elementi diritto processuale penale

Print Friendly, PDF & Email

  • ↓↑ DIRITTO PROCESSUALE PENALE↓↑

    ↓↑ DIRITTO PROCESSUALE PENALE↓↑

    I manuali giuridici multimediali della scuola forense foroeuropeo
    Collana diretta dall’Avv. Domenico Condello

    Video Lezioni, audio lezioni, diapositive, sommari, note a riferimenti normativi, domande e risposte per la preparazione ai concorsi pubblici, agli esami universitari e agli esami di abilitazione professionale. 


    DIRITTO PROCESSUALE PENALE

    Contenuto:

    -videolezioni con diapositive in percorsi formativi.

    -Quaderno pdf con sommari e schede per appunti e con domande e risposte.

     Hanno collaborato:

    Centro studi foroeuropeo

    Domenico Condello – Avvocato del Foro di Roma
    Irma Conti – Avvocato del Foro di Roma - Consigliere dell'Ordine degli Avvocati di Roma
    Davide Pagani – Avvocato del Foro di Roma
    Fabio Stancati – Avvocato del Foro di Roma

    FOROEUROPEO EDITORE
    Roma, Via Cardinal de Luca 1 - tel 06 32 25 071

  • ↓↑ COME UTILIZZARE IL MANUALE - PROVA GRATUITA↓↑

    ↓↑ COME UTILIZZARE IL MANUALE - PROVA GRATUITA↓↑

    Come utilizzare il manuale:

    -seguire a videolezione con attenzione alle diapositive;

    -seguire altre volte la videolezione e prendere appunti sul quaderno di riferimento contenente i sommari degli argomenti trattati dal Docente.

    -interrompere la videolezione per integrare le informazioni leggendo gli articoli del codice richiamati.

    -leggere le domande e risposte che trovi sul quaderno. Si tratta di domande formulate agli esami orali universitari, ai concorsi pubblici e agli esami di abilitazione professionali.

    Questo sistema didattico facilita e velocizza lo studio perché utilizza gli strumenti multimediali integrati da videolezioni create con un linguaggio chiaro e sviluppato su un’esposizione del docente sintetica ma esaustiva perchè integrata con le informazioni che il lettore acquisisce dagli articoli del codice linkati e dalle massime della cassazione richiamate e dalle risposte alle domande predisposte nei percorsi.

    Questo metodo consente al lettore di scegliere tra uno studio di base, uno studio intermedio e uno studio approfondito.

    PROVA: PERCORSO 1 - PRINCIPI E DISPOSIZIONI GENERALI

    A- SCARICA E STAMPA IL QUADERNO DI RIFERIMENTO: 1.2   Il giudice e l’ufficio giudiziario - 1.2.1 Il tribunale ordinario - 1.2.2 La Corte d’appello - 1.2.3 La Corte di Cassazione - 1.2.4  La magistratura onoraria -

    B-IL LINK DI COLLEGAMENTO AL CODICE DI PROCEDURA CIVILE

     

    C-LA VIDEO-LEZIONE 

    .......

  • ↓↑ Indice sistematico argomenti ↓↑

    ↓↑ Indice sistematico argomenti ↓↑

    INDICE SISTEMATICO

     

    1. LA GIURISDIZIONE PENALE E IL PROCESSO PENALE

    1.1. La giurisdizione penale

    1.2 Caratteristiche della giurisdizione penale

    1.3 Finalità della giurisdizione penale

    1.4 Organi della giurisdizione penale

    1.5 Il processo penale

    1.6 Fonti del Diritto processuale penale

    1.7 Limiti di efficacia della norma processuale penale

     

    2. PRINCIPI FONDAMENTALI DEL PROCESSO PENALE

    2.1 Il processo penale in Italia

    2.2 Principi fondamentali dell’ordinamento: Principio di eguaglianza formale e sostanziale

    2.3. Principi che regolano la Giurisdizione Penale

    2.4 Principi relativi agli Organi Giurisdizionali

    2.5 Principi che definiscono la posizione dell’imputato

    2.6 Principi che attengono allo svolgimento del processo penale

     

    3 - I SOGGETTI

    3.1.1 Il Giudice

    3.1.2 L’incompatibilità (artt. 34 e 35 c.p.p.)

    3.1.3 La rimessione (art. 45 c.p.p.)

    3.1.4 L’astensione (art. 36 c.p.p.)

    3.1.5 La ricusazione (art. 37 c.p.p.)

    3.1.6 La competenza

    3.1.7 La competenza per territorio

    3.1.8 La competenza per connessione

    3.1.9 L’incompetenza

     

    3.2 il pubblico ministero

    3.2.1 Il Pubblico Ministero – Il suo ruolo e la sua funzione

    3.2.2 Le funzioni del P.M. nelle diverse fasi del Procedimento

    3.2.3 Organizzazione e gerarchia degli Uffici del P.M.

    3.2.4 Rapporto Di Gerarchia

    3.2.5 Astensione del P.M.

    3.2.6 Contrasti tra P.M. - Negativi

    3.2.7 Contrasti tra P.M. - Positivi

    3.2.8 Ulteriori Casi di Contrasto

    3.3 La Polizia giudiziaria, il responsabile civile, il civilmente obbligato, la persona offesa

    3.3.1 Funzione della Polizia Giudiziaria

    3.3.2 Il Responsabile Civile

    3.3.3 Il Civilmente Obbligato per la pena pecuniaria

    3.3.4 La persona offesa

    3.4.1 L’Imputato – Assunzione della qualifica e definizione

    3.4.2 Qualifica di imputato – Presupposti soggettivi – Identificazione dell’imputato

    3.4.3 Qualifica di imputato – Presupposti soggettivi - Accertamento della capacità dell’imputato

    3.4.4 L’interrogatorio e le garanzie riconosciute dalla legge

     

    3.5 La parte civile

    3.5.1 L’esercizio dell’azione civile nel processo penale – La parte civile

    3.5.2 La parte civile – Legittimazione attiva – Art. 74 c.p.p.

    3.5.3 La parte civile – Capacità processuale – Art. 77 c.p.p.

    3.5.4 Rapporti tra azione civile e azione penale

    3.5.5 La costituzione di Parte Civile – Formalità

    3.5.6 La costituzione di Parte Civile – Modalità e termini per la costituzione

    3.5.7 Esclusione e Revoca della Parte Civile

     

    3.6 Il Difensore

    3.6.1 Il difensore – la funzione che svolge all’interno dell’ordinamento

    3.6.2 Il difensore – Funzioni e garanzie

    3.6.3 La nomina del difensore di fiducia

    3.6.4 Il Difensore d’Ufficio

    3.6.5 Il Patrocinio a spese dello Stato

    3.6.6 Abbandono, revoca, rinuncia e incompatibilità

     

    PERCORSO 4 - GLI ATTI, IL PROCEDIMENTO IN CAMERA DI CONSIGLIO, LA SENTENZA EX ART. 129 C.P.P.

    4.1 Gli atti, il procedimento in camera di consiglio, la sentenza ex art. 129 c.p.p.

    4.1.1 Lingua degli atti

    4.1.2 La segretezza degli atti

    4.1.3 La pubblicazione degli atti

    4.1.4 Gli atti del Giudice

    4.1.5 Il procedimento in camera di consiglio

    4.1.6 Immediata declaratoria delle cause di non punibilità (art. 129 c.p.p.)

    4.1.7 Documentazione degli atti

    4.2 Gli atti – la patologia degli atti processuali

    4.2.1 La Patologia degli atti processuali - Introduzione

    4.2.2 Patologie dell’atto processuale: definizione e categorie

    4.2.3 Le nullità – Inquadramento e tassatività

    4.2.4 Categorie di Nullità – Le nullità di ordine generale

    4.2.5 Le nullità assolute

    4.2.6 Le nullità a regime intermedio

    4.2.7 Le nullità relative

    4.2.8 Nullità: sanatorie ed effetti

    4.2.9 Inammissibilità, preclusione e decadenza

    4.2.10 L’Abnormità e l’inesistenza dell’atto processuale

    4.2.11 L’inutilizzabilità

    4.3 Le notificazioni

    4.3.1 Le notificazioni

    4.3.2 Forme delle notificazioni (art. 148 c.p.p.)

    4.3.3 Notificazione del primo atto

    4.3.4 Irreperibilità dell’imputato

    4.3.5 Nullità delle notificazioni (art. 171 c.p.p.)

     

    PERCORSO 5 - LE PROVE: PRINCIPI GENERALI SULLA PROVA, MEZZI DI PROVA, LA TESTIMONIANZA

    5.1. Principi generali sulla prova, mezzi di prova, la testimonianza

    5.1.1 Disposizioni generali

    5.1.2 Oggetto di prova (art. 187 c.p.p.):

    5.1.3 Il diritto alla prova (art. 190 c.p.p.)

    5.1.4 La valutazione della prova

    5.1.5 La testimonianza

    5.1.6 Il privilegio contro l’autoincriminazione (art. 198, co. 2, c.p.p.)

    5.1.7 La capacità a testimoniare (art. 196 c.p.p.)

    5.1.8 La testimonianza assistita (art. 197bis c.p.p.)

    5.1.9 Facoltà di astensione

    5.1.10 La testimonianza indiretta (art. 195 c.p.p.)

    5.2 Le prove: i mezzi di prova, l’esame delle parti, il confronto, la ricognizione, l’esperimento giudiziale, la perizia e la consulenza tecnica, la prova documentale

    5.2.1 L’esame delle parti

    5.2.2 L’esame dell’imputato

    5.2.3 L’esame delle altre parti private

    5.2.4 L’esame degli imputati in procedimenti connessi o collegati

    5.2.5 Il Confronto

    5.2.6 La ricognizione

    5.2.7 L’esperimento giudiziale

    5.2.8 La perizia

    5.2.9 La consulenza tecnica

    5.2.10 La prova documentale

    5.3 I mezzi di ricerca della prova

    5.3.1 L’ispezione

    5.3.2 La perquisizione

    5.3.3 Il sequestro probatorio

    5.3.4 La giurisprudenza

    5.3.5 Regole particolari

    5.3.6 Le intercettazioni

    5.3.7 Limiti di ammissibilità (art. 266 c.p.p.).

    5.3.8 Requisiti probatori (art. 267 c.p.p.)

    5.3.9 Forme del procedimento (art. 267 c.p.p.)

    5.3.10 Il termine di durata delle intercettazioni

    5.3.11 Il deposito di verbali e registrazioni (art. 268bis c.p.p.)

    5.3.12 L’acquisizione delle intercettazioni al fascicolo delle indagini (art. 268ter c.p.p.)

    5.3.13 Inutilizzabilità (art. 271 c.p.p.)

     

    PERCORSO DIDATTICO 6 – LE MISURE CAUTELARI

    6.1 Le misure cautelari Personali

    6.1.1 I Misure cautelari personali e libertà personale ex art. 13 Cost.

    6.1.2 Misure Cautelari personali – Categorie di Misure

    6.1.3 Misure Cautelari personali– Misure coercitive

    6.1.4 Misure Cautelari personali– Misure coercitive custodiali

    6.1.5 Misure Cautelari personali– Misure meramente coercitive

    6.1.6 Le misure interdittive

    6.1.7 Presupposti per l’applicazione delle misure cautelari personali – Limiti di pena

    6.1.8 Presupposti per l’applicazione delle misure cautelari personali – Gravi Indizi di Colpevolezza (Art. 273 c.p.p.)

    6.1.9 Presupposti per l’applicazione delle misure cautelari personali – Esigenze Cautelari (Art. 274 c.p.p.)

    6.1.10 Presupposti per l’applicazione delle misure cautelari personali – Criteri di scelta delle misure (Art. 275 c.p.p.)

    6.2 Le misure cautelari Personali – Il procedimento Applicativo, la revoca, la durata e il sistema delle Impugnazioni

    6.2.1 Procedimento applicativo delle misure personali – La Richiesta del P.M.

    6.2.2 Procedimento applicativo delle misure personali – L’ordinanza del Giudice

    6.2.3 Procedimento applicativo delle misure personali – L’interrogatorio di garanzia

    6.2.4 Misure Cautelari personali – Estinzione delle misure – Revoca e sostituzione

    6.2.5 Misure Cautelari personali – Estinzione delle misure – Durata delle misure cautelari personali

    6.2.6 Misure Cautelari personali – Impugnazioni – Riesame

    6.2.7 Misure Cautelari personali – Impugnazioni – Appello ex art. 310 c.p.p.

    6.2.8 Misure Cautelari personali – Impugnazioni – Ricorso per Cassazione

    6.3 Le misure cautelari

    6.3.1 Le misure cautelari reali

    6.3.2 Misure Cautelari Reali – Presupposti

    6.3.3 Misure Cautelari Reali – Il Sequestro conservativo

    6.3.4 Misure Cautelari Reali – Il sequestro preventivo

    6.3.5 Misure Cautelari Reali – Il sequestro preventivo finalizzato alla confisca per «equivalente» ex art. 322-ter c.p.

    6.3.6 Misure Cautelari Reali – Il sequestro preventivo finalizzato alla confisca cd. «allargata» ex art. 240-bis c.p.

    6.3.7 Procedimento di Applicazione delle misure cautelari reali – Sequestro Conservativo

    6.3.8 Procedimento di Applicazione delle misure cautelari reali – Sequestro Preventivo

    6.3.9 Misure Cautelari Reali – Impugnazioni – Il Riesame

    6.3.10 Misure Cautelari Reali – Impugnazioni – L’appello ex art. 322-bis c.p.

    6.3.11 Misure Cautelari Reali – Impugnazioni – Il Ricorso per Cassazione ex art. 325 c.p.p.

     

    PERCORSO 7: LE INDAGINI PRELIMINARI

    7.1 Le indagini preliminari

    7.1.1 Le indagini preliminari

    7.1.2 Gli atti delle indagini preliminari

    7.1.3 Il Giudice per le Indagini Preliminari (G.I.P.)

    7.1.4 L’obbligo di segreto (art. 329 c.p.p.)

    7.2 Notizia di reato e condizioni di procedibilità

    7.2.1 La Notizia di Reato

    7.2.2 La denuncia, l’iscrizione della notizia di reato e il registro delle notizie di reato

    7.2.3 Le condizioni di Procedibilità - La Querela

    7.2.4 Le condizioni di Procedibilità - Le altre condizioni di procedibilità

    7.2.5 Assenza di una condizione di procedibilità

    7.3 Le indagini preliminari della P.G.

    7.3.1 L’attività di iniziativa della P.G.

    7.3.2 Atti tipici compiuti di iniziativa della P.G.

    7.3.3 Le sommarie informazioni dall’indagato (art. 350 c.p.p.).

    7.3.4 Le sommarie informazioni da possibili testimoni (art. 351 c.p.p.).

    7.3.5 Le operazioni tecniche mediante ausiliari

    7.3.6 Atti tipici compiuti di iniziativa della P.G. con esercizio di poteri coercitivi

    7.3.7 L’arresto in flagranza (artt. 380-383 c.p.p.)

    7.3.8 Il fermo di indiziato di delitto (art. 384 c.p.p.)

    7.3.9 Il procedimento di convalida dell’arresto e del fermo

    7.3.10 L’allontanamento dalla casa familiare (art. 384bis c.p.p.)

    7.4 Le indagini del P.M.

    7.4.1 Il ruolo del P.M. nelle indagini preliminari

    7.4.2 Le attività di indagine del P.M.

    7.5 Le investigazioni difensive

    7.5.1 Investigazioni difensive: introduzione

    7.5.2 Investigazioni difensive: il Colloquio e le dichiarazioni e l’assunzione di informazioni (Artt. 391-bis e 391- ter c.p.p.)

    7.5.3 Le altre investigazioni difensive

    7.5.4 Il fascicolo del difensore

    7.6 L’incidente probatorio

    7.6.1 Incidente probatorio (artt. 392-404 c.p.p.)

    7.6.2 Svolgimento dell’incidente probatorio

    7.6.3 Fase dell’udienza

    7.6.4 Integrazione del contraddittorio (art. 402 c.p.p.).

    7.7 La chiusura della fase investigativa

    7.7.1 Il termine per le indagini preliminari

    7.7.2 Termine massimo

    7.7.3 Procedimento per la proroga del termine

    7.7.4 L’archiviazione (artt. 408-411 c.p.p.)

    7.7.5 Il procedimento di archiviazione

    7.7.6 Udienza in camera di consiglio

    7.7.7 Richiesta di archiviazione è motivata

    7.7.8 Reato commesso da persona ignota

     ... segue

    in preparazione

  • ↓↑ Indice analitico domande e risposte ↓↑

    ↓↑ Indice analitico domande e risposte ↓↑

    DOMANDE E RISPOSTE

    Domande e risposte - codice procedura penale

    Arresto

    Astensione

    Avvisi all’indagato

    Azione civile da reato e azione penale

    Camera di consiglio

    Capacità processuale

    Causa di non punibilità

    Competenza

    Condizioni di procedibilità

    Decreto di archiviazione

    Difensore di fiducia

    Domiciliatario

    Errori materiali

    Estromissione

    Fermo

    Giudizio immediato

    Giurisdizione penale.

    Giusto processo

    Gli atti del pm che valenza hanno in dibattimento?

    Gup nell’udienza preliminare

    Impugnazioni dei provvedimenti applicativi delle misure cautelari personali

    Imputazione

    Incompatibilità del giudice

    Incompetenza per territorio

    Informazione di garanzia

    Interrogatorio

    Investigazioni difensive

    Misura cautelare

    Misure coercitive

    Misure precautelari

    Oblazione

    Parte civile

    Parte

    Patteggiamento

    Perquisizione

    Persona offesa

    Persone, soggetti e parti processuali

    Polizia giudiziaria

    Poteri coercitivi

    Pregiudiziale

    Procedimento e processo

    Procedimento per decreto

    Procedimento per decreto

    Ragionevole durata del processo

    Responsabile civile

    Ricusazione

    Rimessione del processo

    Riserva di legge in materia cautelare

    Riti speciali

    Rito abbreviato

    Rito accusatorio

    Rito direttissimo

    Soggetti processuali

    Sospensione del procedimento con messa alla prova

    Udienza di convalida arresto o fermo

    Udienza preliminare

 

Accedi

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO

Menu Offcanvas Mobile