La minaccia di adire le vie legali - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 20 aprile 2012, n. 60

La minaccia di adire le vie legali - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 20 aprile 2012, n. 60

La minaccia di adire le vie legali, pur avendo un’esteriore apparenza di legalità, può integrare l’elemento costitutivo del delitto di estorsione quando sia formulata non con l’intenzione di esercitare un diritto ma con lo scopo di coartare l’altrui volontà e conseguire risultati non conformi a giustizia (Nel caso di specie, l’incolpato aveva scritto al Consiglio dell’Ordine minacciando un’azione civile per il caso di cui non avesse ricevuto a breve la comunicazione della chiusura della fase istruttoria del suo procedimento disciplinare).

Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 20 aprile 2012, n. 60

Stampa