Previdenza Forense- contributo integrativo

Previdenza Forense- contributo integrativo- la legge 20 settembre 1980, n. 576, sulla riforma del sistema previdenziale forense, prevede un contributo soggettivo obbligatorio a carico di ogni iscritto alla cassa e di ogni iscritto agli albi professionali, commisurato al reddito professionale netto prodotto nell'anno (e nella misura minima di lire 600.000) nonché, all'art. 11, che tutti gli iscritti agli albi o alla cassa applichino una maggiorazione percentuale su tutti i corrispettivi rientrati nel volume annuo degli affari a fini dell'I.V.a. e ne versino l'ammontare alla Cassa, quale contributo integrativo, indipendentemente dall'effetto pagamento che ne abbia eseguito il debitore, nei cui confronti detta maggiorazione è ripetibile. Pertanto, mentre non è ammessala ripetizione, nei confronti delle parti in causa,del contributo soggettivo, è invece ammessa la ripetizione del contributo integrativo, che va ricompreso nelle spese a cui viene condannato il soccombente

Corte di Cassazione, Sez. II, n. 12656 del 25 settembre 2000.

Stampa Email

eBook - manuali

Previdenza Forense- contributo integrativo - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

Previdenza Forense- contributo integrativo - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati