Formazione dei futuri Conciliatori Avvocati

Print Friendly, PDF & Email

13 Gennaio 2010 - Avvocati - Formazione dei futuri Conciliatori Avvocati - Formazione dei futuri Conciliatori - i corsi in futuro potrebbero rilevarsi insufficienti o inadeguati rispetto a quanto verrà stabilito dal Ministero con i regolamenti in fase di pubblicazione - Nuova normativa sulla mediazione finalizzata alla Conciliazione (Comunicazione del Presidente del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Milano - dal sito web)

Avvocati - Formazione dei futuri Conciliatori - i corsi in futuro potrebbero rilevarsi insufficienti o inadeguati rispetto a quanto verrà stabilito dal Ministero con i regolamenti in fase di pubblicazione - Nuova normativa sulla mediazione finalizzata alla Conciliazione (Comunicazione del Presidente del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Milano - dal sito web)

DATA 11/01/2010
TITOLO NUOVE NORME SULLA MEDIAZIONE FINALIZZATA ALLA CONCILIAZIONE: COMUNICAZIONE DEL PRESIDENTE DELL'ORDINE
TESTO

Care Colleghe e cari Colleghi,

il Consiglio dei Ministri, nella seduta n. 67 del 28/10/2009, ha approvato, su proposta del Ministro della Giustizia, lo schema di decreto legislativo di attuazione della delega conferita con la legge n. 69 del 2009 in materia di processo civile introducendo nell'ordinamento italiano l'istituto della "mediazione finalizzata alla conciliazione".

Le molte disposizioni e novità contenute nello schema di decreto – con riferimento alle quali l'Ordine sta apprestando iniziative di informazione e divulgazione rivolte a tutti gli iscritti – impongono sin da ora un chiarimento in ordine alla delicata questione riguardante la formazione dei futuri Conciliatori, attualmente disciplinata dal D. Lgs. n. 5/2003 in materia di Conciliazione Societaria. Moltissime, infatti, sono state le richieste di informazione pervenute alla segreteria dell'Ordine nonché a quella dell'Organismo di Conciliazione Forense dell’Ordine, concernenti la crescente e non sempre chiara offerta di corsi di formazione in materia di Conciliazione di cui è stata principale destinataria la nostra categoria successivamente all'emanazione dello schema di decreto.

È, dunque, opportuno precisare che lo schema di decreto prevede, all'art. 23, l'abrogazione della Conciliazione societaria prevista agli artt. 38-40 del D. Lgs n. 5/2003 e nel contempo anticipa, all'art. 16, la prossima emanazione di appositi decreti ministeriali che dovranno fissare i criteri per lo svolgimento dell'attività di formazione e i requisiti per l'iscrizione e l'istituzione dell'albo dei formatori accreditati (materia attualmente disciplinata dal D.M. 222/2004 che sarà sostituito dai decreti di prossima emanazione).

È, quindi, indispensabile, oltre che opportuno, a fronte della comprensibile richiesta di chiarimenti avanzata dagli avvocati a proposito dell’attuale proposta formativa, attendere l’emissione dei decreti ministeriali in materia di formazione onde evitare la partecipazione a corsi che in futuro potrebbero rilevarsi insufficienti o inadeguati rispetto a quanto verrà stabilito dallo stesso Ministero.

Questo stesso suggerimento è stato trasmesso a tutti gli Ordini Forensi dal Consiglio Nazionale Forense, il quale ha appena istituito una apposita Commissione Conciliazione alla quale partecipano direttamente alcuni rappresentanti del Ministero. D’altra parte, l'Ordine di Milano – attraverso la Fondazione Forense, ente accreditato alla formazione – si è già attivato per la predisposizione di una sua proposta formativa per il 2010, che verrà divulgata nei prossimi mesi.

Un cordiale saluto.

Il Presidente

Avv. Paolo Giuggioli

Accedi

Online ora

669 visitatori e 13 utenti online

CODICI ANNOTATI

Un rivoluzionario sistema esperto seleziona le massime della Corte di Cassazione archiviate in Foroeuropeo e le collega all'articolo di riferimento creando un codice annotato e aggiornato con decine di massime. Possono essere attivati filtri di ricerca tra le massime.


puntorCODICE CIVILE

puntovCODICE PROCEDURA CIVILE

puntorCODICE CRISI D'IMPRESA e INSOLVENZA

puntovCODICE DEL CONDOMINIO


MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA

 

 

Menu Offcanvas Mobile