Dovere di difesa –Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 20 settembre 2000, n. 81

Dovere di difesa –Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 20 settembre 2000, n. 81

Dovere di riservatezza – Comunicazione del mandato di cattura e dell’interrogatorio dal proprio assistito ad altro soggetto – Illecito deontologico – Non sussiste.

Non commette illecito deontologico e violazione del dovere di riservatezza l’avvocato che, venuto a conoscenza del mandato di cattura emesso nei confronti di un suo cliente ed avuta copia dell’interrogatorio, non secretato ex art. 329 c.p.p., lo comunichi, autorizzato dal cliente, ad altro avvocato coinvolto nella vicenda. (Nella specie è stata confermata la decisione di archiviazione). (Rigetta il ricorso avverso decisione C.d.O. di Torino, 20 settembre 1996).

Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 20 settembre 2000, n. 81

Stampa Email

eBook - manuali

Dovere di difesa –Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 20 settembre 2000, n. 81 - Foroeuropeo puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

eBook - manuali glossario

Dovere di difesa –Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 20 settembre 2000, n. 81 - Foroeuropeo puntovGlossario - relativo alla protezione delle persone fisiche

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati