foroeuropeo.it

L’informazione sull’esercizio dell’attività professionale deve essere la più chiara possibile - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 7 marzo 2016, n. 30

Print Friendly, PDF & Email

L’informazione sull’esercizio dell’attività professionale deve essere la più chiara possibile - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 7 marzo 2016, n. 30

La tutela dei soggetti a cui si rivolgono le informazioni sull’esercizio dell’attività professionale impone la maggior chiarezza possibile (seppur mediante l’uso di formule succinte), ma l’eventuale genericità dell’indicazione non può da sola comportare un giudizio di responsabilità disciplinare, specie qualora emergano indizi sulla buona fede dell’incolpato (Nel caso di specie, l’incolpazione riguardava la frase “Assistenza Legale per Tutti”, affissa all’ingresso dello studio legale del professionista, ma da questo subito rimossa a seguito della contestazione dell’addebito da parte del Consiglio territoriale di appartenenza).

Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 7 marzo 2016, n. 30

Manuali giuridici multimediali - Corsi online preparazione concorsi

copertina parametri 2018

procedura penale

amministrativo

procedura penale

procedura civile

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile