• Giurisprudenza
  • Nemo tenetur contra se detegere: la mancata risposta alla richiesta di chiarimenti da parte del COA - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 24 settembre 2015, n. 139

Nemo tenetur contra se detegere: la mancata risposta alla richiesta di chiarimenti da parte del COA - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 24 settembre 2015, n. 139

Nemo tenetur contra se detegere: la mancata risposta alla richiesta di chiarimenti da parte del COA - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 24 settembre 2015, n. 139

Non costituisce (più) illecito disciplinare sanzionato dal secondo capoverso dell’art. 24 del codice deontologico forense (ora art. 71 ncdf) la mancata risposta dell’avvocato alla richiesta del Consiglio dell’Ordine di chiarimenti, notizie, o adempimenti in relazione ad un esposto presentato, per fatti disciplinarmente rilevanti, nei confronti dello stesso iscritto.

Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 24 settembre 2015, n. 139

Stampa Email

eBook - manuali

puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati