foroeuropeo.it

Esercizio di attività processuale dopo la morte della parte e dovere di informativa dell’avvocato - Corte di Cassazione SS.UU, sentenza n. 12636 del 13 maggio 2019

Print Friendly, PDF & Email

Esercizio di attività processuale dopo la morte della parte e dovere di informativa dell’avvocato - Corte di Cassazione SS.UU, sentenza n. 12636 del 13 maggio 2019

L’esercizio di attività processuale anche dopo la morte della parte ha natura eccezionale in quanto finalizzata ad evitare l’insorgere di eventuali pregiudizi in danno agli aventi causa e non può in ogni caso prescindere da una compiuta informativa a favore di questi ultimi, sicché non può fondarsi su iniziative personali ed assunte in totale autonomia dal difensore (Nel caso di specie, in applicazione del principio di cui in massima, la Corte ha respinto il ricorso proposto avverso Consiglio Nazionale Forense, pres. Picchioni e rel. Masi, sentenza del 6 novembre 2017, n. 152).

Corte di Cassazione SS.UU, sentenza n. 12636 del 13 maggio 2019

ncdf_27

Manuali giuridici multimediali - Corsi online preparazione concorsi

copertina parametri 2018

procedura penale

procedura penale

procedura civile

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile