L’omessa indicazione delle norme deontologiche violate - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 19 luglio 2013, n. 116

L’omessa indicazione delle norme deontologiche violate - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 19 luglio 2013, n. 116

La mancata indicazione della norma deontologica violata non determina l’invalidità del procedimento disciplinare, atteso che la contestazione, se adeguatamente specificata quanto all’indicazione dei comportamenti addebitati e tale da garantire all’incolpato la predisposizione di una difesa compiuta ed efficace, non richiede né la precisazione delle fonti di prova da utilizzare, né la individuazione delle precise norme deontologiche che si assumono violate.

Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 19 luglio 2013, n. 116

Stampa Email

eBook - manuali

L’omessa indicazione delle norme deontologiche violate - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 19 luglio 2013, n. 116 - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

L’omessa indicazione delle norme deontologiche violate - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 19 luglio 2013, n. 116 - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati