Giudizi di delibazione - Dichiarazione di efficacia sentenze straniere Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 220 del 08/01/2013

Print Friendly, PDF & Email

Richiesta di "exequatur" - Legittimazione "ad causam" del cessionario del credito - Legittimazione ad causam - Configurabilità - Fondamento. Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 220 del 08/01/2013

Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 220 del 08/01/2013

 

L'art. 31 della Convenzione di Lugano del 16 settembre 1988, ratificata e resa esecutiva in Italia con legge 10 febbraio 1992, n. 198, il quale prevede la legittimazione "della parte interessata" a richiedere l'exequatur di una sentenza straniera, va interpretato nel senso che "parte interessata" non è soltanto una delle parti del processo che ha dato luogo alla sentenza da eseguire, ma anche il cessionario del diritto accertato con la medesima decisione, in considerazione anche del fatto che l'art. 67 della legge n. 218 del 1995 riconosce tale legittimazione "a chiunque vi abbia interesse".

 

Accedi

Online ora

746 visitatori e 16 utenti online

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO


MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA

 

 

Menu Offcanvas Mobile