foroeuropeo.it

Rapporti con la parte assistita – Mancata presentazione all’udienza – Evento non previsto né prevedibile – Responsabilità disciplinare – Esclusione – Dovere di diligente previsione – Limiti - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 22 luglio 2011, n. 12

Print Friendly, PDF & Email

Avvocato – Norme deontologiche – Rapporti con la parte assistita – Mancata presentazione all’udienza – Evento non previsto né prevedibile – Responsabilità disciplinare – Esclusione – Dovere di diligente previsione – Limiti - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 22 luglio 2011, n. 123

Va esclusa la responsabilità disciplinare del professionista che, a causa del comportamento del magistrato che ritardi ingiustificatamente il compimento di atti processuali (l’interrogatorio dell’assistito dell’incolpato detenuto presso la Casa Circondariale), non sia in condizione di presenziare all’udienza dibattimentale, poiché non può essere imputabile all’avvocato il non previsto né prevedibile ritardo nell’inizio dell’incombente, esulando un tale eccesso di previsione dalla normale diligenza richiesta. (Accoglie parzialmente il ricorso avverso decisione C.d.O. di Treviso, 12 novembre 2007).

Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 22 luglio 2011, n. 123

Manuali giuridici multimediali - Corsi online preparazione concorsi

copertina parametri 2018

procedura penale

procedura penale

procedura civile

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile