La ratio dell’art. 41 nuovo codice deontologico - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 29 dicembre 2015, n. 241

La ratio dell’art. 41 nuovo codice deontologico - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 29 dicembre 2015, n. 241

La ratio dell’art. 41 ncdf, già art. 27 cdf (secondo cui l’avvocato deve astenersi dall’indirizzare la propria corrispondenza direttamente alla controparte, che sappia assistita da un Collega, salvo per intimare messe in mora, evitare prescrizioni o decadenze, ovvero richiedere determinati comportamenti) è quella di riconoscere all’Avvocato la funzione di esclusivo referente del proprio assistito, al fine di preservarlo da eventuali comportamenti inappropriati e sleali della controparte.

Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 29 dicembre 2015, n. 241

Stampa Email

Articoli collegati

eBook - manuali

La ratio dell’art. 41 nuovo codice deontologico - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 29 dicembre 2015, n. 241 - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

La ratio dell’art. 41 nuovo codice deontologico - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 29 dicembre 2015, n. 241 - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati