SUBLOCAZIONE E CESSIONE NELLA LOCAZIONE a cura di Riccardo Redivo

 FOROEUROPEO EDITORE - I QUADERNI GIURIDICI SUBLOCAZIONE E CESSIONE NELLA LOCAZIONE a cura di Riccardo Redivo

Sommario

Introduzione. 2

Sublocazione e cessione nella locazione abitativa. 2

Presunzione di sublocazione. 4

La sublocazione parziale. 6

Sublocazione e cessione nelle locazioni non abitative. 7

Roma, 14 Dicembre 2017

Riccardo Redivo

Il dott. Riccardo Redivo, magistrato dal 1967 al 2016, operativo quasi sempre nell’ambito civilistico, si è costantemente occupato, oltre che dell’intero settore immobiliare in generale (proprietà, comodato, affitto d’azienda, condominio, diritti reali, azioni cautelari e possessorie ecc.), anche, in particolare, di quello delle locazioni sin dal 1978 (anno d’entrata in vigore della legge sull’equo canone).

Ha presieduto, altresì, nell’ultimo decennio la I e la IV sezione civile della Corte d’Appello di Roma, mentre sin dagli anni settanta, ha collaborato con numerose case editrici, scrivendo numerose monografie e molti articoli nel campo delle locazioni, del condominio, dell’edilizia e dell’urbanistica.

 

Introduzione

Il settore delle locazioni immobiliari e, in specie, di quelle adibite ad abitazione, rivisitate, dopo la legge dell’equo canone, con la più recente normativa del dicembre 1998 (legge n. 431/1998) ha dato luogo sempre ad interventi chiarificatori della Suprema Corte, importanti e spesso decisivi sotto tutti i profili, contrattuali e normativi, tra i quali spicca il tema della sublocazione e della cessione del contratto, affrontato dal legislatore in modo diverso, come si vedrà, tra le due diverse tipologie di contratti, anche perché i contratti ad uso diverso da abitazione restano integralmente regolati, sempre con norme imperative, dalla legge n. 392/1978, mentre quelli ad uso abitativo sono stati, come è noto, nuovamente disciplinati dalla normativa del 1998, con la previsione di una maggior autonomia delle parti nel contrattare, rendendosi in senso innovativo molte norme derogabili dalla volontà delle parti.

Sublocazione e cessione nella locazione abitativa

La locazione posta in essere dal conduttore a favore di un terzo, con la creazione di rapporti diretti tra conduttore sublocatore e sub conduttore, non può in alcun modo pregiudicare i diritti del locatore nei confronti del conduttore originario, al quale, anzi, la normativa codicistica conferisce un’ azione diretta contro il subconduttore per esigere il prezzo della sublocazione di cui questi sia ancora debitore al momento della domanda giudiziale e per costringerlo ad adempiere a tutte le altre obbligazioni derivanti dal contratto di sublocazione (cfr. art. 1595, I comma c.c.), mentre l’art. 1594 c.c. prevede la facoltà del conduttore di sublocare l’immobile, salvo patto contrario e, di converso, vieta la cessione del contratto senza il consenso del locatore.

La stessa disciplina codicistica, in particolare, stabilisce, al terzo comma del citato art. 1595, che senza pregiudizio delle ragioni del subconduttore verso il sublocatore, “la nullità e la risoluzione del contratto di locazione ha effetto anche nei confronti del subconduttore e la sentenza pronunciata tra locatore e conduttore ha effetto anche contro di lui”

 La stretta e diretta dipendenza del contratto di sublocazione da quello principale ne evidenzia il carattere meramente derivato del primo, talchè la cessazione del contratto-base, determina , per il principio “resoluto iure dantis, risolvitur et ius accipientis”, sempre affermato dalla giurisprudenza, anche la cessazione di quello derivato.

 La giurisprudenza ha, peraltro, più volte affermato la validità di una clausola contrattuale che preveda il divieto di sublocazione, precisando, tuttavia, che il patto espresso non può ritenersi violato per il solo fatto che il conduttore abbia ospitato terze persone per un periodo di tempo anche cospicuo, poiché la circostanza costituisce un mero indizio di violazione della clausola, che non è sufficiente a provare l’inadempimento del conduttore ove non accompagnato da ulteriori circostanze idonee a dimostrare che il conduttore abbia accordato agli ospiti facoltà proprie del comodatario ovvero, ancor più, del sub conduttore.

Si è, altresì, affermato che la violazione di detto divieto, pur costituendo inadempimento, non è sufficiente a giustificare la risoluzione della locazione, ove detta violazione non rivesta il carattere della gravità richiesto dall’art. 1455 c.c., da valutarsi dall’interprete con riguardo all’interesse della controparte ed alle circostanze del caso concreto (così Cass. n. 16111/2010).

In tema, la Suprema Corte, ha altresì, affermato: a) che non vi è pregiudizialità tale da giustificare la sospensione del processo ex art. 295 c.p.c., tra il giudizio pendente tra locatore e conduttore, relativo a sfratto per finita locazione e il giudizio di sfratto per morosità intrapreso da quest’ultimo nei confronti del subconduttore, data la parziale diversità delle parti nei rispettivi giudizi e tenuto conto che l’obbligo del subconduttore di pagamento del canone a favore del sublocatore persiste finchè dura l’occupazione dell’immobile, senza che rilevi l’intervenuta cessazione della locazione principale per scadenza contrattuale (così Cass. 17 luglio 2015 n. 15094); b) che è ammissibile la domanda di rilascio del bene locato da parte del locatore anche se, al momento della proposizione della domanda, detto bene risulti occupato da un terzo immessovi dal conduttore (Cass. 24 luglio 2012 n. 12895) e che la sentenza di condanna al rilascio (per qualunque motivo) pronunciata nei riguardi del conduttore esplica i suoi effetti di cosa giudicata anche nei confronti del subconduttore, pur rimasto contumace in detto giudizio, non solo in senso sostanziale, avendo il titolo esecutivo anche un’efficacia immediata anche nei confronti del medesimo subconduttore.

La cessione del contratto di locazione, per contro, a differenza dalla sublocazione, implica la sostituzione piena del conduttore con un altro nuovo conduttore, determinando automaticamente un rapporto tra locatore e cessionario.

Con il primo comma dell’art. 2 della legge n. 392/1978 (rimasto tuttora in vigore, non essendo stato abrogato dalla legge n. 431/1998), il legislatore ha introdotto una rilevante modifica del disposto di cui all’art. 1594 c.c., vietando espressamente, per la prima volta, oltre alla cessione del contratto, anche la sublocazione totale dell’immobile in mancanza di un espresso consenso del locatore, equiparando, così sostanzialmente il trattamento giuridico tra le due fattispecie (cessione e sublocazione totale).

La ratio della norma va ricercata nel fatto che il legislatore non ha ritenuto meritevole di tutela (pur nell’ambito di una disciplina ispirata prevalentemente al “favor conductoris”) il conduttore che non utilizzi e non abbia più bisogno dell’immobile locatogli, ravvisando, invece, l’opportunità di impedire a questi di introdurre nell’immobile soggetti estranei al rapporto locatizio.

Va, comunque, precisato che la violazione della norma non rende automaticamente nulla la sublocazione totale, poiché solo se il locatore intenda avvalersi del proprio diritto di risolvere il contratto originario, come consentitogli dal citato art. 2, dalla dichiarazione di risoluzione di questo, conseguirà il venir meno anche del rapporto derivato.

Si aggiunga che la legge n. 431/1998, pur non avendo abrogato l’art. 2 della legge n. 392/1978, concede alle parti una più ampia libertà di contrattazione, ammettendo la legittimità di patti in senso differente (con possibilità di deroga all’attuale disciplina), purchè questi risultino indicati e chiaramente espressi nel contratto scritto.

Presunzione di sublocazione

La legge n. 392/1978 aveva implicitamente abrogato, come emerge dall’art. 84 della stessa normativa, molte delle disposizioni legislative precedenti in materia, in quanto incompatibili con la legge sull’equo canone, lasciando, tuttavia, operativo l’art. 21 della legge n. 253/1950 (in quanto non cancellato per contrasto con la stessa legge n. 392/1978), che prevedeva la presunzione di sublocazione nei casi in cui l’immobile fosse occupato da persone che non sono a servizio o ospiti del conduttore o a questi legati da un rapporto di parentela o affinità entro il quarto grado e salvo che non si tratti di ospiti transitori“.

La validità della citata norma in esame è stata ribadita, ancora in tempi relativamente recenti, dalla Suprema Corte, che ha ribadito al riguardo che la presunzione di cui all’art. 21 cit. non può ritenersi abrogata a seguito dell’entrata in vigore della legge n. 392/1978 ed è, quindi, applicabile anche con riferimento alla disciplina della sublocazione di immobile adibito ad uso abitativo dettata dall’art. 2 dell’ultima legge n. 431/1998 (così Cass. - ord. - 23 agosto 2013 n. 19486).

Il giudice di legittimità, inoltre, come già accennato sopra, ha chiarito che il divieto contrattuale di sublocazione o di comodato “non può ritenersi violato per il solo fatto che il conduttore abbia ospitato, sebbene per un cospicuo periodo di tempo (nella specie, tre anni), un prossimo congiunto (nella specie, sorella e nipote “ex fratre”), costituendo tale circostanza un mero indizio, privo di rilievo probatorio ai fini della dimostrazione dell’inadempimento, se non accompagnato da ulteriori circostanze idonee a dimostrare che il conduttore avesse accordato agli ospiti le facoltà proprie del comodatario” (così Cass. 16 giugno 2012 n. 9931).

La giurisprudenza, poi, ha ancora precisato che in dette ipotesi opera un’inversione dell’onere della prova a favore del locatore, giustificata dalla generale difficoltà della prova della sublocazione, mentre, comunque, la presunzione non opera ove l’immobile sia stato occupato sin dall’inizio da persona ivi trasferitasi con il conduttore.

Pertanto, sarà il conduttore a dovere dimostrare di aver ricevuto il consenso del locatore – che potrà trarsi anche da fatti concludenti - a sublocare.

Si è affermata, ancora, la nullità della clausola che oltre, a vietare la sublocazione, non consenta neppure un’ospitalità non temporanea di soggetti estranei al nucleo familiare del conduttore, in quanto contrastante con il principio costituzionale previsto dall’art. 2 Cost.. Ciò poiché tale patto risulta “configgente con l’adempimento dei doveri di solidarietà che si può manifestare attraverso l’ospitalità offerta per venire incontro ad altrui difficoltà, oltre che con la tutela dei rapporti sia all’interno della famiglia fondata sul matrimonio, sia di una convivenza di fatto, tutelata in quanto formazione sociale o con l’esplicazione di rapporti di amicizia” (in tal senso cfr. Cass. 19 giugno 2009 n. 14343).

La sublocazione parziale

L’art. 2 della legge n. 431/1998, come già accennato, attribuisce al conduttore la facoltà di sublocare parzialmente l’immobile con il limite di un espresso divieto contrattualmente previsto ma, in ogni caso, con l’obbligo in capo all’inquilino di comunicare preventivamente al locatore, tramite raccomandata con avviso di ricevimento, il nome della persona del sub conduttore, la durata del contratto ed i vani sublocati.

Di sublocazione parziale, peraltro, può parlarsi anche ove sia sublocata l’intera superficie dell’immobile condotto in locazione, purché in senso solo temporale (limitatamente a determinate ore del giorno, ad alcuni giorni della settimana, ad alcune settimane del mese o ad alcuni mesi dell’anno). La soluzione, tuttavia, in concreto, può apparire discutibile e, quindi, formare oggetto di controversia tra le parti del contratto.

Mentre dalla lettura della norma sembrerebbe che, ormai, la sublocazione parziale costituisca la regola e la clausola che la vieta un’eccezione, nella prassi, invece, appare chiaro che il patto contrattuale di divieto della sublocazione parziale è assai comune, essendo inserito molto di frequente nei contratti scritti di locazione (ciò anche perché la giurisprudenza ha sempre affermato che la clausola in questione non riveste carattere vessatorio e non necessita, quindi, di un’approvazione specifica per iscritto).

Va rilevato, ancora, che l’onere di previa comunicazione al locatore della sublocazione parziale ha solo la funzione di consentire al proprietario un semplice controllo sulle persone che abitano nel suo immobile, tanto che l’omessa comunicazione non costituisce causa legale di risoluzione del rapporto locatizio, a differenza da quanto sancito della già citata legge n. 253/1980, artt. 21 e 23 (in tal senso cfr. Cass. n. 5923/1993).

Tuttavia, la mancata comunicazione può comportare ugualmente conseguenze rilevanti sotto il profilo dell’inadempimento, conseguenze che, in relazione all’interesse del locatore, debbono essere analizzate in concreto dall’interprete, con riferimento alla gravità dell’inadempimento, come disposto di cui agli artt. 1453 e ss. c.c..

 Comunque va rilevato, che, a meno di una specifica clausola di risoluzione espressa del contratto per sublocazione parziale inserita nell’atto scritto, il giudice resta sempre arbitro nel valutare se la violazione del divieto di sublocazione parziale da parte del conduttore sia rilevante in relazione ai caratteri della gravità dell’inadempimento (sempre necessaria, salva l’ipotesi di risoluzione di diritto, per una pronuncia di risoluzione).

Sublocazione e cessione nelle locazioni non abitative

La disciplina di detti istituti è differente per i contratti destinati ad uso diverso dall’abitazione.

Infatti, l’art. 36 della legge n. 392/1978, consente al conduttore la sublocazione e la cessione del contratto anche senza il consenso del locatore, purchè insieme venga locata o ceduta anche l’azienda.

Il locatore potrà, comunque, sempre ai sensi dell’art. 36 cit., opporsi alla cessione e alla sublocazione totale, ma solo per gravi motivi (che debbono riguardare – per giurisprudenza pacifica - la persona del nuovo conduttore, la sua affidabilità e posizione economica ovvero il complesso dell’operazione progettata e non anche la situazione e le esigenze personali di esso locatore) entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione (e, quindi, anche nel corso di un giudizio, ove sia venuto a conoscenza dell’operazione di sublocazione totale o di cessione del contratto solo allora), mentre resta fermo che lo stesso, nel caso di cessione, se non ha liberato il conduttore cedente, può agire in giudizio direttamente contro il medesimo, qualora il cessionario non adempia alle obbligazioni assunte.

Va precisato, altresì, che, nell’ipotesi di affitto d’azienda con contestuale cessione della locazione dell’immobile ove è esercitata l’azienda stessa, il locatore, in caso di inadempimento del cessionario, può agire, in virtù della responsabilità sussidiaria prevista a suo carico, ex art. 36 della legge n. 392/1978, nei confronti del cedente per il pagamento del canone (salvo che egli stesso dichiari espressamente di liberarlo, senza che assuma alcun rilievo la dilatazione del vincolo obbligatorio, per l’intervenuta rinnovazione tacita del contratto). In tal senso di è espressa costantemente la Suprema Corte (cfr. da ultimo Cass. 23. 3. 2017 n. 4730 e Cass. 30. 9 2015 n. 19531).

In tal caso è necessaria la comunicazione con raccomandata a.r. del cedente al locatore ceduto, e questi, entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione potrà opporsi per gravi motivi e, nell’ipotesi di cessione del contratto, lo stesso potrà agire direttamente verso il cedente se il cessionario non adempia alle sue obbligazioni, mentre l’indennità di avviamento, se spettante, dovrà essere versata a colui che, al momento della cessazione effettiva della locazione, risulti cessionario del contratto.

La formulazione della norma ha fatto pensare che il legislatore intendesse applicare la norma descritta alle sole locazioni commerciali ed industriali, in quanto esclusivamente per queste è possibile la cessione dell’azienda (da documentarsi, peraltro con atto pubblico scritto).

Tuttavia la Suprema Corte, rilevato che la “ratio” della norma va rinvenuta non solo nella tutela di tutte le attività produttive, ma anche, più genericamente, di ogni attività di lavoro, ha ritenuto, con una rilevante decisione recentissima (Cass. 16 ottobre 2017 n. 24278), che la disposizione esaminata sia applicabile anche ai contratti locati a professionisti ed adibiti a loro studio (architetti, avvocati, commercialisti, ingegneri, geometri, architetti ecc.)

La Corte si è così espressa: “pur se non è configurabile una prevalenza del momento organizzativo e la persona del professionista rimane predominante, è da ritenere valido il contratto avente ad oggetto il trasferimento dello studio professionale ad altro soggetto, intenzionato a proseguire l’attività, avvalendosi del complesso dei beni, materiali ed immateriali, appartenenti al proprio dante causa. In questi casi si ha un vero e proprio trasferimento dell’attività: accanto ad arredi, beni strumentali e rapporti contrattuali di fornitura, l’alienante cede per via indiretta, al professionista che subentra, la clientela (nella specie, infatti, va considerata l’esigenza di tutela e conservazione dell’azienda o dell’attività commerciale o professionale, coordinata con un ampliamento della categoria dei titolari del diritto a continuare l’attività – come disposto dall’art. 37 della legge n. 392/1978 -, estesa, nella fattispecie, a tutti gli eredi del conduttore defunto, senza necessità che in concreto esercitino l’attività, potendo cederla ai sensi dell’art. 36 della legge n. 392 citata)”.

Va ancora ricordato che l’art. 37 della legge n. 392/1978 prevede la successione, in caso di morte del conduttore, di coloro che hanno diritto di continuarne l’attività per successione o per precedente rapporto risultante da atto di data certa anteriore all’apertura della successione stessa.

Il tema sarà approfondito nell’ambito dell’esame della successione nella locazione immobiliare.

Per finire si ritiene utile richiamare alcuni principi stabiliti di recente dalla Suprema Corte in tema di sublocazione e cessione del contratto di locazione di immobili adibiti ad uso diverso da quello abitativo.

Si è affermato, in particolare, che:

-La cessione della locazione ex art. 36 cit. è possibile non solo nell’ipotesi di cessione contestuale dell’azienda, ma anche in quella di cessione integrale delle quote di una società di persone (Cass. 21. 6 2017 n. 15348);

-La liberazione del conduttore cedente è esclusa anche in caso di cessione plurima del contratto di locazione e dell’azienda (Cass. 31. 5. 2017 n. 13706);

-La successione nel contratto ai sensi dell’art. 36 cit. non è automatica, ma comporta la necessità di un apposito negozio di sublocazione o di cessione del contratto (Cass. 16. 5. 2017 n. 12016);

-La rinnovazione del rapporto locatizio con il cessionario non comporta la nascita di un nuovo contratto, ma solo la prosecuzione del precedente (Cass. 12 novembre 2015 n. 23111).

Convegni, Seminari, Corsi, Eventi, ..

10 Novembre 2020 - Convegno in videoconferenza di gruppo

donna a tv10 Novembre 2020 h.13.30/16.30 - Diritto di Famigliail Trust ed altri strumenti di protezione del patrimonio familiare - Relatori: Avv. Marco Meliti e Avv. Michele Baroc  – Convegno in videoconferenza in fase di  accreditamento dal C.N.F. – Richiesti due crediti formativi. 

12 Novembre 2020 I EDIZIONE: Corso di formazione in materia di appalti pubblici

Gavel Law icon12 novembre  2020 - I Edizione: Corso di formazione in materia di appalti pubblici:1° MODULO – La gara (12.11.2020 – h- . 14.00/18.00) - Il procedimento di affidamento dei contratti di appalto. - La scelta delle procedure di gara - 2° MODULO – Il concorrente (19.11.2020 – h. 14.00/18.00) - I requisiti ed i criteri di scelta del contraente- Le forme aggregate di partecipazione - 3° MODULO – L’offerta (262.11.2020 – h. 14.00/18.00) - I criteri di valutazione dell’offerta.- L’anomalia dell’offerta - 4° MODULO – Il Contratto (3.12.2020 – h. 14.00/18.00) - Le parti e le regole del contratto- Le vicende del contratto - Il Corso si può seguire in modalità frontale a Roma oppure online a distanza in aula virtuale Foroeuropeo) - Il corso frontale è stato accreditato dal Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Roma: 16 crediti o 4 per ogni modulo. 

17 novembre 2020 - video seminario in streaming

cameramen 2Martedì,  17 novembre 2020 (h. 13.30-16.30 – tre ore) convegno online  - video seminario in diretta streaming - Il processo civile telematico - Accreditato dal Consiglio Nazionale Forense - 2 crediti formativi.

24 Novembre 2020 - Convegno in videoconferenza di gruppo

donna a tv24 Novembre 2020 h.13.30/16.30 - La Legge professionale (247/2012): artt. 13 e 13 bis. I parametri D.M. 55/2014 e D.M. 37/2018 per l’attività professionale svolta. I contratti d’opera professionali. Gli articoli di riferimento del Codice Deontologico Forense. Relatori: Avv. Mauro Mazzoni, Vicepresidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma e  Avv. Domenico Condello, Già Consigliere dell'Ordine degli Avvocati di Roma ,Direttore Scientifico rivista giuridica online – Foroeuropeo – Convegno in videoconferenza in fase di accreditamento al C.N.F. – Richiesti tre crediti formativi deontologici. 

2 Dicembre 2020 - Convegno in videoconferenza di gruppo

donna a tv2 Dicembre 2020 h.13.30/16.30 - Il Codice Deontologico forense.Doveri dell’Avvocato e profili di responsabilità deontologica. Relatori:  Avv. Carlo Bartolini, Avvocato del Foro di Tivoli, Vicepresidente del Consiglio Distrettuale di Disciplina – Corte d’Appello di Roma Già Presidente del Consiglio dell’Ordine di Tivoli e  Avv. Domenico Condello, Già Consigliere dell'Ordine degli Avvocati di Roma dal 1996 al 2017, Direttore Scientifico rivista giuridica online Foroeuropeo – Convegno in videoconferenza in fase di accreditamento al C.N.F. – Richiesti tre crediti formativi deontologici. 

15 Dicembre 2020 - Convegno in videoconferenza di gruppo

donna a tv15 Dicembre 2020 h.13.30/16.30 - in preparazione convegno con crediti deontologici – Convegno in videoconferenza in fase di richiesta di accreditamento al C.N.F. – Richiesti due crediti formativi. 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Attualità, News e Commenti in evidenza

Avvocato - Sessione d'esame 2020 - Scheda di sintesi-

CHIARIMENTI in merito al versamento del contributo spese di euro 50,00 - Ministero della Giustizia - Avvocato - Sessione d'esame 2020 - Scheda di sintesi-

Utilizzabilità dei titoli esecutivi contenenti rilascio di formula esecutiva in formato telematico e firmata digitalmente dal cancelliere

Quesito al Ministero della Giustiziase “il titolo esecutivo munito di formula esecutiva rilasciata in formato telematico, firmata digitalmente dal cancelliere e conformata direttamente dal legale richiedente ai sensi della normativa vigente possa essere accettato e posto in esecuzione dall'Ufficio Unep’’.

Spese condominiali – Compravendita immobile – aggiudicazione forzata – corte di cassazione, sez. 2, ordinanza n. 21860 del 9 ottobre 2020 -  commento

Compravendita immobile – aggiudicazione forzata –spese condominiali ordinarie e straordinarie – momento costitutivo dell’obbligazione - corte di cassazione, sez. 2, ordinanza  n.  21860 del 9 ottobre  2020 a cura di Adriana Nicoletti – Avvocato del Foro di Roma – Commento

Condominio –  danni a proprietà esclusiva da bene comune – corte di cassazione, sez. 6, ordinanza n. 21366 del 06 ottobre 2020 -  commento

Condominio –  danni a proprietà esclusiva da bene comune – notifica appello da parte dell’assicurazione chiamata in manleva – mancato rispetto del “termine lungo” – inammissibilità del gravame -  corte di cassazione, sez. 6, ordinanza n.  21366 del 06 ottobre 2020 a cura di Adriana Nicoletti – Avvocato del Foro di Roma – Commento

. . . . . continua a visualizzare tutti i documenti della sezione attualità, news . . .- ->

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Scuola forense foroeuropeo

VIII Corso INTENSIVO A DISTANZA esame avvocato 2020

scuolabbESAME AVVOCATO 2020 - VIII CORSO INTENSIVO  (Settembre/Dicembre) A DISTANZA ONLINE  IN DIRETTA e/o IN DIFFERITA ON DEMAND INTERATTIVO NELLA "VIRTUAL CLASSROOM" con gli stessi docenti e lo stesso programma del corso frontale di Roma - scuola forense foroeuropeo per seguire il corso da casa.  E' possibile iscriversi a corso iniziato recuperando tutte le lezioni già svolte

VIII CORSO INTENSIVO FRONTALE - Esame avvocato 2020 (Settembre-Dicembre 2020)

scuola forense ridottoESAME AVVOCATO 2020 VIII CORSO INTENSIVO FRONTALE Foroeuropeo 2.0.  SCUOLA FORENSE FOROEUROPEO -  Settembre 2020 /Dicembre 2020 -    E' possibile iscriversi a corso iniziato recuperando tutte le lezioni già svolte.

. . . . . continua a visualizzare tutti i documenti della sezione . . .- ->

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Concorsi - Offerte di lavoro

. . . continua a visualizzare tutti gli altri documenti depositati nella sezione- - ->

.

 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

scuola gestori crisi impresa

E INSOLVENZA - SOVRAINDEBITAMENTO

logo Univ foro mini

(Novembre 2020/Marzo 2021 - 10 Incontri - il venerdì h. 14/18 - 40 ore) CORSO UNIVERSITARIO DI PERFEZIONAMENTO  - a distanza online in aula virtuale interattiva - abilitante per l'iscrizione all'albo nazionale dei curatori, commissari giudiziali, liquidatori, esperti e coadiutori e componenti collegio Ocri  e  on demand abilitante per l'iscrizione nell'elenco dei gestori della crisi da sovraindebitamento

. . . Leggi tutto

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Massime corte di cassazione

folder icon.oltre 25.000 massime della corte di cassazione in Foroeuropeo divise per materie - - >


folder icon.tutte le massime (oltre 25.000) della corte di cassazione in Foroeuropeo - - >


Appalto pubblico - Collaborazione tra enti - Corte di Cassazione Sez. 1 - , Sentenza n. 11069 del 10/06/2020 (Rv. 657899 - 01)

Atti amministrativi - delegazione amministrativa - intersoggettiva - Appalto pubblico - Collaborazione tra enti - Assegnazione della funzione di "stazione appaltante" - Delega amministrativa intersoggettiva - Configurabilità- Esclusione - Responsabilità nei confronti dei terzi della stazione appaltante - Condizioni.

Consulenza tecnica d'ufficio - Spese – Corte di Cassazione Sez. 1 - , Sentenza n. 11068 del 10/06/2020 (Rv. 657898 - 01)

Spese giudiziali civili - compensazione - poteri del giudice - Processo civile - Consulenza tecnica d'ufficio - Spese - Parte totalmente vittoriosa - Compensazione - Ammissibilità - Fondamento.

societa' con partecipazione statale o pubblica – Corte di Cassazione Sez. 1 - , Ordinanza n. 11265 del 11/06/2020 (Rv. 658051 - 01)

Societa' di capitali - societa' per azioni (nozione, caratteri, distinzioni) - societa' con partecipazione statale o pubblica - Società "in house" - Dipendenti con incarichi elettivi presso l'ente locale partecipante - Permessi retribuiti - Oneri a carico dell'ente locale - Sussistenza - Fondamento.

canoni per l'accesso da un fondo privato su strada statale - Corte di Cassazione Sez. 1 - , Ordinanza n. 11266 del 11/06/2020 (Rv. 658071 - 01)

Strade private e pubbliche - Accesso alla strada statale intersecante centri abitati - Riscossione dei canoni concessori dovuto dai privati - Legittimazione dell'Anas - Esclusione - Legittimazione del Comune - Fondamento.

modelli e disegni ornamentali - Corte di Cassazione Sez. 1 - , Sentenza n. 11349 del 12/06/2020 (Rv. 657912 - 01)

Beni - immateriali - modelli e disegni ornamentali - Modello comunitario non registrato - Protezione - Condizioni - Divulgazione al pubblico - Nozione - Fondamento.

contratto bilaterale (o sinallagmatico o a prestazioni corrispettive)- Corte di Cassazione Sez. 1 - , Sentenza n. 11348 del 12/06/2020 (Rv. 657911 - 01)

Contratti in genere - contratto bilaterale (o sinallagmatico o a prestazioni corrispettive) -Inadempimento - Domanda di risarcimento del danno - Rapporti con l'azione di risoluzione del contratto - Autonomia - Conseguenze.

notificazione a persona non residente, ne' dimorante, ne' domiciliata nella repubblica - Corte di Cassazione Sez. 1 - , Sentenza n. 11351 del 12/06/2020 (Rv. 658072 - 01)

Procedimento civile - notificazione - a persona non residente, ne' dimorante, ne' domiciliata nella repubblica - Art. 14 del Regolamento (CE) n. 1393/2007 - Notifica a mezzo posta degli atti giudiziari in un altro Stato membro - Modalità - Raccomandata con avviso di ricevimento - "Mezzo equivalente" - Condizioni - Fattispecie.

Divorzio - Pensione di reversibilità - Corte di Cassazione Sez. 1 - , Ordinanza n. 11520 del 15/06/2020 (Rv. 657947 - 01)

Famiglia - matrimonio - scioglimento - divorzio - obblighi - verso l'altro coniuge - decesso dell'obbligato - pensione dell'obbligato - diritti dell'ex coniuge superstite -Divorzio - Pensione di reversibilità - Concorso tra coniuge divorziato e coniuge superstite - Determinazione delle rispettive quote - Stabile relazione affettiva - Omessa parificazione con il matrimonio - Questione di costituzionalità - Manifesta infondatezza.

Perdita della "potestas iudicandi" - Corte di Cassazione Sez. 1 - , Ordinanza n. 11675 del 16/06/2020 (Rv. 657952 - 01)

Provvedimenti del giudice civile - sentenza - contenuto - motivazione - pluralità' di argomentazioni – Inammissibilità della domanda - Motivazione anche sul merito - Perdita della "potestas iudicandi" - Impugnazione solo sul merito - Inammissibilità.

aggiudicazione di un appalto di opera pubblica - Corte di Cassazione Sez. 1 - , Ordinanza n. 11639 del 16/06/2020 (Rv. 657950 - 01)

Opere pubbliche (appalto di) - esecuzione dell'opera (finanziamenti) - Aggiudicazione ad una riunione di imprese orizzontale - Esecuzione dell'appalto - Onere gravante per quote uguali su tutte le imprese - Affidamento dell'esecuzione ad una sola impresa - Nullità.

appello - eccezioni non riproposte (decadenza) - Corte di Cassazione Sez. 1 - , Ordinanza n. 11653 del 16/06/2020 (Rv. 658137 - 01)

Impugnazioni civili - appello - eccezioni - non riproposte (decadenza) Appello - Eccezioni assorbite - Onere di riproposizione - Appello incidentale - Necessità - Esclusione - Fattispecie.

Obbligazioni pecuniarie dello Stato e degli enti pubblici - Corte di Cassazione Sez. 1 - , Ordinanza n. 11655 del 16/06/2020 (Rv. 657951 - 01)

Obbligazioni in genere - obbligazioni pecuniarie - interessi - Obbligazioni pecuniarie dello Stato e degli enti pubblici - Interessi compensativi - Decorrenza - Liquidità ed esigibilità del credito - Momento determinativo - Emissione del titolo di spesa - Rilevanza - Esclusione - Fondamento.

Lavoro - lavoro subordinato (nozione, differenze dall'appalto e dal rapporto di lavoro autonomo, distinzioni) - orario di lavoro - in genere – Corte di Cassazione, Sez. L - , Ordinanza n. 10203 del 28/05/2020 (Rv. 657786 - 01)

Lavoratore che assiste soggetto disabile - Esonero dal lavoro notturno - Nozione - Periodo notturno dalle ore 24 alle ore 5 - Interdizione per le lavoratrici madri dalle ore 24 alle ore 6 - Equiparazione - Esclusione - Fondamento.

Istruzione e scuole - università' - personale - in genere - Corte di Cassazione, Sez. L - , Sentenza n. 10221 del 28/05/2020 (Rv. 657721 - 01)

Personale insegnante - Graduatorie ad esaurimento - Reinserimento del docente cancellato - Ammissibilità - Fondamento - D.m. n. 235 del 2014 - Disapplicazione - Ragioni.

............... vedi tutte le massime della Corte di Cassazione in archivio Foroeuropeo

..

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Scuola Amministratori condominio

Corso abilitante online Amministratore condominio

Corso abilitante ONLINE Amministratore condominio - Viene rilasciato l'attestato di partecipazione che consente di svolgere l'attività professionale ai sensi dell'art. 71 bis disp. att. c.c. e d.m. 140/2014

Corso di aggiornamento online Amministratore condominio 2020

Corso di aggiornamento ONLINE Amministratore condominio - Viene rilasciato l'attestato di partecipazione che consente di svolgere l'attività di amministratore del condominio ai sensi dell'art. 71 bis disp. att. c.c. e d.m. 140/2014. 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Avvocati: Osservatorio forense

(DECISIONI, PARERI, CIRCOLARI,. .C.N.F. )

Difensore d'ufficio - Art. 116 del d.P.R. n. 115 del 2002 – Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Sentenza n. 8359 del 29/04/2020 (Rv. 657594 - 01)

Liquidazione dell'onorario -Condizioni - Previa dimostrazione dell'esperimento di un vano e non pretestuoso tentativo di recupero - Necessità - Impossidenza dell'assistito - Prova - Esclusione - Ragioni - Fattispecie.

Sanzioni ad avvocati che speculano sul dolore" “Forte condanna per iscritti che violano principi etici dell’avvocatura

Coronavirus, CNF: "Sanzioni ad avvocati che speculano sul dolore" “Forte condanna per iscritti che violano principi etici dell’avvocatura”

..... segue tutte le massime del Consiglio Nazionale Forense in archivio Foroeuropeo

..

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Approfondimenti - eBook - Quaderni

Relazione - Profili penalistici in materia fiscale e per esigenze indifferibili

Profili penalistici in materia fiscale e per esigenze indifferibili - Relazione  a cura della Corte Suprema di Cassazione - ufficio del massimario e del ruolo Servizio Penale - Roma, 9 gennaio 2020 - link al sito web

Il nuovo processo civile del Ministro Buonafede. comunicato alla presidenza del Consiglio dei ministri il 9 gennaio 2020

efficienza del processo civile e revisione della disciplina degli strumenti di risoluzione alternativa delle controversie. Il nuovo processo civile del Ministro Buonafede. comunicato alla presidenza del Consiglio dei ministri il 9 gennaio 2020

Notifica a mezzo pec - osservatorio

Notifica a mezzo pec - osservatorio

Glossario privacy - protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali

Glossario - relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva

..... segue tutti i documenti in archivio Foroeuropeo

..

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

eBook - manuali

puntorIl procedimento di revoca giudiziale dell’amministratore del condominio

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se continui ad utilizzare questo sito web, acconsenti all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo

Uso dei cookie

Foroeuropeo.eu o il “Sito” utilizza i Cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che visiona le pagine di Foroeuropeo.eu.
Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’Utente.
Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.
Analizzandoli in maniera particolareggiata i nostri cookie permettono di:

  • memorizzare le preferenze inserite
  • evitare di reinserire le stesse informazioni più volte durante la visita quali ad esempio nome utente e password
  • analizzare l’utilizzo dei servizi e dei contenuti forniti da Foroeuropeo.eu.com per ottimizzarne l’esperienza di navigazione e i servizi offerti

Tipologie di Cookie utilizzati da Foroeuropeo.eu

A seguire i vari tipi di cookie utilizzati da Foroeuropeo.eu in funzione delle finalità d’uso

Cookie Tecnici

Questa tipologia di cookie permette il corretto funzionamento di alcune sezioni del Sito. Sono di due categorie: persistenti e di sessione:

  • persistenti: una volta chiuso il browser non vengono distrutti ma rimangono fino ad una data di scadenza preimpostata
  • di sessioni: vengono distrutti ogni volta che il browser viene chiuso

Questi cookie, inviati sempre dal nostro dominio, sono necessari a visualizzare correttamente il sito e in relazione ai servizi tecnici offerti, verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l’utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser (inficiando così la visualizzazione delle pagine del sito).

Cookie analitici

I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del sito. Foroeuropeo.eu userà queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del Sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul Sito. I cookie analitici sono inviati dal Sito Stesso o da domini di terze parti.

Cookie di analisi di servizi di terze parti

Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del Sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni al Sito.

Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti

Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del Sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del Sito.

Cookie di profilazione

Sono quei cookie necessari a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.


Foroeuropeo.eu, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookie tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

Per tutte le altre tipologie di cookie il consenso può essere espresso dall’Utente con una o più di una delle seguenti modalità:

  • Mediante specifiche configurazioni del browser utilizzato o dei relativi programmi informatici utilizzati per navigare le pagine che compongono il Sito.
  • Mediante modifica delle impostazioni nell’uso dei servizi di terze parti

Entrambe queste soluzioni potrebbero impedire all’utente di utilizzare o visualizzare parti del Sito.

Siti Web e servizi di terze parti

Il Sito potrebbe contenere collegamenti ad altri siti Web che dispongono di una propria informativa sulla privacy che può essere diverse da quella adottata da Foroeuropeo.eu e che che quindi non risponde di questi siti.


Cookie utilizzati da Foroeuropeo.eu

A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito:

  • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni
  • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo)  dell’utente –  necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti
  • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi
  • _dc – di sessione – utilizzato per limitare le richieste di remarketing (non presente ad ora su Foroeuropeo.eu.com) che sono state fatte necessario al servizio di terze parti di Google Analytics. Dura 10 minuti
  • PHPSESSID  – di sessione – necessarioda WordPress per identificare la singola sessione di un utente.
  • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni
  • frm_form8_0398a1368566c8697942eb6f74ad02a5 – sessione – necessario per i referral del modulo di contatto

Cookie di terze parti:

  • Facebook:
    • act – sessione
    • c_user – persistente
    • csm – persistente
    • datr – persistente
    • fr – persistente
    • i_user – sessione
    • lu – persistente
    • p – sessione
    • presence – sessione
    • s – persistente
    • x-src – persistente
    • xs – persistente
    • datr – persistente
    • lu – persistente
  • Google +
    • AID – persistente
    • APISID – persistente
    • HSID – persistente
    • NID – persistente
    • OGP – persistente
    • OGPC – persistente
    • PREF – persistente
    • SAPISID – persistente
    • SID – persistente
    • SSID – persistente
    • TAID – persistente
    • OTZ – persistente
    • PREF – persistente
    • ACCOUNT_CHOOSER – persistente
    • GAPS – persistente
    • LSID – persistente
    • LSOSID – persistente
    • RMME – persistente
  • Twitter
    • __utma – persistente
    • __utmv – persistente
    • __utmz – persistente
    • auth_token – persistente
    • guest_id – persistente
    • pid – persistente
    • remember_checked – persistente
    • remember_checked_on – persistente
    • secure_session – persistente
    • twll – persistente
    • dnt – persistente
    • eu_cn – persistente
    • external_referer – persistente
  • Mozcast
    • __utma – persistente
    • __utmz – persistente

Come disabilitare i cookie mediante configurazione del browser

Chrome

  1. Eseguire il Browser Chrome
  2. Fare click sul menù chrome-impostazioni presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
  3. Selezionare Impostazioni
  4. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
  5. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti
  6. Nella sezione “Cookie” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
    • Consentire il salvataggio dei dati in locale
    • Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser
    • Impedire ai siti di impostare i cookie
    • Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti
    • Gestire le eccezioni per alcuni siti internet
    • Eliminazione di uno o tutti i cookie

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Mozilla Firefox

  1. Eseguire il Browser Mozilla Firefox
  2. Fare click sul menù firefox impostazioni presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
  3. Selezionare Opzioni
  4. Seleziona il pannello Privacy
  5. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
  6. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti
  7. Nella sezione “Tracciamento” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
    • Richiedi ai siti di non effettuare alcun tracciamento
    • Comunica ai siti la disponibilità ad essere tracciato
    • Non comunicare alcuna preferenza relativa al tracciamento dei dati personali
  8. Dalla sezione “Cronologia” è possibile:
    • Abilitando “Utilizza impostazioni personalizzate” selezionare di accettare i cookie di terze parti (sempre, dai siti più visitato o mai) e di conservarli per un periodo determinato (fino alla loro scadenza, alla chiusura di Firefox o di chiedere ogni volta)
    • Rimuovere i singoli cookie immagazzinati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Internet Explorer

  1. Eseguire il Browser Internet Explorer
  2. Fare click sul pulsante Strumenti e scegliere Opzioni Internet
  3. Fare click sulla scheda Privacy e nella sezione Impostazioni modificare il dispositivo di scorrimento in funzione dell’azione desiderata per i cookie:
    • Bloccare tutti i cookie
    • Consentire tutti i cookie
    • Selezione dei siti da cui ottenere cookie: spostare il cursore in una posizione intermedia in modo da non bloccare o consentire tutti i cookie, premere quindi su Siti, nella casella Indirizzo Sito Web inserire un sito internet e quindi premere su Blocca o Consenti

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari 6

  1. Eseguire il Browser Safari
  2. Fare click su Safari, selezionare Preferenze e premere su Privacy
  3. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.
  4. Per visionare quali siti hanno immagazzinato i cookie cliccare su Dettagli

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari iOS (dispositivi mobile)

    1. Eseguire il Browser Safari iOS
    2. Tocca su Impostazioni e poi Safari

  • Tocca su Blocca Cookie e scegli tra le varie opzioni: “Mai”, “Di terze parti e inserzionisti” o “Sempre”
  • Per cancellare tutti i cookie immagazzinati da Safari, tocca su Impostazioni, poi su Safari e infine su Cancella Cookie e dati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Opera

  1. Eseguire il Browser Opera
  2. Fare click sul Preferenze poi su Avanzate e infine su Cookie
  3. Selezionare una delle seguenti opzioni:
    • Accetta tutti i cookie
    • Accetta i cookie solo dal sito che si visita: i cookie di terze parti e che vengono inviati da un dominio diverso da quello che si sta visitando verranno rifiutati
    • Non accettare mai i cookie: tutti i cookie non verranno mai salvati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.


Come disabilitare i cookie di servizi di terzi


Questa pagina è visibile, mediante link in calce in tutte le pagine del Sito ai sensi dell’art. 122 secondo comma del D.lgs. 196/2003 e a seguito delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.126 del 3 giugno 2014 e relativo registro dei provvedimenti n.229 dell’8 maggio 2014.

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati