  17 novembre 2020 (h. 13.30-16.30 – tre ore) video seminario in diretta streaming - Il processo civile telematico - Accreditato dal Consiglio Nazionale Forense - 2 crediti formativi.

. . . . . . . altre informazioni, iscrizione, costi e modalità di utilizzo cliccare qui - - >

.

Convegni, Seminari, Corsi, Eventi, ..

Mercoledì 23 Settembre 2020 h. 15/16 - Il salotto giuridico digitale foroeuropeo

Mercoledì 23 Settembre 2020 h. 15/16 - Il salotto giuridico digitale foroeuropeo - Incontro con: Prof. Giuliano Cazzola e Prof. Edoardo  Arena  - Parleremo di: SmartWork e Telelavoro al Tempo del Covid - equivoci e trappole - Video seminario gratuito trasmesso in diretta e in modalità interattiva nell'aula virtuale della Scuola di Aggiornamento e Formazione a Distanza Foroeuropeo

8 Ottobre 2020 I EDIZIONE: Corso di formazione in materia di appalti pubblici

8 Ottobre 2020 I Edizione: Corso di formazione in materia di appalti pubblici:- La gara – Il concorrente - L’offerta - Il Contratto - Relatori  Avv. Antonio Pazzaglia - Avv. Francesco Nardocci  -Avv. Eugenio Barrile - frontale (Richiesto accreditamento al COA di Roma) a distanza (aula virtuale Foroeuropeo)  

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Processo telematico - news, ..

 Decreto 22 maggio 2020 del processo amministrativo telematico

DECRETO 22 maggio 2020 - Regole tecnico-operative per l'attuazione del processo amministrativo telematico, nonchè per la sperimentazione e la graduale applicazione dei relativi aggiornamenti. (20A02846) (GU n.135 del 27-5-2020) SEGRETARIATO GENERALE DELLA GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA

Regole tecnico-operative e relative specifiche tecniche del processo amministrativo telematico ALLEGATO 1

DECRETO 22 maggio 2020 - Regole tecnico-operative per l'attuazione del processo amministrativo telematico, nonchè per la sperimentazione e la graduale applicazione dei relativi aggiornamenti. (20A02846) (GU n.135 del 27-5-2020) SEGRETARIATO GENERALE DELLA GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA

Regole tecnico-operative del processo amministrativo telematico - Allegato 3

DECRETO 22 maggio 2020 - Regole tecnico-operative per l'attuazione del processo amministrativo telematico, nonchè per la sperimentazione e la graduale applicazione dei relativi aggiornamenti. (20A02846) (GU n.135 del 27-5-2020) SEGRETARIATO GENERALE DELLA GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA

Specifiche tecniche del processo amministrativo telematico - Allegato 2

DECRETO 22 maggio 2020 - Regole tecnico-operative per l'attuazione del processo amministrativo telematico, nonchè per la sperimentazione e la graduale applicazione dei relativi aggiornamenti. (20A02846) (GU n.135 del 27-5-2020) SEGRETARIATO GENERALE DELLA GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA - Specifiche tecniche - Allegato 2

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Massime corte di cassazione

folder icon.oltre 25.000 massime della corte di cassazione in Foroeuropeo divise per materie - - >


folder icon.tutte le massime (oltre 25.000) della corte di cassazione in Foroeuropeo - - >


Procedimento civile - capacita' processuale - autorizzazione ad agire e contraddire - societa' ed altri enti - Corte di Cassazione, Sez. 5 - , Ordinanza n. 6799 del 11/03/2020 (Rv. 657399 - 01)

Persona giuridica - Legale rappresentante - Fonte del potere rappresentativo soggetta a pubblicità legale - Conferimento del mandato al difensore - Contestazione della qualità di legale rappresentante - Onere probatorio a carico della parte che solleva l'eccezione - Impossibilità di individuare il nominativo di chi ha rilasciato la procura - Dichiarazione di inammissibilità del ricorso - Esclusione - Invito della parte a regolarizzare il ricorso - Necessità - Fondamento.

Impugnazioni civili - cassazione (ricorso per) - giurisdizioni speciali (impugnabilita') - commissioni tributarie - Corte di Cassazione, Sez. 5 - , Sentenza n. 6855 del 11/03/2020 (Rv. 657394 - 01)

Amministrazione finanziaria - Notificazione atti - A mezzo di messo - Limitazione a giudizio di primo e secondo grado - Sussistenza - Ricorso per cassazione - Notificazione a mezzo di ufficiale giudiziario - Necessità - Fondamento - Violazione - Conseguenze.

Agricoltura - bonifica - consorzi - contributi consorziali - Corte di Cassazione, Sez. 5 - , Sentenza n. 6839 del 11/03/2020 (Rv. 657453 - 01)

Contributi consortili - Mancata contestazione o impugnazione del piano di classifica richiamato dalla cartella - Conseguenze - Contestazione della sussistenza dei benefici - Ammissibilità - Onere della prova - Poteri istruttori del giudice e disapplicazione dell'atto.

Impiego pubblico - accesso ai pubblici impieghi in genere – Corte di Cassazione, Sez. 6 - L, Ordinanza n. 5740 del 03/03/2020 (Rv. 657303 - 01)

Pubblico impiego privatizzato - Abusiva reiterazione di contratti a termine - Danno ex art. 36, comma 5, del d.lgs. n. 165 del 2001 - Natura contrattuale - Conseguenze sul regime prescrizionale.

Provvedimenti del giudice civile - "ius superveniens" - omessa pronuncia - Corte di Cassazione, Sez. 6 - L, Ordinanza n. 5730 del 03/03/2020 (Rv. 657560 - 01)

Vizio di omessa pronuncia - Configurabilità - Condizioni - Mancato o insufficiente esame delle argomentazioni delle parti - Esclusione - Vizi configurabili.

Procedimento civile - capacita' processuale - rappresentanza del procuratore e dell'institore - Corte di Cassazione, Sez. L - , Ordinanza n. 5681 del 02/03/2020 (Rv. 657514 - 01)

"Contemplatio domini" in sede processuale - Formule sacramentali - Necessità - Esclusione - Conseguenze - Fattispecie.

Procedimento civile - litisconsorzio - necessario – Corte di Cassazione, Sez. L - , Ordinanza n. 5679 del 02/03/2020 (Rv. 657513 - 01)

Eccezione di non integrità del contraddittorio - Oneri del deducente - Rilevabilità d'ufficio - Sussistenza - Fattispecie.

Giustizia amministrativa - obbligo della pubblica amministrazione di conformarsi al giudicato - giudicato amministrativo – Corte di Cassazione, Sez. L - , Ordinanza n. 5678 del 02/03/2020 (Rv. 657177 - 01)

Giudizio di ottemperanza - Operato del commissario "ad acta" - Integrazione dell'accertamento reso in sede giudiziale - Esclusione - Fondamento.

Impiego pubblico - accesso ai pubblici impieghi – Corte di Cassazione, Sez. L - , Ordinanza n. 5895 del 03/03/2020 (Rv. 657178 - 01)

Personale dipendente della pubblica amministrazione - Estinzione del rapporto a termine - Successiva assunzione in ruolo - Trattamento di fine rapporto per il primo rapporto - Liquidazione 

Lavoro - lavoro subordinato (nozione, differenze dall'appalto e dal rapporto di lavoro autonomo, distinzioni) - costituzione del rapporto - assunzione - tirocinio (apprendistato) – Corte di Cassazione, Sez. L - , Sentenza n. 6094 del 04/03/2020 (Rv. 65717

Contratto di inserimento ex artt. 54 e ss. del d.lgs. n. 276 del 2003 - Definizione del progetto "con il consenso del lavoratore" - Interpretazione - Approvazione - Sufficienza - Negoziazione - Esclusione.

............... vedi tutte le massime della Corte di Cassazione in archivio Foroeuropeo

..

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Scuola Amministratori condominio

Corso abilitante online Amministratore condominio

Corso abilitante ONLINE Amministratore condominio - Viene rilasciato l'attestato di partecipazione che consente di svolgere l'attività professionale ai sensi dell'art. 71 bis disp. att. c.c. e d.m. 140/2014

Corso di aggiornamento online Amministratore condominio 2020

Corso di aggiornamento ONLINE Amministratore condominio - Viene rilasciato l'attestato di partecipazione che consente di svolgere l'attività di amministratore del condominio ai sensi dell'art. 71 bis disp. att. c.c. e d.m. 140/2014. 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Avvocati: Osservatorio forense

(DECISIONI, PARERI, CIRCOLARI,. .C.N.F. )

Sanzioni ad avvocati che speculano sul dolore" “Forte condanna per iscritti che violano principi etici dell’avvocatura

Coronavirus, CNF: "Sanzioni ad avvocati che speculano sul dolore" “Forte condanna per iscritti che violano principi etici dell’avvocatura”

Avvocati - delibera C.N.F. riduzione obblighi formativi - Tirocinio forense richiesta deroga al Ministro della Giustizia rilascio certificato di compiuto tirocinio

Avvocati: Obblighi formativi anno 2020 ridotti a cinque  - Praticanti Avvocati : Tirocinio forense, semestre dal 1° gennaio al 30 giugno 2020, richiesta al Ministro della Giustizia, in deroga al disposto dei cui all'articolo 8 comma 4 del DM 17 marzo 2016 n. 70, di consentire il rilascio del certificato di compiuto tirocinio anche qualora il tirocinante non abbia assistito a venti udienze nel semestre dal 1° gennaio al 30 giugno 2020 - Delibera del C.N.F. del 20 Marzo 2020

..... segue tutte le massime del Consiglio Nazionale Forense in archivio Foroeuropeo

..

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Approfondimenti - eBook - Quaderni

Relazione - Profili penalistici in materia fiscale e per esigenze indifferibili

Profili penalistici in materia fiscale e per esigenze indifferibili - Relazione  a cura della Corte Suprema di Cassazione - ufficio del massimario e del ruolo Servizio Penale - Roma, 9 gennaio 2020 - link al sito web

Il nuovo processo civile del Ministro Buonafede. comunicato alla presidenza del Consiglio dei ministri il 9 gennaio 2020

efficienza del processo civile e revisione della disciplina degli strumenti di risoluzione alternativa delle controversie. Il nuovo processo civile del Ministro Buonafede. comunicato alla presidenza del Consiglio dei ministri il 9 gennaio 2020

Notifica a mezzo pec - osservatorio

Notifica a mezzo pec - osservatorio

Glossario privacy - protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali

Glossario - relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva

..... segue tutti i documenti in archivio Foroeuropeo

..

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

eBook - manuali

puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se continui ad utilizzare questo sito web, acconsenti all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo

Uso dei cookie

Foroeuropeo.eu o il “Sito” utilizza i Cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che visiona le pagine di Foroeuropeo.eu.
Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’Utente.
Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.
Analizzandoli in maniera particolareggiata i nostri cookie permettono di:

  • memorizzare le preferenze inserite
  • evitare di reinserire le stesse informazioni più volte durante la visita quali ad esempio nome utente e password
  • analizzare l’utilizzo dei servizi e dei contenuti forniti da Foroeuropeo.eu.com per ottimizzarne l’esperienza di navigazione e i servizi offerti

Tipologie di Cookie utilizzati da Foroeuropeo.eu

A seguire i vari tipi di cookie utilizzati da Foroeuropeo.eu in funzione delle finalità d’uso

Cookie Tecnici

Questa tipologia di cookie permette il corretto funzionamento di alcune sezioni del Sito. Sono di due categorie: persistenti e di sessione:

  • persistenti: una volta chiuso il browser non vengono distrutti ma rimangono fino ad una data di scadenza preimpostata
  • di sessioni: vengono distrutti ogni volta che il browser viene chiuso

Questi cookie, inviati sempre dal nostro dominio, sono necessari a visualizzare correttamente il sito e in relazione ai servizi tecnici offerti, verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l’utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser (inficiando così la visualizzazione delle pagine del sito).

Cookie analitici

I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del sito. Foroeuropeo.eu userà queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del Sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul Sito. I cookie analitici sono inviati dal Sito Stesso o da domini di terze parti.

Cookie di analisi di servizi di terze parti

Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del Sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni al Sito.

Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti

Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del Sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del Sito.

Cookie di profilazione

Sono quei cookie necessari a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.


Foroeuropeo.eu, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookie tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

Per tutte le altre tipologie di cookie il consenso può essere espresso dall’Utente con una o più di una delle seguenti modalità:

  • Mediante specifiche configurazioni del browser utilizzato o dei relativi programmi informatici utilizzati per navigare le pagine che compongono il Sito.
  • Mediante modifica delle impostazioni nell’uso dei servizi di terze parti

Entrambe queste soluzioni potrebbero impedire all’utente di utilizzare o visualizzare parti del Sito.

Siti Web e servizi di terze parti

Il Sito potrebbe contenere collegamenti ad altri siti Web che dispongono di una propria informativa sulla privacy che può essere diverse da quella adottata da Foroeuropeo.eu e che che quindi non risponde di questi siti.


Cookie utilizzati da Foroeuropeo.eu

A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito:

  • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni
  • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo)  dell’utente –  necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti
  • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi
  • _dc – di sessione – utilizzato per limitare le richieste di remarketing (non presente ad ora su Foroeuropeo.eu.com) che sono state fatte necessario al servizio di terze parti di Google Analytics. Dura 10 minuti
  • PHPSESSID  – di sessione – necessarioda WordPress per identificare la singola sessione di un utente.
  • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni
  • frm_form8_0398a1368566c8697942eb6f74ad02a5 – sessione – necessario per i referral del modulo di contatto

Cookie di terze parti:

  • Facebook:
    • act – sessione
    • c_user – persistente
    • csm – persistente
    • datr – persistente
    • fr – persistente
    • i_user – sessione
    • lu – persistente
    • p – sessione
    • presence – sessione
    • s – persistente
    • x-src – persistente
    • xs – persistente
    • datr – persistente
    • lu – persistente
  • Google +
    • AID – persistente
    • APISID – persistente
    • HSID – persistente
    • NID – persistente
    • OGP – persistente
    • OGPC – persistente
    • PREF – persistente
    • SAPISID – persistente
    • SID – persistente
    • SSID – persistente
    • TAID – persistente
    • OTZ – persistente
    • PREF – persistente
    • ACCOUNT_CHOOSER – persistente
    • GAPS – persistente
    • LSID – persistente
    • LSOSID – persistente
    • RMME – persistente
  • Twitter
    • __utma – persistente
    • __utmv – persistente
    • __utmz – persistente
    • auth_token – persistente
    • guest_id – persistente
    • pid – persistente
    • remember_checked – persistente
    • remember_checked_on – persistente
    • secure_session – persistente
    • twll – persistente
    • dnt – persistente
    • eu_cn – persistente
    • external_referer – persistente
  • Mozcast
    • __utma – persistente
    • __utmz – persistente

Come disabilitare i cookie mediante configurazione del browser

Chrome

  1. Eseguire il Browser Chrome
  2. Fare click sul menù chrome-impostazioni presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
  3. Selezionare Impostazioni
  4. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
  5. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti
  6. Nella sezione “Cookie” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
    • Consentire il salvataggio dei dati in locale
    • Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser
    • Impedire ai siti di impostare i cookie
    • Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti
    • Gestire le eccezioni per alcuni siti internet
    • Eliminazione di uno o tutti i cookie

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Mozilla Firefox

  1. Eseguire il Browser Mozilla Firefox
  2. Fare click sul menù firefox impostazioni presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
  3. Selezionare Opzioni
  4. Seleziona il pannello Privacy
  5. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
  6. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti
  7. Nella sezione “Tracciamento” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
    • Richiedi ai siti di non effettuare alcun tracciamento
    • Comunica ai siti la disponibilità ad essere tracciato
    • Non comunicare alcuna preferenza relativa al tracciamento dei dati personali
  8. Dalla sezione “Cronologia” è possibile:
    • Abilitando “Utilizza impostazioni personalizzate” selezionare di accettare i cookie di terze parti (sempre, dai siti più visitato o mai) e di conservarli per un periodo determinato (fino alla loro scadenza, alla chiusura di Firefox o di chiedere ogni volta)
    • Rimuovere i singoli cookie immagazzinati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Internet Explorer

  1. Eseguire il Browser Internet Explorer
  2. Fare click sul pulsante Strumenti e scegliere Opzioni Internet
  3. Fare click sulla scheda Privacy e nella sezione Impostazioni modificare il dispositivo di scorrimento in funzione dell’azione desiderata per i cookie:
    • Bloccare tutti i cookie
    • Consentire tutti i cookie
    • Selezione dei siti da cui ottenere cookie: spostare il cursore in una posizione intermedia in modo da non bloccare o consentire tutti i cookie, premere quindi su Siti, nella casella Indirizzo Sito Web inserire un sito internet e quindi premere su Blocca o Consenti

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari 6

  1. Eseguire il Browser Safari
  2. Fare click su Safari, selezionare Preferenze e premere su Privacy
  3. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.
  4. Per visionare quali siti hanno immagazzinato i cookie cliccare su Dettagli

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari iOS (dispositivi mobile)

    1. Eseguire il Browser Safari iOS
    2. Tocca su Impostazioni e poi Safari

  • Tocca su Blocca Cookie e scegli tra le varie opzioni: “Mai”, “Di terze parti e inserzionisti” o “Sempre”
  • Per cancellare tutti i cookie immagazzinati da Safari, tocca su Impostazioni, poi su Safari e infine su Cancella Cookie e dati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Opera

  1. Eseguire il Browser Opera
  2. Fare click sul Preferenze poi su Avanzate e infine su Cookie
  3. Selezionare una delle seguenti opzioni:
    • Accetta tutti i cookie
    • Accetta i cookie solo dal sito che si visita: i cookie di terze parti e che vengono inviati da un dominio diverso da quello che si sta visitando verranno rifiutati
    • Non accettare mai i cookie: tutti i cookie non verranno mai salvati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.


Come disabilitare i cookie di servizi di terzi


Questa pagina è visibile, mediante link in calce in tutte le pagine del Sito ai sensi dell’art. 122 secondo comma del D.lgs. 196/2003 e a seguito delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.126 del 3 giugno 2014 e relativo registro dei provvedimenti n.229 dell’8 maggio 2014.

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati