Iscrizione all’albo ed incompatibilità sopravvenuta - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 2 marzo 2012, n. 36

Iscrizione all’albo ed incompatibilità sopravvenuta - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 2 marzo 2012, n. 36

L’art. 16 del R.D. n. 1578/1933, nel prevedere che debba essere sempre ordinata la cancellazione dall’albo quando vengano a mancare i titoli o i requisiti in base ai quali fu disposta l’iscrizione, non esclude che la legge possa prevedere cause sopravvenute, rispetto al tempo dell’iscrizione, di incompatibilità con l’esercizio della professione (Nel caso di specie, un dipendente pubblico part time già iscritto all’albo professionale, successivamente all’entrata in vigore della L. n. 339/2003 non aveva optato tra il mantenimento dell’iscrizione e la conservazione del rapporto di pubblico impiego come stabilito dall’art. 2 Legge cit., sicché il COA di appartenenza ne aveva disposto la cancellazione, ritenuta lecita dal CNF).

Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 2 marzo 2012, n. 36

Stampa Email

Articoli collegati

eBook - manuali

Iscrizione all’albo ed incompatibilità sopravvenuta - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 2 marzo 2012, n. 36 - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

Iscrizione all’albo ed incompatibilità sopravvenuta - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 2 marzo 2012, n. 36 - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati