foroeuropeo.it

Adozione speciale ai sensi dell'art. 44 della l. 184/1983 violazione del principio del contraddittorio

Print Friendly, PDF & Email

Adozione speciale ai sensi dell'art. 44 della l. 184/1983 violazione del principio del contraddittorio -  il  tutore dell'adottando minorenne è parte necessaria

Civile e Procedura civile - Adozione speciale ai sensi dell'art. 44 della l. 184/1983 violazione del principio del contraddittorio -  il  tutore dell'adottando minorenne è parte necessaria (Cassazione, sez. I civile, sentenza n. 15485 del 16 ottobre 2003)

Vxxxx Sxxxxx. riconosceva come propria figlia naturale la minore G., nata a Sansepolcro il 28 luglio 1996 da donna che non aveva provveduto a riconoscere la bambina. Il Tribunale per i Minorenni di Roma, dubitando della veridicità di detto riconoscimento, con decreto del 28 aprile-2 maggio 1997 nominava un curatore
speciale alla minore perché procedesse alla relativa impugnazione, sospendeva la potestà genitoriale del S., nominava tutore provvisorio il Sindaco del Comune di Roma e disponeva l'allontanamento della minore dall'abitazione del S. e della moglie L. T., nella quale era stata inserita senza l'autorizzazione prescritta dall'art. 252 c.c. Tale decreto poteva avere esecuzione soltanto il 29 dicembre 1999. Il 20 aprile 2000, dopo essere stata ospitata in casa-famiglia, la bambina era affidata ai coniugi G., residenti a Carcare di Savona.

Con sentenza del 12-19 maggio 2000, non impugnata, il Tribunale di Roma, dinanzi al quale era stato proposto il giudizio di impugnazione del riconoscimento, ne dichiarava la non veridicità.

Frattanto il S. e la T. proponevano domanda di adozione ai sensi dell'art. 44, lettera c), della l. 184/1983.

Con decreto del 12 aprile-10 maggio 2001 il Tribunale per i Minorenni rigettava la domanda, osservando che la bambina era ben integrata nel nucleo familiare che la aveva accolta e che un nuovo cambiamento di vita sarebbe stato gravemente pregiudizievole per l'armonico sviluppo della sua personalità.

Proposto reclamo dai coniugi T. e S., la Corte di appello di Roma, sezione per i Minorenni, disposta consulenza tecnica di ufficio diretta ad accertare lo stato psicologico della bambina, con particolare riguardo ai suoi rapporti con la famiglia affidataria ed ai precedenti legami con i reclamanti, con decreto del 13 dicembre 2002-14 gennaio 2003 confermava il provvedimento impugnato.

Osservava in motivazione la Corte territoriale che dalla indagine compiuta era emerso che la minore era fortemente legata alla famiglia affidataria, ma soffriva di ansie circa il proprio futuro, alimentate dal ricordo dei coniugi S. quali precedenti figure affettive di riferimento, e che tuttavia l'allontanamento dal nuovo nucleo si sarebbe probabilmente tradotto in un nuovo lutto, più gravoso del processo ancora in atto di elaborazione della perdita dei precedenti genitori. Sulla base di tali rilievi riteneva che fosse interesse della minore rimanere presso i coniugi G., che intendevano adottarla.

Avverso tale decreto hanno proposto ricorso per cassazione L. T. e Vxxxx Sxxxxx. prospettando due motivi illustrati con memoria. Il Sindaco del Comune di Roma, tutore della minore, ha resistito con controricorso.

MOTIVI DELLA DECISIONE

Va preliminarmente rilevata l'ammissibilità del ricorso per cassazione avverso il provvedimento in oggetto.

Come è noto, nella giurisprudenza di questa Suprema corte si è reiteratamente affermato che in materia di adozione speciale ai sensi dell'art. 44 della l. 184/1983 il ricorso straordinario per Cassazione avverso il decreto emesso dalla Corte di appello in sede di reclamo è inammissibile se il provvedimento è negativo, in quanto privo dei necessari requisiti della definitività e decisorietà, mentre è ammissibile nei casi in cui venga disposta l'adozione, trattandosi di provvedimento non altrimenti impugnabile e di contenuto decisorio, che incide con autorità di giudicato, sia pure rebus sic stantibus, sulle posizioni soggettive del minore e degli altri interessati (v., più di recente, Cassazione 9689/2002; 4026/2001; 3130/2001; 9795/2000; 8240/2000; 5417/2000).

Tale orientamento non è peraltro più invocabile con riferimento alla adozione in casi particolari regolata dalla legge di riforma dell'adozione 149/2001, che, modificando all'art. 30 l'art. 313 c.c., richiamato dall'art. 56, ultimo comma, della l. 184/1983, ha previsto che il relativo provvedimento sia assunto con la forma della sentenza, e non più del decreto.

Della vigenza di tale normativa non vi è peraltro ragione di dubitare, atteso che le norme di differimento dell'entrata in vigore della l. 149/2001, contenute nel d.l. 150/2001, convertito in l. 240/2001, nel successivo d.l. 126/2002, convertito in l. 175/2002, ed infine nel d.l. 147/2003, convertito in l. 200/2003, hanno riguardo soltanto ai procedimenti per la dichiarazione dello stato di adottabilità ed ai relativi giudizi di opposizione, nonché ai procedimenti di cui all'art. 336 c.c.

E poiché nella specie il decreto del primo giudice è stato deliberato in epoca precedente, ma depositato successivamente all'entrata in vigore, in parte qua, della legge di riforma, va riconosciuta natura di sentenza sia a detto provvedimento sia a quello emesso in sede di gravame dalla Corte di appello, con conseguente impugnabilità di quest'ultimo con ricorso ordinario per cassazione, per tutti i motivi di cui all'art. 360 c.p.c.

Con il primo motivo di ricorso, denunciando violazione del principio del contraddittorio ai sensi degli artt. 101 e 102 c.p.c. e violazione e falsa applicazione degli artt. 44, 45 e 56 della l. 184/1983, 313 c.c. e 7 della l. 184/1983, nel testo modificato dal punto 3 dell'art. 7 della l. 149/2001, si deduce che la Corte di appello ha erroneamente omesso di chiamare in giudizio e di procedere all'audizione del legale rappresentante della minore, in persona del tutore, il quale avrebbe potuto esprimere il consenso all'adozione, ed ha altrettanto erroneamente mancato di sentire direttamente la minore, previa valutazione della sua capacità di discernimento.

Il primo profilo di censura è fondato.

Ed invero l'art. 313 c.c., richiamato - come già ricordato - dall'art. 56, ultimo comma, della l. 184/1983, attribuisce la legittimazione ad impugnare la sentenza emessa in tema di adozione in casi particolari, oltre che all'adottante ed al P.M., anche all'adottando, così chiaramente riconoscendogli la qualità di parte del procedimento. Va al riguardo considerato che la mancata indicazione in detta disposizione del legale rappresentante del minore trova evidente ragione nel rilievo che essa è stata dettata con specifico riferimento all'adozione di persone maggiorenni e quindi dotate di piena capacità processuale. Il necessario adattamento della norma al procedimento di adozione in casi particolari - determinato dalla scelta del legislatore di disciplinare l'impugnazione attraverso lo strumento del mero rinvio al codice civile - impone di ritenere, non potendo i minori stare in giudizio se non rappresentati dai genitori titolari della potestà ovvero dal tutore, che la legittimazione ad impugnare spetti al legale rappresentante del minore, al quale va pertanto riconosciuta la qualità di parte.

Tale è peraltro la linea espressa nella sentenza della Corte costituzionale 401/1999, che, nel dichiarare non fondata, in riferimento agli artt. 3, 24 e 30 Cost., la questione di legittimità costituzionale dell'art. 56, comma 4, della l. 184/1983, nella parte in cui, richiamando l'art. 313 c.c., non contempla tra i soggetti legittimati ad impugnare il decreto di adozione in casi particolari anche i genitori dell'adottando, purché non decaduti dall'esercizio della potestà, ha ritenuto la norma in esame conforme a Costituzione se interpretata nel senso che il genitore dell'adottando va incluso tra i soggetti legittimati all'impugnazione, rilevando che negare la loro legittimazione a proporre reclamo contrasterebbe con la tutela costituzionale del diritto di azione, spettante a soggetti che in quanto esercenti la potestà genitoriale non possono non essere contraddittori necessari nel procedimento di adozione in casi particolari.

E pertanto, in consapevole contrasto con la pronuncia di questa Suprema corte 2749/1993, che richiamando la sentenza della Corte costituzionale 182/1988, dichiarativa della illegittimità costituzionale degli artt. 45, comma 2, e 56, comma 2, della l. 184/1983, nella parte in cui prevedevano il consenso, anziché l'audizione del legale rappresentante del minore, ha negato al tutore, in quanto investito di una funzione meramente consultiva in ordine all'interesse del minore, la qualità di parte e quindi la legittimazione all'impugnazione, ritiene il Collegio che la previsione dell'adottando tra i soggetti legittimati all'impugnazione comporti il riconoscimento al legale rappresentante dell'adottando minorenne della qualità di parte del procedimento.

E poiché nella specie risulta dall'esame degli atti che il tutore della minore, intervenuto in primo grado, non ha avuto alcuna conoscenza legale del gravame e non ha partecipato in alcun modo al relativo procedimento, la sentenza impugnata deve essere cassata.

L'accoglimento di tale profilo di censura determina l'assorbimento delle altre doglianze contenute nello stesso motivo, nonché del secondo motivo di ricorso.

La causa va pertanto rinviata alla Corte di appello di Roma, sezione per i minorenni, in diversa composizione, che provvederà all'integrazione del contraddittorio nei confronti del tutore della minore e pronuncerà anche sulle spese di questo giudizio di cassazione.

P.Q.M.

Accoglie il primo motivo di ricorso, dichiara assorbito il secondo. Cassa e rinvia anche per le spese alla Corte di appello di Roma, sezione per i
minorenni, in diversa composizione.

Accedi

Cerca in Foroeuropeo

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO

sciola bbbbbb - CORSO ESAME ORALE ABILITAZIONE AVVOCATO

  • ESAME ORALE

    ESAME ORALE

    A.PERCORSI DIDATTICI, SVILUPPATI PER OGNI MATERIA, CONTENENTI: videolezioni, diapositive, sommari e schede per appunti, domande e risposte annotate con i riferimenti normativi, link di collegamento alla banca dati di foroeuropeo.it.

    B.QUADERNI con i testi da visualizzare e stampare.

    Un sistema rivoluzionario per la preparazione, rapida e completa, agli esami orali di abilitazione di avvocato.

    D.L. 31/2021 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI

    7. La seconda prova orale è pubblica e deve durare non meno di quarantacinque e non più di sessanta minuti per ciascun candidato. Essa si svolge a non meno di 30 giorni di distanza dalla prima e consiste:

    a) nella discussione di brevi questioni relative a cinque materie scelte preventivamente dal candidato, di cui:

      -una tra diritto civile e diritto penale, purché diversa dalla materia già scelta per la prima prova orale;

      -una tra diritto processuale civile e diritto processuale penale;

      -tre fra le seguenti: diritto civile, diritto penale, diritto costituzionale, diritto amministrativo, diritto tributario, diritto commerciale, diritto del lavoro, diritto dell'Unione europea, diritto internazionale privato, diritto ecclesiastico.

    b) nella dimostrazione di conoscenza dell'ordinamento forense e dei diritti e doveri dell'avvocato.

     

  • CORSO ONLINE DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

    CORSO ONLINE DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

    copertina manuali

    12 PERCORSI DIDATTICI CONTENENTI: videolezioni, diapositive, sommari e schede per appunti, domande e risposte annotate con i riferimenti normativi, link di collegamento alla banca dati "Codici civili annotati con le massime della Cassazione" di foroeuropeo.it – Quaderni con i testi da visualizzare e stampare 

    Contenuto:
    14 percorsi didattici

    -con 55 videolezioni con diapositive
    -con sommari e schede (quaderno pdf  per appunti da stampare)
    -con domande e risposte annotate con i riferimenti normativi
    -con link di collegamento alla banca dati "Codici civili annotati con le massime della Cassazione" 
    Quaderno con testi e domande e risposte

     Hanno collaborato:
        Centro Studi Foroeuropeo
        Domenico Condello - Avvocato del Foro di Roma
        Riccardo Redivo - Magistrato - Già presidente di sezione della Corte di appello di Roma
        Giuseppina Fanelli - Avvocato del Foro di Roma - Dottore di ricerca 
        Alessio Bonafine - Avvocato del Foro di Roma - Dottore di Ricerca
        Paola Lecci - Avvocato del Foro di Lecce  - Ricercatrice

    Altre informazioni: 

    INDICE: LE VIDEOLEZIONI DEI PERCORSI FORMATIVI:

    Read more

  • CORSO ONLINE DIRITTO PROCESSUALE PENALE

    CORSO ONLINE DIRITTO PROCESSUALE PENALE

    percorsi didattici con: videolezioni con diapositive inserite in 15 percorsi formativi. Quaderno pdf da visualizzare e stampare con sommari e schede per appunti. Quaderno con domande e risposte annotate con i riferimenti normativi e con link di collegamento alla banca dati  di foroeuropeo.it 

    Contenuto:
    12 percorsi didattici

    -con 40 videolezioni con diapositive
    -con sommari e schede (quaderno pdf  per appunti da stampare)
    -con domande e risposte annotate con i riferimenti normativi
    -con link di collegamento alla banca dati foroeuropeo.it 

    Quaderno pdf con sommari e schede per appunti e con domande e risposte.

    Hanno collaborato:

    Centro studi foroeuropeo
    Domenico Condello – Avvocato del Foro di Roma
    Irma Conti – Avvocato del Foro di Roma
    Davide Pagani – Avvocato del Foro di Roma
    Fabio Stancati – Avvocato del Foro di Roma

    Altre informazioni:

    Read more

  • CORSO ONLINE DIRITTO AMMINISTRATIVO

    CORSO ONLINE DIRITTO AMMINISTRATIVO

    50 videolezioni con diapositive inserite in 15 percorsi formativi. Quaderno pdf da visualizzare e stampare con sommari e schede per appunti. Quaderno con domande e risposte annotate con i riferimenti normativi e con link di collegamento alla banca dati "Codici civili annotati con le massime della Cassazione" di foroeuropeo.it 

  • ORDINAMENTO FORENSE E DIRITTI E DOVERI DELL'AVVOCATO

    ORDINAMENTO FORENSE E DIRITTI E DOVERI DELL'AVVOCATO

    12 percorsi didattici con videolezioni, diapositive, sommari e schede per appunti, domande e risposte annotate con i riferimenti normativi, link di collegamento alla banca dati di foroeuropeo.it – Quaderni con i testi da visualizzare e stampare.
    In preparazione - Pubblicazione prevista per il 20 Maggio 2021

  • Costo

    Costo

    Costo

LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA

  • NEGOZIARE CON METODO

    Corso di formazione 

    LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA, - NEGOZIARE CON METODO  - Il nuovo strumento di ADR che riconosce agli avvocati un ruolo centrale nell’assistere le parti nella negoziazione finalizzata alla ricerca di un accordo –Docenti: Tiziana Fragomeni: avvocato negoziatore, mediatore e formatore in tecniche di negoziazione, mediazione e gestione costruttiva dei conflitti. Responsabile scientifico del Movimento Enne.Zero - Flavia Silla: avvocato patrocinante in Cassazione, dottore commercialista, revisore legale, mediatore ai sensi del D.lgs. n. 28/2010 e pubblicista I lezione Venerdì 11 giugno 2021 Corso di formazione - Quattro lezioni da 5 ore, con orario per un totale di 20 ore. Richiesto accreditamento al C.N.F.

  • LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA

    PREMESSA

    Chi svolge la professione dell’avvocato sa bene che già da tempo tutto sta andando in una precisa direzione: la necessità di un avvocato esperto non solo di contenzioso ma anche di negoziazione che, se utilizzata con metodo, offre al legale gli strumenti per scegliere la migliore strategia con il suo assistito per giungere a esiti soddisfacenti e produttivi, sia per il cliente sia per il professionista avvocato.

    Il corso di formazione si propone di far conoscere la negoziazione assistita, entrata in vigore con il decreto legge 132/14, convertito con la legge 162/14, quale nuovo strumento di ADR che riconosce alle parti il potere di autoregolamentazione dei loro rapporti e ai rispettivi avvocati un ruolo centrale nell’assisterle nella negoziazione finalizzata alla ricerca di un accordo. Quest’ultimo, una volta raggiunto e sottoscritto dalle parti e dagli avvocati che le assistono, costituisce titolo esecutivo e per l’iscrizione di ipoteca giudiziale.

    Viene illustrato con aspetti pratici un metodo (Metodo O.A.S.I. – Osservare, Ascoltare, Sentire, Integrare e le sue mappe sinottiche) progettato per superare le logiche delle contrapposizioni grazie a una visione d’insieme che coglie tutti gli aspetti più rilevanti di un problema, tecnici e relazionali, facendo uso di strumenti che hanno come scopo quello di aiutare le persone a comprendere che cosa è veramente importante per gestire il loro problema e raggiungere una soluzione attraverso la strategia più efficace.

    OBIETTIVI

    Conoscere e saper usare lo strumento della negoziazione assistita, nei suoi aspetti procedurali e normativi;

    Conoscere e saper usare il Metodo O.A.S.I. e le sue mappe sinottiche per negoziare efficacemente.

     

  • DURATA

     DURATA

    Quattro lezioni da 5 ore, con orario 14.00/19.00 per un totale di 20 ore.

    I lezione Venerdì 11 giugno 2021

    • Il decreto 132/14: durata, forma, contenuto, requisiti
    • Conseguenze della mancata risposta all’invito ad aderire alla procedura
    • L’omologazione dell’accordo
    • Ipotesi di annullamento, nullità, risoluzione dell’accordo 

    II lezione Venerdì 18 giugno

    • Obblighi per le parti e per i difensori relativi alla tutela della riservatezza
    • L'invito del giudice ad avviare una procedura di negoziazione
    • Cooperare in buona fede e lealtà: cosa significa, cosa comporta 

    III lezione Venerdì 25 giugno

    • Il Metodo O.A.S.I. (Osservare, Ascoltare, Sentire, Integrare)
    • Come esaminare un negoziato: l’importanza dello sguardo sinottico
    • Anatomia della negoziazione: fase preparatoria, negoziale, conclusiva 

    IV lezione venerdì 2 luglio

    • Le mappe di O.A.S.I. Come il loro uso facilita la negoziazione
    • Come costruire una mappa dei princìpi da allegare alla convenzione di negoziazione
    • Applicazione delle mappe a casi concreti di negoziazione

     

  • DOCENTI

    DOCENTI

    Tiziana Fragomeni: avvocato negoziatore, mediatore e formatore in tecniche di negoziazione, mediazione e gestione costruttiva dei conflitti. Responsabile scientifico del Movimento Enne.Zero, Membro del Consiglio Direttivo di Progetto Conciliamo e del Comitato Tecnico Scientifico, da anni progetta, organizza e conduce workshop, corsi ed eventi in materia di negoziazione, gestione dei conflitti e mediazione per enti pubblici e privati. Autrice di testi in materia di mediazione e conflitto.

    Flavia Silla: avvocato patrocinante in Cassazione, dottore commercialista, revisore legale, mediatore ai sensi del D.lgs. n. 28/2010 e pubblicista. Collabora da tempo in qualità di docente a corsi e seminari organizzati da importanti società di formazione e da Ordini professionali ed è autrice di pubblicazioni in materia societaria, fallimentare e tributaria e, da ultimo, di mediazione civile e commerciale. E’ socio fondatore dell’associazione Enne.Zero costituita tra avvocati e professionisti della negoziazione e ha partecipato a diversi

Menu Offcanvas Mobile