Incompatibilità - iscrizione all'albo quale ex magistrato - presidente del consiglio d'amministrazione di un ente pubblico Parere Consiglio nazionale forense 14-01-2011, n. 11

Avvocati - Incompatibilità - iscrizione all'albo quale ex magistrato - presidente del consiglio d'amministrazione di un ente pubblico, con deleghe a rappresentare l'ente, congiuntamente e disgiuntamente dall'amministratore delegato - sono compatibili con il disposto dell'art. 3 l.p.f. solo quegli incarichi che prevedono la sottrazione dell'avvocato alla gestione operativa, ad esempio in ragione della presenza di un amministratore delegato dotato di adeguati poteri - Parere Consiglio nazionale forense 14-01-2011, n. 11

Quesito del COA di Roma, rel. cons. Perfetti. Parere 14 gennaio 2011, n. 11

Il quesito verte sulla possibilità di iscrivere nell'albo un soggetto che, avendo titolo per l'iscrizione all'albo quale ex magistrato, rivesta al momento la qualità di presidente del consiglio d'amministrazione di un ente pubblico, con deleghe a rappresentare l'ente, congiuntamente e disgiuntamente dall'amministratore delegato.

"Deve essere anzitutto ricordata la stabile interpretazione della Commissione Consultiva e della giurisprudenza del Consiglio Nazionale sul tema in esame, secondo la quale è incompatibile con l'esercizio della professione forense l'assunzione della carica di presidente del Consiglio di amministrazione di società commerciale che comporti poteri gestori (v., da ultimo, il parere 23 luglio 2009, n. 33 e i precedenti ivi richiamati).

Pur dovendosi giudicare ciascuna fattispecie concreta alla luce delle circostanze del caso (ad es. tramite l'analisi dello statuto sociale), compito spettante in via esclusiva al Consiglio dell'Ordine circondariale, la Commissione sottolinea come siano compatibili con il disposto dell'art. 3 l.p.f. solo quegli incarichi che prevedono la sottrazione dell'avvocato alla gestione operativa, ad esempio in ragione della presenza di un amministratore delegato dotato di adeguati poteri, connotando così la carica dell'iscritto nell'albo con una funzione di rappresentanza o di garanzia, incarichi che preservino dunque l'indipendenza e l'autonomia di giudizio che devono permanere in capo al libero professionista, per cui la legge qualifica incompatibile con l'iscrizione nell'albo l'eventuale svolgimento di attività imprenditoriale."

 

Stampa Email

Articoli collegati

eBook - manuali

Incompatibilità - iscrizione all'albo quale ex magistrato - presidente del consiglio d'amministrazione di un ente pubblico  Parere Consiglio nazionale forense 14-01-2011, n. 11 - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

Incompatibilità - iscrizione all'albo quale ex magistrato - presidente del consiglio d'amministrazione di un ente pubblico  Parere Consiglio nazionale forense 14-01-2011, n. 11 - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati