L’oggetto di valutazione nel procedimento disciplinare è il comportamento complessivo dell’incolpato - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 21 giugno 2018, n. 66 - Foroeuropeo logo L’oggetto di valutazione nel procedimento disciplinare è il comportamento complessivo dell’incolpato - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 21 giugno 2018, n. 66 - Foroeuropeo foro_rivista

272 visitatori e nessun utente online

L’oggetto di valutazione nel procedimento disciplinare è il comportamento complessivo dell’incolpato - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 21 giugno 2018, n. 66

L’oggetto di valutazione nel procedimento disciplinare è il comportamento complessivo dell’incolpato - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 21 giugno 2018, n. 66

In ossequio al principio enunciato dall’art. 21 ncdf (già art. 3 codice previgente), nei procedimenti disciplinari l’oggetto di valutazione è il comportamento complessivo dell’incolpato e tanto al fine di valutare la sua condotta in generale, quanto a quello di infliggere la sanzione più adeguata, che non potrà se non essere l’unica nell’ambito dello stesso procedimento, nonostante siano state molteplici le condotte lesive poste in essere. Tale sanzione, quindi, non è la somma di altrettante pene singole sui vari addebiti contestati, quanto invece il frutto della valutazione complessiva del soggetto interessato.

Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 21 giugno 2018, n. 66

Stampa Email

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati