foroeuropeo.it

Avvocato domiciliatario: PCT e PEC non bastano ad escludere il conflitto di interessi - Corte di Cassazione SS.UU, sentenza n. 6961 dell’11 marzo 2019

Print Friendly, PDF & Email

Avvocato domiciliatario: PCT e PEC non bastano ad escludere il conflitto di interessi - Corte di Cassazione SS.UU, sentenza n. 6961 dell’11 marzo 2019

Anche il domiciliatario deve uniformarsi ai doveri di lealtà, correttezza, imparzialità ed indipendenza, sicché non può accettare incarichi contro propri clienti, a nulla rilevando che si tratti di procedimenti celebrati telematicamente mediante PCT e PEC ovvero con potenziale attività diretta del dominus, la quale infatti non elide né scrimina il conflitto, anche solo potenziale, di interessi in quanto, più che la forma giuridica nella quale viene svolta la collaborazione fra colleghi, assume rilevanza il rapporto stesso di collaborazione continuativa e pubblica, tale da indurre chiunque a dubitare dell’autonomia di determinazione dei professionisti partecipi al sodalizio che si trovino a tutelare soggetti con posizioni opposte (Nel caso di specie, il professionista veniva sanzionato perché domiciliatario in una causa contro un proprio cliente, ritenendo che l’attività richiestagli fosse “puramente materiale e passiva”, nonché del tutto marginale in ragione dell’uso diretto di PCT e PEC da parte del dominus, che tuttavia aveva sostituito in un’udienza. In applicazione del principio di cui in massima, la Corte ha rigettato l’impugnazione proposta avverso Consiglio Nazionale Forense – pres. f.f. Picchioni, rel. Merli – n. 393/2016, che aveva ritenuto congrua la sospensione dall’esercizio dell’attività professionale per la durata di mesi quattro).

Corte di Cassazione SS.UU, sentenza n. 6961 dell’11 marzo 2019

ncdf_24

Manuali giuridici multimediali - Corsi online preparazione concorsi

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile