attività incompatibili con la permanenza dell’iscrizione all’albo - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 16 luglio 2015, n. 96

La violazione dell’obbligo di evitare attività incompatibili con la permanenza dell’iscrizione all’albo - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 16 luglio 2015, n. 96

E’ deontologicamente rilevante il comportamento dell’avvocato che richieda o mantenga l’iscrizione all’albo in pendenza di una causa di incompatibilità con l’esercizio della professione (Nel caso di specie, trattavasi di contratto di formazione e lavoro poi convertito in rapporto di lavoro a tempo indeterminato alle dipendenze dell’Agenzia delle Entrate, circostanza che l’incolpato aveva sottaciuto al momento della domanda di iscrizione all’albo e nei successivi anni. In applicazione del principio di cui in massima, il CNF ha ritenuto congrua la sanzione disciplinare di mesi nove di sospensione dall’esercizio professionale).

Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 16 luglio 2015, n. 96

Stampa Email

Articoli collegati

eBook - manuali

attività incompatibili con la permanenza dell’iscrizione all’albo - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 16 luglio 2015, n. 96 - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

attività incompatibili con la permanenza dell’iscrizione all’albo - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 16 luglio 2015, n. 96 - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati