foroeuropeo.it

La difesa non giustifica l’offesa: illecito deplorare l’operato del difensore, delle controparti e del giudicante - Consiglio Nazionale Forense, sentenza n. 175 del 23 settembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

La difesa non giustifica l’offesa: illecito deplorare l’operato del difensore, delle controparti e del giudicante

La tutela del diritto di difesa e critica, il cui esercizio non può travalicare i limiti della correttezza e del rispetto della funzione, non può tradursi, ai fini dell’applicazione della relativa “scriminante”, in una facoltà di offendere, dovendo in tutti gli atti ed in tutte le condotte processuali rispettarsi il dovere di correttezza, anche attraverso le forme espressive utilizzate.

Consiglio Nazionale Forense, sentenza n. 175 del 23 settembre 2020

Manuali giuridici multimediali - Corsi online preparazione concorsi

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile