foroeuropeo.it

Compenso arbitri - Liquidazione effettuata dal collegio arbitrale

Print Friendly, PDF & Email

6 Novembre 2009 - Arbitrato - Compenso arbitri - Liquidazione effettuata dal collegio arbitrale - liquidazione, ex articolo 814 c.p.c., del compenso In tema di determinazione del compenso e delle spese dovuti agli arbitri dai conferenti l'incarico, secondo il regime previgente alla novella recata dal Decreto Legislativo 2 febbraio 2006, n. 40, qualora, in assenza di espressa rinunzia da parte degli aventi diritto, il contratto di arbitrato non contenga la relativa quantificazione, esso e' automaticamente integrato, in base all'articolo 814 c.p.c., con clausola devolutiva della pertinente determinazione al presidente del tribunale,….. (Corte di Cassazione Sezione 2 Civile Sentenza del 23 ottobre 2009, n. 22549)

Arbitrato - Compenso arbitri - Liquidazione effettuata dal collegio arbitrale - liquidazione, ex articolo 814 c.p.c., del compenso -

In tema di determinazione del compenso e delle spese dovuti agli arbitri dai conferenti l'incarico, secondo il regime previgente alla novella recata dal Decreto Legislativo 2 febbraio 2006, n. 40, qualora, in assenza di espressa rinunzia da parte degli aventi diritto, il contratto di arbitrato non contenga la relativa quantificazione, esso e' automaticamente integrato, in base all'articolo 814 c.p.c., con clausola devolutiva della pertinente determinazione al presidente del tribunale, il quale, una volta investito (con ricorso proponibile anche disgiuntamente da ciascun componente del collegio arbitrale) in alternativa all'arbitratore, svolge una funzione giurisdizionale non contenziosa, adottando un provvedimento di natura essenzialmente privatistica. Ne consegue che detto provvedimento e' privo della vocazione al giudicato e, dunque, insuscettibile di impugnazione con ricorso straordinario per cassazione, ai sensi dell'articolo 111 Cost.; tale natura del procedimento, inoltre, esclude l'ipotizzabilita' di una soccombenza ed osta, pertanto, all'applicazione del relativo principio ed all'adozione delle consequenziali determinazioni in tema di spese (Corte di Cassazione Sezione 2 Civile Sentenza del 23 ottobre 2009, n. 22549)

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con ricorso del 14 novembre 2007, i componenti del collegio arbitrale costituito per la risoluzione della controversia insorta tra l'Avv. NE. VI. Ma. , quale legale rappresentante dello Studio legale NEBIOLO VIETTI e Associati e in proprio, e l'Avv. AN. Ca. , chiedevano al Presidente del Tribunale di Torino la liquidazione, ex articolo 814 c.p.c., del compenso loro spettante. La liquidazione effettuata dal collegio arbitrale nella misura di euro 30.000,00, da ripartirsi in parti uguali tra gli arbitri, infatti, non era stata accettata dall'Avv. An.Ca. per le seguenti due ragioni: a) perche' era in corso di notifica l'impugnazione del lodo; b) perche' le somme richieste apparivano in contrasto con le tariffe professionali vigenti.

Si costituiva l'Avv. An. , il quale concludeva sostenendo che il compenso dovesse essere determinato nella misura di euro 1.940,00, pari al minimo previsto per cause di valore inferiore ad euro 25.900,00, ovvero, in via subordinata e per l'ipotesi che la causa fosse stata considerata di valore rientrante nel successivo scaglione, in euro 5.815,00 (pari al minimo per cause di valore inferiore ad euro 51.700,00.

Con decreto depositato il 29 aprile 2008, il Presidente del Tribunale di Torino determinava il compenso in euro 30.000,00, oltre spese generali e accessori di legge.

Il Presidente del Tribunale riteneva che il valore della controversia decisa dagli arbitri, in relazione al quale doveva poi determinarsi il compenso, dovesse essere individuato tenendo conto della entita' delle richieste rivolte agli arbitri e non della somma da questi attribuita alla parte vincitrice. Escluso quindi che potesse farsi riferimento alla somma di euro 7.966,94, al pagamento della quale era stato condannato l'Avv. An. , previa compensazione del suo debito con un credito di euro 1.400,00, il Presidente rilevava che l'entita' delle richieste rivolte agli arbitri fosse dato dalla somma delle domande, variamente articolate, formulate da entrambe le parti, pari complessivamente ad un importo superiore a euro 103.000,00, con conseguente applicazione degli onorari previsti dalla tariffa per lo scaglione compreso tra euro 103.000,01 e 258.300,00, nella misura da un minimo di euro 25.190,00 e un massimo di euro 52.925,00.

Cosi' individuato il valore della controversia, il Presidente, tenuto conto della rilevanza della controversia, dell'oggetto della lite, dell'importanza dell'opera svolta dagli arbitri, riteneva congruo il compenso di euro 30.000,00.

Per la cassazione di questo provvedimento ricorre l'Avv. An. Ca. , sulla base di due motivi; resistono, con controricorso, gli Avvocati CA.Ma. , Bo.Al. e GA. Lu. ; entrambe le parti hanno depositato memoria.

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo, il ricorrente deduce violazione e falsa applicazione del Decreto Ministeriale 8 aprile 2004, n. 127 e dell'articolo 10 c.p.c..

Premesso che, ai sensi dell'articolo 6 del citato Decreto Ministeriale, nella liquidazione degli onorari a carico del soccombente, "il valore della causa e' determinato a norma del codice civile, avendo riguardo (...) nei giudizi per pagamento somma o liquidazione di danni, alla somma attribuita alla parte vincitrice piuttosto che a quella domandata", il ricorrente si duole che il Presidente del Tribunale abbia proceduto alla determinazione del valore della controversia non gia' sulla base del decisum, ma sulla base del deductum, determinato dalla somma di quanto richiesto da entrambe le parti del giudizio arbitrale, e cioe' sia delle pretese formulate dall'Avvocato Ne. Vi. in quella sede, sia delle domande formulate da esso ricorrente in via riconvenzionale. In tal modo, il Presidente del Tribunale avrebbe pero' violato l'articolo 10 c.p.c., a norma del quale possono sommarsi solo le domande proposte nello stesso processo contro la medesima parte, ma non anche la domanda principale e quella riconvenzionale. Ove cosi avesse operato, il valore della controversia avrebbe dovuto essere contenuto nello scaglione compreso tra un minimo di euro 25.900,00 e un massimo di euro 51.700,00, posto che la domanda dell'Avv. Vi. era pari ad euro 44.042,23 (superiore a quella indicata nel provvedimento impugnato in euro 39.962,00).

Con il secondo motivo, il ricorrente denuncia il vizio di motivazione insufficiente e contraddittoria, rilevando che il provvedimento risulta incentrato sulla complessita' e la difficolta' del giudizio arbitrale, laddove questo criterio, lungi dal poter concorrere a individuare il valore della controversia, avrebbe potuto al piu' rilevare ai fini della determinazione del compenso nell'ambito dello scaglione correttamente determinato in base al valore della controversia, individuato sulla base delle sole domande proposte dall'attore nei confronti del convenuto.

Conclusivamente, il ricorrente formula il seguente quesito di diritto: "Accerti e dica la Suprema Corte di cassazione che, al fine della determinazione del valore di una controversia arbitrale e quindi dell'individuazione dello scaglione di valore per la valutazione di congruita' della liquidazione delle competenze spettanti agli arbitri, debbono essere sommate, ai sensi dell'articolo 10 c.p.c., le sole domande proposte dall'attore nei confronti del convenuto, e non anche a queste le domande (riconvenzionali) proposte dal convenuto nei confronti dell'attore".

Rileva il Collegio che, successivamente alla proposizione del ricorso, e' intervenuta una pronuncia delle Sezioni Unite che, con riferimento alla questione relativa alla individuazione della natura del procedimento per la determinazione del compenso agli arbitri e ai rimedi esperibili avverso la decisione del Presidente del Tribunale, ha affermato il seguente principio di diritto: "in tema di determinazione del compenso e delle spese dovuti agli arbitri dai conferenti l'incarico, secondo il regime previgente alla novella recata dal Decreto Legislativo 2 febbraio 2006, n. 40, qualora, in assenza di espressa rinunzia da parte degli aventi diritto, il contratto di arbitrato non contenga la relativa quantificazione, esso e' automaticamente integrato, in base all'articolo 814 c.p.c., con clausola devolutiva della pertinente determinazione al presidente del tribunale, il quale, una volta investito (con ricorso proponibile anche disgiuntamente da ciascun componente del collegio arbitrale) in alternativa all'arbitratore, svolge una funzione giurisdizionale non contenziosa, adottando un provvedimento di natura essenzialmente privatistica.

Ne consegue che detto provvedimento e' privo della vocazione al giudicato e, dunque, insuscettibile di impugnazione con ricorso straordinario per cassazione, ai sensi dell'articolo 111 Cost.; tale natura del procedimento, inoltre, esclude l'ipotizzabilita' di una soccombenza ed osta, pertanto, all'applicazione del relativo principio ed all'adozione delle consequenziali determinazioni in tema di spese" (Cass. n. 15586 del 2009).

A tali conclusioni le Sezioni Unite sono giunte sulla base di una riconsiderazione sistematica del procedimento finalizzato alla mera liquidazione degli compensi spettanti agli arbitri in forza del contratto di arbitrato, e cio' sia nella prospettiva della funzione svolta dal Presidente del Tribunale nel procedimento, sia in quella del rito, rilevando come entrambi i profili inducano ad affermare la carenza di carattere giurisdizionale nella decisione adottata dal Presidente del Tribunale nel procedimento ex articolo 814 c.p.c., e ad escluderne la natura decisoria e l'attitudine al giudicato, e conseguentemente ad affermare la non esperibilita' avverso la decisione stessa dei rimedi di giurisdizione contenziosa, anche extra ordinem, quale il ricorso per cassazione previsto dall'articolo 111 Cost., nella specie proposto dal ricorrente .

Il Collegio condivide il percorso argomentativo e il principio di diritto enunciato dalle Sezioni Unite, al quale intende quindi uniformarsi.

Ne consegue che l'esame dei motivi del ricorso e' precluso dal preliminare rilievo della inammissibilita' del ricorso stesso.

Sussistono peraltro giusti motivi per compensare le spese del giudizio di legittimita', in considerazione del fatto che solo all'esito della recentissima pronuncia delle Sezioni Unite deve affermarsi la inammissibilita' del ricorso, laddove invece, secondo il precedente e disatteso orientamento, esso era ammissibile.

P.Q.M.

La Corte, pronunciando sul ricorso, lo dichiara inammissibile; compensa le spese del giudizio di legittimita'.

 

Documento pubblicato su ForoEuropeo - il portale del giurista - www.foroeuropeo.it

 


Accedi

Cerca in Foroeuropeo

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO

sciola bbbbbb - CORSO ESAME ORALE ABILITAZIONE AVVOCATO

  • ESAME ORALE

    ESAME ORALE AVVOCATO

    PERCORSI DIDATTICI SVILUPPATI PER MATERIE CONTENENTI: videolezioni, diapositive, sommari e schede per appunti, domande e risposte annotate con i riferimenti normativi, link di collegamento alla banca dati "Codici civili annotati con le massime della Cassazione" di foroeuropeo.it.

    Quaderni con i testi da visualizzare e stampare.

    Un sistema rivoluzionario per la preparazione, rapida e completa, agli esami orali di abilitazione di avvocato.

  • CPC

    6 1CORSO ONLINE DIRITTO PROCESSUALE CIVILE - 

    14 PERCORSI DIDATTICI CONTENENTI: 54 videolezioni, diapositive, sommari e schede per appunti, domande e risposte annotate con i riferimenti normativi, link di collegamento alla banca dati "Codici civili annotati con le massime della Cassazione" di foroeuropeo.it – Quaderni con i testi da visualizzare e stampare - Un sistema rivoluzionario per la preparazione, rapida e completa, ai concorsi pubblici, agli esami universitari e agli esami orali di abilitazione di avvocato.

    .leggi tutto

  • CPP

    6 1 CORSO ONLINE DIRITTO PROCESSUALE PENALE -

    50 videolezioni con diapositive inserite in 15 percorsi formativi. Quaderno pdf da visualizzare e stampare con sommari e schede per appunti. Quaderno con domande e risposte annotate con i riferimenti normativi e con link di collegamento alla banca dati "Codici civili annotati con le massime della Cassazione" di foroeuropeo.it - I corsi per la preparazione ai concorsi pubblici, agli esami universitari e agli esami di abilitazione professionale. in preparazione

  • amministrativo

    6 1CORSO ONLINE DIRITTO AMMINISTRATIVO -

    50 videolezioni con diapositive inserite in 15 percorsi formativi. Quaderno pdf da visualizzare e stampare con sommari e schede per appunti. Quaderno con domande e risposte annotate con i riferimenti normativi e con link di collegamento alla banca dati "Codici civili annotati con le massime della Cassazione" di foroeuropeo.it - I MANUALI GIURIDICI MULTIMEDIALI per la preparazione ai concorsi pubblici, agli esami universitari e agli esami di abilitazione professionale. in preparazione

  • Ordinamento forense

    6 1 CORSO ONLINE ORDINAMENTO FORENSE E DIRITTI E DOVERI DELL'AVVOCATO -

    50 videolezioni con diapositive inserite in 15 percorsi formativi. Quaderno pdf da visualizzare e stampare con sommari e schede per appunti. Quaderno con domande e risposte annotate con i riferimenti normativi e con link di collegamento alla banca dati "Codici civili annotati con le massime della Cassazione" di foroeuropeo.it - I corsi per la preparazione ai concorsi pubblici, agli esami universitari e agli esami di abilitazione forense. in preparazione

LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA

  • NEGOZIARE CON METODO

    Corso di formazione 

    LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA, - NEGOZIARE CON METODO  - Il nuovo strumento di ADR che riconosce agli avvocati un ruolo centrale nell’assistere le parti nella negoziazione finalizzata alla ricerca di un accordo –Docenti: Tiziana Fragomeni: avvocato negoziatore, mediatore e formatore in tecniche di negoziazione, mediazione e gestione costruttiva dei conflitti. Responsabile scientifico del Movimento Enne.Zero - Flavia Silla: avvocato patrocinante in Cassazione, dottore commercialista, revisore legale, mediatore ai sensi del D.lgs. n. 28/2010 e pubblicista I lezione Venerdì 11 giugno 2021 Corso di formazione - Quattro lezioni da 5 ore, con orario per un totale di 20 ore. Richiesto accreditamento al C.N.F.

  • LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA

    PREMESSA

    Chi svolge la professione dell’avvocato sa bene che già da tempo tutto sta andando in una precisa direzione: la necessità di un avvocato esperto non solo di contenzioso ma anche di negoziazione che, se utilizzata con metodo, offre al legale gli strumenti per scegliere la migliore strategia con il suo assistito per giungere a esiti soddisfacenti e produttivi, sia per il cliente sia per il professionista avvocato.

    Il corso di formazione si propone di far conoscere la negoziazione assistita, entrata in vigore con il decreto legge 132/14, convertito con la legge 162/14, quale nuovo strumento di ADR che riconosce alle parti il potere di autoregolamentazione dei loro rapporti e ai rispettivi avvocati un ruolo centrale nell’assisterle nella negoziazione finalizzata alla ricerca di un accordo. Quest’ultimo, una volta raggiunto e sottoscritto dalle parti e dagli avvocati che le assistono, costituisce titolo esecutivo e per l’iscrizione di ipoteca giudiziale.

    Viene illustrato con aspetti pratici un metodo (Metodo O.A.S.I. – Osservare, Ascoltare, Sentire, Integrare e le sue mappe sinottiche) progettato per superare le logiche delle contrapposizioni grazie a una visione d’insieme che coglie tutti gli aspetti più rilevanti di un problema, tecnici e relazionali, facendo uso di strumenti che hanno come scopo quello di aiutare le persone a comprendere che cosa è veramente importante per gestire il loro problema e raggiungere una soluzione attraverso la strategia più efficace.

    OBIETTIVI

    Conoscere e saper usare lo strumento della negoziazione assistita, nei suoi aspetti procedurali e normativi;

    Conoscere e saper usare il Metodo O.A.S.I. e le sue mappe sinottiche per negoziare efficacemente.

     

  • DURATA

     DURATA

    Quattro lezioni da 5 ore, con orario 14.00/19.00 per un totale di 20 ore.

    I lezione Venerdì 11 giugno 2021

    • Il decreto 132/14: durata, forma, contenuto, requisiti
    • Conseguenze della mancata risposta all’invito ad aderire alla procedura
    • L’omologazione dell’accordo
    • Ipotesi di annullamento, nullità, risoluzione dell’accordo 

    II lezione Venerdì 18 giugno

    • Obblighi per le parti e per i difensori relativi alla tutela della riservatezza
    • L'invito del giudice ad avviare una procedura di negoziazione
    • Cooperare in buona fede e lealtà: cosa significa, cosa comporta 

    III lezione Venerdì 25 giugno

    • Il Metodo O.A.S.I. (Osservare, Ascoltare, Sentire, Integrare)
    • Come esaminare un negoziato: l’importanza dello sguardo sinottico
    • Anatomia della negoziazione: fase preparatoria, negoziale, conclusiva 

    IV lezione venerdì 2 luglio

    • Le mappe di O.A.S.I. Come il loro uso facilita la negoziazione
    • Come costruire una mappa dei princìpi da allegare alla convenzione di negoziazione
    • Applicazione delle mappe a casi concreti di negoziazione

     

  • DOCENTI

    DOCENTI

    Tiziana Fragomeni: avvocato negoziatore, mediatore e formatore in tecniche di negoziazione, mediazione e gestione costruttiva dei conflitti. Responsabile scientifico del Movimento Enne.Zero, Membro del Consiglio Direttivo di Progetto Conciliamo e del Comitato Tecnico Scientifico, da anni progetta, organizza e conduce workshop, corsi ed eventi in materia di negoziazione, gestione dei conflitti e mediazione per enti pubblici e privati. Autrice di testi in materia di mediazione e conflitto.

    Flavia Silla: avvocato patrocinante in Cassazione, dottore commercialista, revisore legale, mediatore ai sensi del D.lgs. n. 28/2010 e pubblicista. Collabora da tempo in qualità di docente a corsi e seminari organizzati da importanti società di formazione e da Ordini professionali ed è autrice di pubblicazioni in materia societaria, fallimentare e tributaria e, da ultimo, di mediazione civile e commerciale. E’ socio fondatore dell’associazione Enne.Zero costituita tra avvocati e professionisti della negoziazione e ha partecipato a diversi

Menu Offcanvas Mobile