Territori italiani, già parte dell’impero austro-ungarico - Iscrizione generica nei libri fondiari (o intavolazione) di una servitù prediale - Estensione ed esercizio della servitù - Riferimento alle norme suppletive di cui agli artt. 1064 e ss. c.c. - Trascrizione - leggi speciali - In genere.

Nel sistema della legislazione relativa ai territori italiani, già parte dell'impero austro-ungarico, l'iscrizione nei libri fondiari (o intavolazione), richiesta per rendere efficaci e documentare l'acquisto, la modificazione o l'estinzione dei diritti reali, deve indicare con precisione tutto il contenuto e l'estensione del diritto, con gli eventuali confini, come richiesto dall'art. 12 dell'allegato al r.d. n. 499 del 1929; pertanto, ove l'intavolazione concerna una servitù prediale e sia generica, non rispettando tali indicazioni né comprendendo un preciso richiamo ad una determinata disposizione dell'atto costitutivo della servitù medesima, come consentito dall'art. 5 del citato allegato, si deve presumere che detto atto non regoli in alcun modo l'estensione e l'esercizio di quella servitù, con la conseguenza che devono trovare applicazione, al riguardo, le norme suppletive previste dagli artt. 1064 e ss. c.c.

Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 9993 del 20/04/2017

 

Stampa Email

ammicopro banner

Articoli collegati