• Giurisprudenza
  • Il principio di non contestazione non si applica, de plano, al procedimento disciplinare - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 28 dicembre 2015, n. 225

Il principio di non contestazione non si applica, de plano, al procedimento disciplinare - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 28 dicembre 2015, n. 225

Il principio di non contestazione non si applica, de plano, al procedimento disciplinare - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 28 dicembre 2015, n. 225

L’art. 115 cpc non si applica, de plano, al procedimento disciplinare, atteso che la responsabilità dell’incolpando non consegue dalla sua mancata e specifica contestazione di una circostanza contraria, bensì dall’esaustiva prova della circostanza stessa, in quanto sia nella fase preliminare che in quella dibattimentale vale la regola del “nemo tenetur contra se edere” talchè non può essere valutato a danno dell’incolpato il mancato svolgimento di attività difensiva a proprio favore o l’omissione di chiarimenti (donde l’adeguamento al principio operato dall’art. 71, co 3, del vigente Codice Deontologico).

Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 28 dicembre 2015, n. 225

Stampa Email

eBook - manuali

puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati