Esami di abilitazione - Ammissione prova orale - Provvedimento del TAR

Avvocati - Esami di abilitazione - Ammissione prova orale - Provvedimento del TAR

Esami di abilitazione - Ammissione prova orale - Provvedimento del TAR (Cassazione – SU civili – sentenza 18 marzo-24 giugno 2004, n. 11750)

Cassazione – SU civili – sentenza 18 marzo-24 giugno 2004, n. 11750

Svolgimento del processo

1. La dottoressa Michela Giannini, non ammessa a sostenere le prove orali della sessione degli esami di avvocato dell’anno 1999, che si tenevano presso la Corte di appello di Torino, impugnò il provvedimento di non ammissione davanti al Tar per la Lombardia e ne chiese l’annullamento; chiese anche che l’efficacia del provvedimento fosse sospesa cautelarmente e fosse ordinato alla Commissione esaminatrice di ammetterla con riserva a sostenere le prove orali del concorso.

Il Tribunale regionale, avendo sollevato d’ufficio questione di costituzionalità dell’articolo 3 della legge 241/90, sospese il procedimento e «in ossequio al principio di effettività della tutela giurisdizionale, ritenuti sussistenti i presupposti per la concessione dell’invocata tutela cautelare», dispose che la ricorrente fosse ammessa, con riserva, a sostenere le prove orali degli esami di avvocato.

La dottoressa Giannini, superate le prove orali, domandò di essere iscritta nell’Albo degli avvocati di Milano.

Il Consiglio dell’Ordine, con deliberazione del 20 settembre 2001, dispose di iscrivere la dottoressa Michela Giannini nell’Albo degli avvocati, con riserva dell’esito del giudizio di merito pendente davanti al Tar e dichiarò: che il precedente suo orientamento, d’iscrivere all’Albo coloro che avevano superato le prove orali, alle quali erano stati ammessi con ordinanza cautelare sospensiva del provvedimento di non ammissione alle prove stesse, doveva essere confermato; che l’oggetto di cui la ricorrente aveva chiesto la tutela era il conseguimento dell’abilitazione, all’adempimento del quale esso Consiglio era tenuto, stante l’ordinanza del giudice amministrativo; che la conclusione era giustificata dal principio di effettività e completezza della tutela giurisdizionale, che impone di assicurare interinalmente gli stessi effetti che possono diventare definitivi con la decisione nel merito del ricorso amministrativo; che, in caso contrario, l’interessata non avrebbe ricavato alcuna utilità dal provvedimento cautelare; che la valutazione positiva del fumus boni iuris, compiuta dal Tar, aveva avuto un’implicita conferma dalla mancata impugnazione dell’ordinanza cautelare da parte del ministero della Giustizia e dal comportamento processuale dalla Pa.

2. Il Pg della Repubblica presso la Corte di appello di Milano, con ricorso del 24 gennaio 2002, ha impugnato la decisione davanti al Cnf, chiedendone l’annullamento. Secondo il Pg l’annullamento doveva essere pronunciato, sia perché l’oggetto del ricorso amministrativo non era costituito dal provvedimento di abilitazione, ma dalla correttezza della valutazione delle prove scritte, sia perché l’ordine del giudice amministrativo si limitava all’ammissione con riserva della ricorrente a sostenere le prove orali del concorso, senza toccare il problema del conseguimento dell’abilitazione. L’errore in cui era incorso il Consiglio dell’Ordine, secondo il Pg, era stato di avere fatto derivare dalla decisione di sospensione effetti sostanziali contrastanti con la natura di giurisdizione sull’atto del giudice amministrativo e con la funzione di contemperamento dell’interesse pubblico e di quello individuale, svolta dall’atto amministrativo. Il Pg, richiamata l’articolazione in prove scritte ed orali dell’esame di abilitazione alla professione forense, ha aggiunto che la sospensione disposta dal Tar non comportava un giudizio positivo delle prove scritte, ma solo l’annullamento interinale degli effetti che potevano derivare dall’annullamento della valutazione negativa delle prove scritte compiuta dalla commissione esaminatrice.

3. L’impugnazione è stata accolta dal Cnf, con deliberazione del 30 maggio 2003.

4. La dottoressa Michela Giannini ha proposto ricorso contro la decisione. Gli intimati Pg presso la Corte di cassazione, Pg presso la Corte di appello di Milano e Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Milano non hanno svolto attività difensiva.

Motivi della decisione

1. Oggetto del giudizio. L’oggetto di questo giudizio è costituito da impugnazione di decisione del Cnf, emessa in tema d’iscrizione all’Albo degli avvocati.

Ai fini del tema, i dati normativi rilevanti sono contenuti nel Rdl 1578/33, sull’Ordinamento della professione di avvocato.

Secondo il decreto, l’iscrizione nell’Albo degli avvocati è deliberata dai Consigli dell’Ordine degli Avvocati e può essere cancellata qualora sia accertato il difetto dei titoli e requisiti in base ai quali l’iscrizione fu disposta: articolo 16.

Per l’iscrizione è necessario essere risultato anche vincitore nell’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense: articolo 17, n. 6.

Le deliberazioni adottate dai Consigli dell’ordine in tema d’iscrizione all’Albo sono impugnabili davanti al Cnf, ai sensi dell’articolo 54, n. 1; contro queste ultime decisioni è ammesso ricorso a queste Su per incompetenza, eccesso di potere e violazione di legge: articolo 56, terzo comma.

L’oggetto di questo giudizio, quindi, è costItuito dell’impugnazione della decisione con la quale il Cnf ha accolto il ricorso proposto dal Pg di Milano contro la deliberazione del 20 settembre 2001, con la quale il Consiglio dell’Ordine di Milano aveva iscritto l’attuale ricorrente nel locale Albo degli avvocati.

2. Motivi del ricorso. Il ricorso, articolato in quattro motivi, è rigettato nei limiti di seguito indicati.

3. È preliminare l’esame del quarto motivo del ricorso, con il quale è denunciata nullità della decisione impugnata, perché non sottoscritta, nell’originale, dal suo estensore: censura di violazione dell’articolo 64 Rd 37/1934, dell’articolo 132 Cpc, dell’articolo 119 delle disposizioni di attuazione di detto codice ed eccezione di illegittimità costituzionale dell’articolo 64 prima indicato.

Il motivo non è fondato.

Le deliberazioni del Cnf (e quelle dei Consigli dell’ordine locali) sono sempre sottoscritte dal solo presidente e dal segretario, giammai dal relatore.

Ciò è disposto, in via generale dall’articolo 44 Rd 37/1934 sull’ordinamento della professione di avvocato (in questo senso, già Su 9069/03) e, con riferimento alle deliberazioni speciali in materia disciplinare, dagli articoli 51 e 64 dello stesso decreto (in questo senso, già Su 2153/85 e 257/03).

Il fatto che le disposizioni del codice di procedura civile dispongano che la sentenza sia sottoscritta anche dall’estensore non ha rilevanza alcuna, stante il carattere speciale delle norme integrative e di attuazione dell’Ordinamento della professione forense, contenute nel citato Rd 37/1934.

La denunciata nullità, pertanto, non ricorre. Né vale obbiettare che il sistema indicato nel Rd 37/1934 non assicura alle parti la certezza della conformità della decisione alla volontà del Collegio e che, per questa ragione, è in contrasto con i principi contenuti negli articoli 24 e 101 della Costituzione.

La sottoscrizione della sentenza collegiale da parte del presidente e del giudice estensore, disposta dall’ultimo comma dell’articolo 132 Cpc, pur svolgendo la funzione di assunzione di responsabilità della decisione, non può essere messa sullo stesso piano di quella della scrittura privata o dell’atto pubblico, perché si tratta di sottoscrizione, come ufficio, attestante l’identità del giudice che ha deliberato la sentenza con quello che ha partecipato alla discussione della causa e può anche mancare, senza che l’atto sia in alcun modo invalido, come si ricava dalla disposizione contenuta nell’ultima parte del citato articolo 132 Cpc.

In altre parole, la sottoscrizione dell’estensore non attribuisce alla sentenza la certezza indicata dalla ricorrente e non incide né sul diritto di difesa, né sull’indipendenza del giudice; di modo che l’eccezione di incostituzionalità, sollevata dalla ricorrente, è manifestamente infondata.

4. Non è fondato neppure il primo motivo del ricorso.

Con il motivo, alla decisione impugnata è addebitato il vizio del difetto assoluto di motivazione: censura di violazione e falsa applicazione dell’articolo 111 della Costituzione, dell’articolo 64 del Rd 37/1934 e dell’articolo 132 n. 4 Cpc.

4.1. Il Cnf, nella decisione, ha dichiarato di volersi uniformare ad una sua precedente pronuncia su questione analoga, enunciando in “sintesi” le ragioni della decisione.

La ricorrente sostiene che il rinvio alla precedente decisione ha comportato il vizio della mancanza di motivazione della decisione, sia perché non sono indicate le ragioni sulle quali si fondano i precedenti richiamati, sia perché i richiami non sono corretti, riguardando decisione adottata in un diverso assetto normativo della disciplina dei procedimenti cautelari nel processo amministrativo.

La censura non è fondata.

4.2. La decisione impugnata solo apparentemente manca della motivazione. Essa, infatti, non si limita a riportarsi al precedente riguardante la stessa questione o agli argomenti indicati nel ricorso del Pg, facendoli propri, ma aggiunge quelli dell’illegittimità di un’iscrizione condizionata, dell’interesse pubblico non salvaguardato da tale forma di iscrizione e della non pertinenza del principio dell’assorbimento.

Ciò è sufficiente per escludere che nella decisione impugnata manchi la motivazione.

5. Con il secondo motivo la ricorrente si riferisce al capo della decisione, nel quale il Cnf ha dichiarato che la legge non consente l’iscrizione con riserva all’Albo professionale.

5.1. Il Cnf, premesso che il giudizio amministrativo promosso dalla dottoressa Giannini era diretto a censurare il provvedimento di non ammissione alle prove orali del concorso per l’abilitazione alla professione forense e che in una propria decisione su questione analoga era stato espresso un orientamento conforme a quello indicato dal ricorrente, ha dichiarato di voler confermare il proprio orientamento sia nelle conclusioni, sia nelle sostanziali motivazioni.

Queste, “nella loro espressiva sintesi”, sono state indicate nelle seguenti:

a) l’iscrizione condizionata all’albo professionale non è consentita dalla legge;

b) l’apposizione di una condizione all’iscrizione nell’albo professionale non prende in considerazione l’esigenza, d’interesse pubblico, di impedire il pregiudizio per le parti private di essere assistite da un soggetto non professionalmente qualificato.

5.2. Contro queste motivazioni, la ricorrente ha svolto le seguenti considerazioni.

In primo luogo, il Consiglio dell’Ordine aveva il potere ‑ dovere di procedere all’iscrizione “con” o “senza” riserva, dovendo ottemperare all’ordine del giudice amministrativo, seguito dal superamento delle prove orali. Il pericolo che poteva derivare dal rigetto del ricorso nella fase di merito era evitato dall’obbligo del Consiglio di cancellare, con effetto ex nunc, l’iscrizione nel caso di accertata mancanza dei requisiti per l’iscrizione.

In secondo luogo, l’iscrizione con riserva è ammessa dall’articolo 17bis del Rd 37/1934, dal quale si ricava che l’idoneità all’esercizio della professione forense è data dal superamento della prova orale; pertanto, il Consiglio dell’Ordine non aveva il potere di sindacare il “perché” ed il “come” le fosse stato consentito di partecipare alla prova orale, appartenendo tale sindacato alla giurisdizione del giudice amministrativo. Infine, nella materia dei pubblici concorsi, la tutela cautelare non è predisposta per soddisfare l’interesse della pubblica amministrazione, ma per assicurare, sia pure interinalmente, al ricorrente di esercitare la professione forense: censure di violazione dell’articolo 21, comma ottavo, della legge 1034/71, nel testo modificato dalla legge 205/00, degli articoli 16 e 37 del Rdl. 1578/33; dell’articolo 17bis Rd 37/1934; violazione del principio dell’effettività della tutela cautelare, violazione degli articoli 23 e 113 della Costituzione e conseguente incompetenza ed eccesso di potere per invasione della competenza giurisdizionale del giudice amministrativo e di quella del Consiglio dell’Ordine.

5.3. La fondatezza del motivo non può essere collegata ad un vizio d’incompetenza o di eccesso di potere nella decisione impugnata. Essa, infatti, non si è sostituita al Consiglio dell’Ordine con una decisione di merito, che possa essere affetta dai vizi denunciati.

5.4. Si deve, piuttosto, convenire con la decisione impugnata sul fatto che l’iscrizione condizionata all’Albo degli avvocati, formalmente, non è prevista dalla legge, che non prevede che all’atto d’iscrizione possa essere apposta una condizione, intesa come elemento accidentale dell’atto.

Nel caso di cui si discute, tuttavia, ricorre una clausola collegata alla volontà dell’autore del provvedimento, Piuttosto che al suo contenuto; di modo che essa si risolve in una riserva di revoca del provvedimento d’iscrizione.

Intesa in questo modo, la clausola d’iscrizione con riserva, implicitamente, è indicata nel secondo comma dell’articolo 16 del Rdl. 1578/33, secondo il quale la cancellazione dell’iscrizione può essere disposta quando, in sede di revisione delle iscrizioni, è accertato il difetto dei titoli e requisiti in base ai quali fu disposta l’iscrizione.

In altri termini, quando il giudizio amministrativo di merito promosso dal candidato ammesso con provvedimento cautelare si concludesse con un provvedimento di rigetto, la condizione apposta varrebbe come condizione risolutiva dell’iscrizione, perché il Consiglio dell’Ordine ha il potere di revocarla.

Gli effetti del provvedimento di revoca, naturalmente, sarebbero ex nunc, com’è tipico dell’istituto della revoca: Cassazione 12016/91.

Il fatto che, nella specie, la dottoressa Giannini sia stata iscritta con riserva non è quindi motivo di nullità del provvedimento d’iscrizione.

5.5. Non è motivo di nullità dell’iscrizione con riserva neppure il. fatto che l’atto non prende in considerazione l’esigenza di impedire il pregiudizio per le parti private di essere assistite da un soggetto non professionalmente qualificato.

Una tale previsione non appartiene al procedimento d’iscrizione.

Se è vero, infatti, che la tutela cautelare amministrativa, alle origini, era valutata soltanto alla luce dell’interesse pubblico, tanto è vero che l’esame del giudice avveniva nella prospettiva di un danno grave, che l’amministrazione avrebbe potuto subire se la sospensione non fosse stata riconosciuta, questo requisito non ricorre nella disciplina contenuta nel nuovo testo dell’articolo 21 della legge Tar, il quale prende in considerazione le sole ragioni. del ricorrente, in funzione del pregiudizio che potrebbe subire dalla esecuzione del provvedimento impugnato, senza alcun richiamo al bilanciamento tra questo pregiudizio e quello derivante all’amministrazione, originariamente contemplato, dalla giurisprudenza amministrativa.

In ogni caso, l’effetto negativo è sempre evitato dalla conservazione degli effetti esauriti, che non sono pregiudicati dal provvedimento di revoca dell’iscrizione.

6. Resta da risolvere l’argomento della decisione impugnata, che ai fini dell’iscrizione non si poteva fare riferimento alla sola prova orale; argomento affrontato anche con il terzo motivo del ricorso.

6.1. Sul punto, il Cnf, rispondendo all’eccezione della ricorrente, che l’esito positivo delle prove orali aveva superato il merito della controversia, ha dichiarato che la questione non era rilevante nel caso, non solo perché l’effetto dell’assorbimento poteva discendere solo da una pronuncia di merito del t.a.r, la quale non si era ancora avuta, ma anche perché la procedura di abilitazione all’esercizio professionale non consentiva di fare riferimento solo all’esito della prova orale.

Al riguardo, la ricorrente svolge due considerazioni.

Con la prima sostiene che, con la conseguita idoneità nelle prove orali, aveva conseguito un vero e proprio diritto all’iscrizione.

Nella tesi esposta questa conclusione si ricaverebbe dal quinto comma dell’articolo 17bis del Rd 34/1934, il quale dichiarando che sono.considerati idonei i candidati che ricevono un determinato punteggio per le prove orali, collega l’idoneità al superamento delle prove orali, anche quando ad esse si sia giunti attraverso un provvedimento del giudice.

Con la seconda che, con il superamento delle prove orali, si era verificato l’effetto dell’assorbimento, del quale il Cnf non ha tenuto conto, liquidando l’argomento semplicemente come irrilevante: censura di violazione dell’articolo 17bis Rd 37/1934, dell’articolo 100 Cpc.

6.2. La prima proposizione non è esatta, se si considera che l’idoneità di cui si parla nell’articolo 17bis è quella che presuppone anche il superamento della prova scritta, che avviene quando il candidato abbia conseguito un punteggio che l’interessata non ha conseguito.

6.3. Con l’eccezione di assorbimento la ricorrente intendeva sostenere la tesi che il superamento della prova orale dopo l’ammissione con riserva valeva a superare la valutazione negativa delle prove scritte, sicché, sotto questo diverso aspetto, ella aveva diritto all’iscrizione all’albo professionale.

La ricorrente, riproponendo la questione dell’assorbimento in questa sede, intende censurare quella parte della decisione impugnata, nella quale il Cnf ha dichiarato che la procedura di abilitazione all’esercizio professionale non consentiva di fare riferimento solo all’esito della prova orale.

La considerazione esposta non può essere condivisa.

6.4. Quando è proposto ricorso al giudice amministrativo contro un provvedimento che, dichiarando non superata dalla parte una sua prima fase, la esclude dalla prosecuzione del procedimento e cosi lo chiude per la stessa parte, la cautela data dal giudice, se sospende l’efficacia del provvedimento impugnato e dispone che la parte sia ammessa a proseguire il procedimento, realizza una fattispecie che, temporaneamente, tiene luogo della valutazione positiva mancata e non riguarda solo gli effetti materiali, ma incide anche su quelli giuridici dell’atto impugnato, ossia sulla sua efficacia; questa, intesa come capacità dell’atto di produrre effetti giuridici.

Il contenuto di un provvedimento siffatto non è ulteriormente determinato: l’unico limite è che sia idoneo ad assicurare interinalmente gli effetti della decisione sul ricorso, come si esprime l’ottavo comma dell’articolo 21 della legge 1034/71.

6.4.1. All’espressione si possono attribuire per lo meno due significati. Il primo è che la strumentalità della misura cautelare si manifesta rispetto al giudizio di merito e, quindi, è interna alla sentenza che sarà emanata.

In una seconda prospettiva si può anche ritenere che la strumentalità della misura cautelare svolga una funzione anche fuori del processo, operando come fattore di riequilibrio dell’esercizio del potere amministrativo rispetto alla pretesa del cittadino.

6.4.2. Nella fattispecie non è necessario prendere posizione su questo problema, perché alla misura cautelare, per come è stata adottata e descritta, è stata data una portata interna al processo. Essa, infatti, non contiene, neppure implicitamente, un ordine d’iscrizione, sia pure provvisoria, dell’interessata all’albo degli avvocati, come pure l’ordinanza avrebbe potuto fare.

L’efficacia della misura cautelare adottata, in altre parole, deve essere interpretata come strumentale rispetto al giudizio d’impugnativa dell’esclusione dalla prova orale e limitata ad esso.

6.5. La conclusione che si deve trarre da questa precisazione è che la parte non poteva essere iscritta all’albo, neppure con riserva.

7. Il ricorso, pertanto, è rigettato.

Nessuna pronuncia dev’essere adottata in ordine alle spese di questo giudizio, considerata la posizione istituzionale della parte ricorrente.

PQM

La Corte di cassazione, a Su, rigetta il ricorso.

 

Documento pubblicato su ForoEuropeo - il portale del giurista - www.foroeuropeo.it

 


 

Stampa Email

Concorsi - Offerte di lavoro

Concorso pubblico: trecentoquindici allievi al corso-concorso selettivo di formazione dirigenziale

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI - SCUOLA NAZIONALE DELL'AMMINISTRAZIONE CONCORSO (scad. 15 luglio 2020)  

Concorso pubblico, per esami, per l'ammissione di trecentoquindici allievi al corso-concorso selettivo di formazione dirigenziale per il reclutamento di duecentodieci dirigenti nelle amministrazioni statali, anche ad ordinamento autonomo e negli enti pubblici non economici. (GU n.50 del 30-06-2020)

Concorso pubblico: duemilacentotrentatre' posti di personale non dirigenziale

COMMISSIONE PER L'ATTUAZIONE DEL PROGETTO RIPAM CONCORSO (scad. 15 luglio 2020)

Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di duemilacentotrentatre' posti di personale non dirigenziale, a tempo pieno ed indeterminato, da inquadrare nell'Area III, posizione retributiva/fascia retributiva F1, o categorie o livelli equiparati, nel profilo di funzionario amministrativo, nei ruoli di diverse amministrazioni. (GU n.50 del 30-06-2020)

. . . continua a visualizzare tutti gli altri documenti depositati nella sezione- - ->

.

 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Scuola forense foroeuropeo

16 Luglio 2020 h. 19/21-- Presentazione VIII Corso esame abilitazione avvocato 2020 - Incontro con i docenti - Sede Scuola Forense Foroeuropeo - 00196 Roma Via Cardinal de Luca 1 - Iscrizione libera, gratuita e senza impegni - Posti limitati causa distanziamento sociale - Incontro trasmesso anche in diretta nell'aula virtuale foroeuropeo

. . . leggi tutto

scuola forense ridottoOFFERTA PACCHETTO “SUMMER + VIII CORSO INTENSIVO FRONTALE Foroeuropeo 2.0. a Roma preparazione esame Avvocato 2020 - SCUOLA FORENSE FOROEUROPEO -  Settembre 2020 /Novembre 2020 -  Potrai accedere immediatamente alla piattaforma personalizzata e fruire di: lezione introduttiva di spiegazione del metodo Foroeuropeo, n. 10 approfondimenti teorici e giurisprudenziali in diritto civile, penale ed amministrativo con lezioni videoregistrate dei Docenti Foroeuropeo, n. 10 tracce e relativa spiegazione + materiale didattico Foroeuropeo,possibilità di redazione di n. 3 tracce (2 pareri diritto civile, 1 parere diritto penale) con correzione “atupertu” Foroeuropeo su richiesta. 

La scuola forense Foroeuropeo 2020, pur mantenendo le caratteristiche che da sempre la contraddistinguono, amplia l’offerta didattica e formativa inserendo, accanto ai moduli tradizionali e collaudati, tecniche di insegnamento nuove per affrontare al meglio qualsiasi tipologia di traccia. ISCRIVITI AL CORSO FRONTALE INTENSIVO 2020! Sono in programma tutti incontri frontali in aula (ad eccezione delle prime n. 4 lezioni plenarie e collettive: spiegazione metodo redazionale, lezioni diritto processuale civile, penale ed amministrativo; approfondimento teorico diritto civile e penale con svolgimento guidato di tracce)

. . . leggi tutto

VIII CORSO INTENSIVO ESAME AVVOCATO 2020 (Settembre/Dicembre) A DISTANZA / ONLINE INTERATTIVO NELLA "VIRTUAL CLASSROOM" con gli stessi docenti e lo stesso programma del corso frontale di Roma - scuola forense foroeuropeo per i corsisti lontani da roma e per quelli che vogliono seguire il corso da casa in diretta o in differita. E' un sistema semplice da utilizzare, senza l'uso di software particolari, con facile connessione da smartphone, tablet e computer. E' un corso basato sul concetto di "Virtual Classroom", (classi-aule virtuali) dove il Docente ed i Corsisti hanno la possibilità di interagire in tempo reale come una classe tradizionale. L'interazione tra Docenti e corsisti avviene in modalità live tramite il video, la voce, la chat, la lavagna elettronica ed altri strumenti di condivisione.

. . . leggi tutto

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Attualità, News e Commenti in evidenza

Condominio - azione negatoria – corte di cassazione, sez. 2, ordinanza n. 10543 del 03 giugno 2020 -  commento

Condominio - azione negatoria – prova dell’appartenenza del bene al condominio-     presunzione per regolamento- condizioni -  corte di cassazione, sez. 2, ordinanza n.  10543 del 03 giugno 2020 a cura di Adriana Nicoletti – Avvocato del Foro di Roma – Commento

Indennizzo per violazione della durata ragionevole del processo – Corte di Cassazione, sez. VI, ordinanza n. 10336 del 1° giugno 2020.

Danno non indennizzabile, essendosi estinto il procedimento ex art. 309 c.p.c., per conciliazione giudiziale tra le parti – Rigetto della domanda  con decreto del Tribunale, confermato in appello – Ricorso per cassazione dell’istante -Accoglimento del ricorso per cassazione – Insussistenza  del danno per disinteresse della parte a coltivare il processo ritenuta dai giudici del merito - Corte di Cassazione, sez. VI, ordinanza n. 10336 del 1° giugno 2020.

Appalto –Lavori condominiali - appalto – vizi e difetti dell’opera – corte di cassazione, sez. 2, ordinanza n. 10342 del 01 giugno 2020 -  commento

Lavori condominiali - appalto – vizi e difetti dell’opera – applicabilità di norme-    corte di cassazione, sez. 2, ordinanza  n.  10342 del 01 giugno 2020 a cura di Adriana Nicoletti – Avvocato del Foro di Roma – Commento

. . . . . continua a visualizzare tutti i documenti della sezione attualità, news . . .- ->

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

scuola gestori crisi impresa

E INSOLVENZA - SOVRAINDEBITAMENTO

logo Univ foro mini

CORSO UNIVERSITARIO DI PERFEZIONAMENTO ABILITANTE PER L'ISCRIZIONE ALL'ALBO NAZIONALE DEI CURATORI, COMMISSARI GIUDIZIALI, LIQUIDATORI, ESPERTI E COADIUTORI E COMPONENTI COLLEGIO OCRI  E ABILITANTE PER L'ISCRIZIONE NELL'ELENCO DEI GESTORI DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Coordinamento scientifico -Prof. Avv. Antonella Marandola - Ordinario di procedura penale Università del Sannio - Avv. Domenico Condello - Direttore Scientifico Scuola Forense Foroeuropeo - Già Consigliere dell’Ordine degli Avvocati di Roma - iscrizioni aperte con sconto del 30% - Il Corso può essere seguito  in diretta oppure on demand.

. . . Leggi tutto

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Convegni di gruppo in Videoconferenza..

ACCREDITATI DAL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE.

Dal 2015 alcuni Avvocati si aggiornano, a distanza direttamente dallo studio, con i convegni di gruppo in videoconferenza accreditati dal C.N.F. utilizzando la rivoluzionaria tecnologia sviluppata dall’Ente di Formazione e Aggiornamento Foroeuropeo.

7 Luglio 2020 - Convegno in videoconferenza di gruppo - Diritto Bancario

7 Luglio 2020  - Diritto Bancario - Anatocismo bancario e vizi nei contratti.   Normativa e giurisprudenza di riferimento.  – Relatori Avv. Roberto di Napoli e Avv. Daniele Rossi – Convegno in videoconferenza accreditato dal C.N.F. –  due crediti formativi. 

22 settembre 2020  - Convegno in videoconferenza di gruppo

22 settembre 2020-h.13.30/16.30  – Diritto Processuale Civile: La notifica in proprio L. 53/1994 - Relatori: Avv. Domenico Condello, Docente di Informatica Giuridica, Già Consigliere dell'Ordine degli Avvocati di Roma - Dott. Marco Raoul Marini, Dottore di ricerca in Informatica – Università La Sapienza, Docente di Informatica e Tecnologie della comunicazione digitale - Università La Sapienza.  Convegno in videoconferenza accreditato dal C.N.F. – due crediti formativi ordinari.  ( rinvio dal 21 Aprile 2020)

20 ottobre 2020 - Convegno in videoconferenza di gruppo

20 ottobre 2020 h.13.30/16.30 - Informatica giuridica: Il Processo Civile telematico.  - Relatori: Avv. Domenico Condello, Docente di Informatica Giuridica, Già Consigliere dell'Ordine degli Avvocati di Roma –Foroeuropeo - Dott. Marco Raoul Marini, Dottore di ricerca in Informatica – Università La Sapienza, Docente di Informatica e Tecnologie della comunicazione digitale - Università La Sapienza.  Convegno in videoconferenza accreditato dal C.N.F. – due crediti formativi ordinari.  (rinviato dal 28 Aprile 2020)

10 Novembre 2020 - Convegno in videoconferenza di gruppo

10 Novembre 2020 h.13.30/16.30 - in preparazione  – Convegno in videoconferenza in fase di richiesta di accreditamento al C.N.F. – Richiesti due crediti formativi. 

In considerazione della delibera del C.N.F. e della particolare crisi sanitaria ed economica la durata del pacchetto dei convegni di gruppo in videoconferenza viene prolungata fino al 31 dicembre 2021. . . . . . . altre informazioni, iscrizione, costi e modalità di utilizzo cliccare qui - - >

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Convegni in streaming..

ACCREDITATI DAL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE.

6 Ottobre 2020 - video seminario in streaming

Martedì, 6 Ottobre 2020 (h. 13.30-16.30 – tre ore) video seminario in diretta streaming - La notifica in proprio - L. 53/1994 -  Accreditato dal Consiglio Nazionale Forense - 3 crediti formativi.

17 novembre 2020 - video seminario in streaming a

Martedì,  17 novembre 2020 (h. 13.30-16.30 – tre ore) video seminario in diretta streaming - Il processo civile telematico - In corso di accreditamento dal Consiglio Nazionale Forense - Richiesti n. 2/3 crediti formativi.

. . . . . . . altre informazioni, iscrizione, costi e modalità di utilizzo cliccare qui - - >

.

Convegni, Seminari, Corsi, Eventi, ..

Mercoledì 8 Luglio 2020 h. 15/16 - Il salotto giuridico digitale foroeuropeo

Mercoledì, 8 Luglio 2020 h. 15/16 - Il salotto giuridico digitale foroeuropeo - Parleremo di: Mediazione obbligatoria per le controversie in materia di obbligazioni contrattuali derivanti dall’emergenza sanitaria Covid-19 con: Monica de Rita  - Avvocato del Foro di Roma - Specializzata nel ricorso agli strumenti alternativi per la risoluzione delle controversie (ADR, Alternative Dispute Resolution) e all’Arbitrato (civile e commerciale) - Già Direttore Generale della Camera Arbitrale della Camera di Commercio di Roma (Arbitra Camera)  - Video seminario gratuito trasmesso in diretta e in modalità interattiva nell'aula virtuale della Scuola di Aggiornamento e Formazione a Distanza Foroeuropeo

Mercoledì 23 Settembre 2020 h. 15/16 - Il salotto giuridico digitale foroeuropeo

Mercoledì 23 Settembre 2020 h. 15/16 - Il salotto giuridico digitale foroeuropeo - Incontro con: Prof. Giuliano Cazzola e Prof. Edoardo  Arena  - Parleremo di: SmartWork e Telelavoro al Tempo del Covid - equivoci e trappole - Video seminario gratuito trasmesso in diretta e in modalità interattiva nell'aula virtuale della Scuola di Aggiornamento e Formazione a Distanza Foroeuropeo

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Processo telematico - news, ..

 Decreto 22 maggio 2020 del processo amministrativo telematico

DECRETO 22 maggio 2020 - Regole tecnico-operative per l'attuazione del processo amministrativo telematico, nonchè per la sperimentazione e la graduale applicazione dei relativi aggiornamenti. (20A02846) (GU n.135 del 27-5-2020) SEGRETARIATO GENERALE DELLA GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA

Regole tecnico-operative e relative specifiche tecniche del processo amministrativo telematico ALLEGATO 1

DECRETO 22 maggio 2020 - Regole tecnico-operative per l'attuazione del processo amministrativo telematico, nonchè per la sperimentazione e la graduale applicazione dei relativi aggiornamenti. (20A02846) (GU n.135 del 27-5-2020) SEGRETARIATO GENERALE DELLA GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA

Regole tecnico-operative del processo amministrativo telematico - Allegato 3

DECRETO 22 maggio 2020 - Regole tecnico-operative per l'attuazione del processo amministrativo telematico, nonchè per la sperimentazione e la graduale applicazione dei relativi aggiornamenti. (20A02846) (GU n.135 del 27-5-2020) SEGRETARIATO GENERALE DELLA GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA

Specifiche tecniche del processo amministrativo telematico - Allegato 2

DECRETO 22 maggio 2020 - Regole tecnico-operative per l'attuazione del processo amministrativo telematico, nonchè per la sperimentazione e la graduale applicazione dei relativi aggiornamenti. (20A02846) (GU n.135 del 27-5-2020) SEGRETARIATO GENERALE DELLA GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA - Specifiche tecniche - Allegato 2

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Massime corte di cassazione

folder icon.oltre 25.000 massime della corte di cassazione in Foroeuropeo divise per materie - - >


folder icon.tutte le massime (oltre 25.000) della corte di cassazione in Foroeuropeo - - >


Divisione - divisione ereditaria - operazioni divisionali - stima - Corte di Cassazione, Sez. 6 - 2, Ordinanza n. 5993 del 04/03/2020 (Rv. 657271 - 01)

Stima per la formazione delle quote - Momento determinativo - Data della divisione - Espropriazione per pubblica utilità di beni in corso di giudizio - Rilevanza - Conseguenze.

Procedimento civile - eccezione - riconvenzionale - Corte di Cassazione, Sez. 6 - 2, Ordinanza n. 6009 del 04/03/2020 (Rv. 657274 - 01)

Domanda riconvenzionale inammissibile per tardività della costituzione - Rilevanza come eccezione ai fini dell'esame della domanda principale - Configurabilità - Condizioni.

Impugnazioni civili - cassazione (ricorso per) - mandato alle liti (procura) – Corte di Cassazione, Sez. 6 - 2, Ordinanza n. 6122 del 05/03/2020 (Rv. 657276 - 01)

Impugnazioni- Procura alle liti sul retro della prima pagina del ricorso- Requisito della specialità- Relazione fisica tra delega e ricorso- Rilevanza- Inammissibilità del ricorso- Esclusione- Fondamento.

Possesso - effetti - usucapione - interversione del possesso – Corte di Cassazione, Sez. 6 - 2, Ordinanza n. 6123 del 05/03/2020 (Rv. 657277 - 01)

Prova dell'usucapione - Coltivazione del fondo - Sufficienza - Esclusione - Fondamento - Apprezzamento del giudice di merito - Necessità - Oggetto.

Successioni "mortis causa" - successione testamentaria - testamento in genere – Corte di Cassazione, Sez. 6 - 2, Ordinanza n. 6125 del 05/03/2020 (Rv. 657278 - 01)

disposizioni - a titolo universale e a titolo particolare (distinzione tra erede e legatario) Successioni a titolo universale e a titolo particolare - Criteri distintivi - Fattispecie.

Impugnazioni civili - impugnazioni in generale - cause scindibili e inscindibili – Corte di Cassazione, Sez. 6 - 2, Ordinanza n. 7031 del 12/03/2020 (Rv. 657280 - 02)

Notificazione dell'impugnazione - Cause scindibili e inscindibili - Differenze - Omessa notifica nelle cause scindibili - Conseguenze.

Convenzione europea dei diritti dell'uomo e delle liberta' fondamentali - processo equo - termine ragionevole – Corte di Cassazione, Sez. 6 - 2, Ordinanza n. 7031 del 12/03/2020 (Rv. 657280 - 01)

Giudizio di equa riparazione - Litisconsorzio necessario - Configurabilità - Esclusione - Litisconsorzio facoltativo - Sussistenza - Ragioni.

Comunione dei diritti reali - condominio negli edifici (nozione, distinzioni) - parti comuni dell'edificio – Corte di Cassazione, Sez. 6 - 2, Ordinanza n. 7044 del 12/03/2020 (Rv. 657285 - 01)

Condominio - Danni cagionati da cosa comune ad una porzione di proprietà esclusiva - Responsabilità del condominio "ex" art. 2051 c.c. - Configurabilità - Concorso del terzo nel danno - Conseguenze.

Procedimento civile - litisconsorzio - necessario - servitu' - Corte di Cassazione, Sez. 6 - 2, Ordinanza n. 7040 del 12/03/2020 (Rv. 657283 - 01)

“Actio negatoria servitutis” - Litisconsorzio necessario - Condizioni - Conseguenze nella fase di appello - Obbligo di verifica preliminare da parte del giudice - Sussistenza - Omesso ordine d'integrazione del contraddittorio - Conseguenze.

............... vedi tutte le massime della Corte di Cassazione in archivio Foroeuropeo

..

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Scuola Amministratori condominio

Corso abilitante online Amministratore condominio

Corso abilitante ONLINE Amministratore condominio - Viene rilasciato l'attestato di partecipazione che consente di svolgere l'attività professionale ai sensi dell'art. 71 bis disp. att. c.c. e d.m. 140/2014

Corso di aggiornamento online Amministratore condominio 2020

Corso di aggiornamento ONLINE Amministratore condominio - Viene rilasciato l'attestato di partecipazione che consente di svolgere l'attività di amministratore del condominio ai sensi dell'art. 71 bis disp. att. c.c. e d.m. 140/2014. 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Avvocati: Osservatorio forense

(DECISIONI, PARERI, CIRCOLARI,. .C.N.F. )

Sanzioni ad avvocati che speculano sul dolore" “Forte condanna per iscritti che violano principi etici dell’avvocatura

Coronavirus, CNF: "Sanzioni ad avvocati che speculano sul dolore" “Forte condanna per iscritti che violano principi etici dell’avvocatura”

Avvocati - delibera C.N.F. riduzione obblighi formativi - Tirocinio forense richiesta deroga al Ministro della Giustizia rilascio certificato di compiuto tirocinio

Avvocati: Obblighi formativi anno 2020 ridotti a cinque  - Praticanti Avvocati : Tirocinio forense, semestre dal 1° gennaio al 30 giugno 2020, richiesta al Ministro della Giustizia, in deroga al disposto dei cui all'articolo 8 comma 4 del DM 17 marzo 2016 n. 70, di consentire il rilascio del certificato di compiuto tirocinio anche qualora il tirocinante non abbia assistito a venti udienze nel semestre dal 1° gennaio al 30 giugno 2020 - Delibera del C.N.F. del 20 Marzo 2020

..... segue tutte le massime del Consiglio Nazionale Forense in archivio Foroeuropeo

..

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Approfondimenti - eBook - Quaderni

Relazione - Profili penalistici in materia fiscale e per esigenze indifferibili

Profili penalistici in materia fiscale e per esigenze indifferibili - Relazione  a cura della Corte Suprema di Cassazione - ufficio del massimario e del ruolo Servizio Penale - Roma, 9 gennaio 2020 - link al sito web

Il nuovo processo civile del Ministro Buonafede. comunicato alla presidenza del Consiglio dei ministri il 9 gennaio 2020

efficienza del processo civile e revisione della disciplina degli strumenti di risoluzione alternativa delle controversie. Il nuovo processo civile del Ministro Buonafede. comunicato alla presidenza del Consiglio dei ministri il 9 gennaio 2020

Notifica a mezzo pec - osservatorio

Notifica a mezzo pec - osservatorio

Glossario privacy - protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali

Glossario - relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva

..... segue tutti i documenti in archivio Foroeuropeo

..

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

eBook - manuali

puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se continui ad utilizzare questo sito web, acconsenti all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo

Uso dei cookie

Foroeuropeo.eu o il “Sito” utilizza i Cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che visiona le pagine di Foroeuropeo.eu.
Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’Utente.
Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.
Analizzandoli in maniera particolareggiata i nostri cookie permettono di:

  • memorizzare le preferenze inserite
  • evitare di reinserire le stesse informazioni più volte durante la visita quali ad esempio nome utente e password
  • analizzare l’utilizzo dei servizi e dei contenuti forniti da Foroeuropeo.eu.com per ottimizzarne l’esperienza di navigazione e i servizi offerti

Tipologie di Cookie utilizzati da Foroeuropeo.eu

A seguire i vari tipi di cookie utilizzati da Foroeuropeo.eu in funzione delle finalità d’uso

Cookie Tecnici

Questa tipologia di cookie permette il corretto funzionamento di alcune sezioni del Sito. Sono di due categorie: persistenti e di sessione:

  • persistenti: una volta chiuso il browser non vengono distrutti ma rimangono fino ad una data di scadenza preimpostata
  • di sessioni: vengono distrutti ogni volta che il browser viene chiuso

Questi cookie, inviati sempre dal nostro dominio, sono necessari a visualizzare correttamente il sito e in relazione ai servizi tecnici offerti, verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l’utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser (inficiando così la visualizzazione delle pagine del sito).

Cookie analitici

I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del sito. Foroeuropeo.eu userà queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del Sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul Sito. I cookie analitici sono inviati dal Sito Stesso o da domini di terze parti.

Cookie di analisi di servizi di terze parti

Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del Sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni al Sito.

Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti

Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del Sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del Sito.

Cookie di profilazione

Sono quei cookie necessari a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.


Foroeuropeo.eu, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookie tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

Per tutte le altre tipologie di cookie il consenso può essere espresso dall’Utente con una o più di una delle seguenti modalità:

  • Mediante specifiche configurazioni del browser utilizzato o dei relativi programmi informatici utilizzati per navigare le pagine che compongono il Sito.
  • Mediante modifica delle impostazioni nell’uso dei servizi di terze parti

Entrambe queste soluzioni potrebbero impedire all’utente di utilizzare o visualizzare parti del Sito.

Siti Web e servizi di terze parti

Il Sito potrebbe contenere collegamenti ad altri siti Web che dispongono di una propria informativa sulla privacy che può essere diverse da quella adottata da Foroeuropeo.eu e che che quindi non risponde di questi siti.


Cookie utilizzati da Foroeuropeo.eu

A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito:

  • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni
  • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo)  dell’utente –  necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti
  • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi
  • _dc – di sessione – utilizzato per limitare le richieste di remarketing (non presente ad ora su Foroeuropeo.eu.com) che sono state fatte necessario al servizio di terze parti di Google Analytics. Dura 10 minuti
  • PHPSESSID  – di sessione – necessarioda WordPress per identificare la singola sessione di un utente.
  • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni
  • frm_form8_0398a1368566c8697942eb6f74ad02a5 – sessione – necessario per i referral del modulo di contatto

Cookie di terze parti:

  • Facebook:
    • act – sessione
    • c_user – persistente
    • csm – persistente
    • datr – persistente
    • fr – persistente
    • i_user – sessione
    • lu – persistente
    • p – sessione
    • presence – sessione
    • s – persistente
    • x-src – persistente
    • xs – persistente
    • datr – persistente
    • lu – persistente
  • Google +
    • AID – persistente
    • APISID – persistente
    • HSID – persistente
    • NID – persistente
    • OGP – persistente
    • OGPC – persistente
    • PREF – persistente
    • SAPISID – persistente
    • SID – persistente
    • SSID – persistente
    • TAID – persistente
    • OTZ – persistente
    • PREF – persistente
    • ACCOUNT_CHOOSER – persistente
    • GAPS – persistente
    • LSID – persistente
    • LSOSID – persistente
    • RMME – persistente
  • Twitter
    • __utma – persistente
    • __utmv – persistente
    • __utmz – persistente
    • auth_token – persistente
    • guest_id – persistente
    • pid – persistente
    • remember_checked – persistente
    • remember_checked_on – persistente
    • secure_session – persistente
    • twll – persistente
    • dnt – persistente
    • eu_cn – persistente
    • external_referer – persistente
  • Mozcast
    • __utma – persistente
    • __utmz – persistente

Come disabilitare i cookie mediante configurazione del browser

Chrome

  1. Eseguire il Browser Chrome
  2. Fare click sul menù chrome-impostazioni presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
  3. Selezionare Impostazioni
  4. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
  5. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti
  6. Nella sezione “Cookie” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
    • Consentire il salvataggio dei dati in locale
    • Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser
    • Impedire ai siti di impostare i cookie
    • Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti
    • Gestire le eccezioni per alcuni siti internet
    • Eliminazione di uno o tutti i cookie

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Mozilla Firefox

  1. Eseguire il Browser Mozilla Firefox
  2. Fare click sul menù firefox impostazioni presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
  3. Selezionare Opzioni
  4. Seleziona il pannello Privacy
  5. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
  6. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti
  7. Nella sezione “Tracciamento” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
    • Richiedi ai siti di non effettuare alcun tracciamento
    • Comunica ai siti la disponibilità ad essere tracciato
    • Non comunicare alcuna preferenza relativa al tracciamento dei dati personali
  8. Dalla sezione “Cronologia” è possibile:
    • Abilitando “Utilizza impostazioni personalizzate” selezionare di accettare i cookie di terze parti (sempre, dai siti più visitato o mai) e di conservarli per un periodo determinato (fino alla loro scadenza, alla chiusura di Firefox o di chiedere ogni volta)
    • Rimuovere i singoli cookie immagazzinati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Internet Explorer

  1. Eseguire il Browser Internet Explorer
  2. Fare click sul pulsante Strumenti e scegliere Opzioni Internet
  3. Fare click sulla scheda Privacy e nella sezione Impostazioni modificare il dispositivo di scorrimento in funzione dell’azione desiderata per i cookie:
    • Bloccare tutti i cookie
    • Consentire tutti i cookie
    • Selezione dei siti da cui ottenere cookie: spostare il cursore in una posizione intermedia in modo da non bloccare o consentire tutti i cookie, premere quindi su Siti, nella casella Indirizzo Sito Web inserire un sito internet e quindi premere su Blocca o Consenti

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari 6

  1. Eseguire il Browser Safari
  2. Fare click su Safari, selezionare Preferenze e premere su Privacy
  3. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.
  4. Per visionare quali siti hanno immagazzinato i cookie cliccare su Dettagli

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari iOS (dispositivi mobile)

    1. Eseguire il Browser Safari iOS
    2. Tocca su Impostazioni e poi Safari

  • Tocca su Blocca Cookie e scegli tra le varie opzioni: “Mai”, “Di terze parti e inserzionisti” o “Sempre”
  • Per cancellare tutti i cookie immagazzinati da Safari, tocca su Impostazioni, poi su Safari e infine su Cancella Cookie e dati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Opera

  1. Eseguire il Browser Opera
  2. Fare click sul Preferenze poi su Avanzate e infine su Cookie
  3. Selezionare una delle seguenti opzioni:
    • Accetta tutti i cookie
    • Accetta i cookie solo dal sito che si visita: i cookie di terze parti e che vengono inviati da un dominio diverso da quello che si sta visitando verranno rifiutati
    • Non accettare mai i cookie: tutti i cookie non verranno mai salvati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.


Come disabilitare i cookie di servizi di terzi


Questa pagina è visibile, mediante link in calce in tutte le pagine del Sito ai sensi dell’art. 122 secondo comma del D.lgs. 196/2003 e a seguito delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.126 del 3 giugno 2014 e relativo registro dei provvedimenti n.229 dell’8 maggio 2014.

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati