foroeuropeo.it

I due princìpi cardine che regolano i rapporti tra avvocato e cliente/parte assistita in tema di compenso - Consiglio Nazionale Forense, sentenza n. 153 del 3 agosto 2020

Print Friendly, PDF & Email

I due princìpi cardine che regolano i rapporti tra avvocato e cliente/parte assistita in tema di compenso

Il complesso delle norme deontologiche che regolano i rapporti tra avvocato e cliente/parte assistita in tema di compenso ruota su due principi cardine: a) rispetto, sempre e comunque, nella determinazione convenzionale del compenso dei canoni di lealtà, probità e correttezza (art. 6 CDF previgente e, ora, art. 9 nuovo CDF); b) conformità del compenso liberamente pattuito inter partes a canoni di adeguatezza e proporzionalità rispetto all’attività professionale svolta o da svolgere (artt. 43 e 45 CDF previgente e, ora, 29, comma 4°, in relazione all’art, 25, comma 1°, nuovo CDF).

Consiglio Nazionale Forense, sentenza n. 153 del 3 agosto 2020

Manuali giuridici multimediali - Corsi online preparazione concorsi

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile