foroeuropeo.it

Sul dovere di verità dell’avvocato

Print Friendly, PDF & Email

Consiglio Nazionale Forense (pres. Masi, rel. Brienza), sentenza n. 9 del 25 gennaio 2021

 

Le dichiarazioni in giudizio relative all’esistenza di fatti o inesistenza di fatti obiettivi, che siano presupposto specifico per un provvedimento del magistrato e di cui l’avvocato abbia diretta conoscenza, devono essere vere e comunque tali da non indurre il giudice in errore.

Consiglio Nazionale Forense (pres. Masi, rel. Brienza), sentenza n. 9 del 25 gennaio 2021

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile