fallimento - effetti sugli atti pregiudizievoli ai creditori - azione revocatoria fallimentare - Cass. n. 3136/2016

Print Friendly, PDF & Email

atti a titolo oneroso, pagamenti e garanzie - in genere - Assegno bancario postdatato - Mezzo anormale di pagamento - Configurabilità - Esclusione - Soggezione a revocatoria fallimentare di cui all'art. 67, comma 1, n. 2, l.fall. - Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 3136 del 17/02/2016

L'assegno postdatato, inteso nella sua obbiettiva idoneità strumentale a costituire mezzo di pagamento equivalente al denaro, non perde le sue caratteristiche di titolo di credito, per cui gli atti estintivi di debiti effettuati con assegni postdatati non costituiscono mezzi anormali di pagamento e non sono, pertanto, assoggettati all'azione revocatoria fallimentare prevista dall'art. 67, comma 1, n. 2, l.fall.

Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 3136 del 17/02/2016

Revocatoria

ordinaria

pauliana

azione

corte

cassazione

3136 

2016

Accedi

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO

Menu Offcanvas Mobile