_a

_r

foroeuropeo.it

ForoEuropeo - Settimanale di informazione giuridica - Reg. 98/2014 Tribunale di Roma n. 16 del 8.4.2018                                        

Presenti ora:499 visitatori e un utente online

Direttore avv. Domenico Condello - Elenco speciale Ordine Giornalisti del Lazio

Settimanale di informazione giuridica - Reg. 98/2014 Tribunale di Roma. Direttore avv. Domenico Condello - Elenco speciale Ordine Giornalisti del Lazio

 
6 1
4/26 Maggio 2018-  II Edizione del Corso di formazione per Responsabile della protezione dei dati (RPD) o DPO - Data Protection Officer La protezione dei dati personali  dal Codice Privacy al Regolamento Europeo (UE 2016/679) in materia di protezione dei dati personali - Comitato Scientifico: avv. Domenico Condello, Dr. Edoardo Arena, avv. Paolo Ricchiuto (Coordinatore). E‘ stato richiesto l’accreditamento all'Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Roma e al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma.

Senato della Repubblica Camera dei deputati

XVII Legislatura

Documentazione per l'esame di Atti del Governo

Regolamento recante la disciplina dei corsi di formazione per l'accesso alla professione di avvocato

Atto del Governo 437

Titolo:

Schema di decreto ministeriale concernente Regolamento recante disciplina dei corsi di formazione per l'accesso alla professione di avvocato

Norme di riferimento: artt. 1, co. 3, e 43, co. 2, della legge n. 247 del 2012

Presupposti normativi

Lo schema di decreto in esame costituisce attuazione degli artt. 1, comma 3, e 43, comma 2, della legge n. 247 del 2012, "Nuova disciplina dell'ordinamento della La legge professione forense".

L'art. 1, comma 3, L. 247/2012, stabilisce tra l'altro che all'attuazione della medesima legge si provvede mediante regolamenti adottati con decreto del Ministro della giustizia, ai sensi dell'art. 17, co. 3, L. 400/1988[l], entro due anni dalla data della sua entrata in vigore (con decorrenza, quindi, dal 2 febbraio 2013).

Inoltre, il comma 1 dell'art. 43, 247/2012, ha previsto che il tirocinio [2] oltre che nella pratica svolta presso uno studio professionale, consiste altresì nella frequenza obbligatoria e con profitto, per un periodo non inferiore a diciotto mesi, di corsi di formazione di indirizzo professionale tenuti da ordini e associazioni forensi, nonché dagli altri soggetti previsti dalla legge.

Il comma 2 ha quindi demandato al Ministro della giustizia, sentito il CNF, l'adozione di un regolamento per disciplinare:

  1. a) le modalità e le condizioni per l'istituzione dei corsi di formazione da parte degli ordini e delle associazioni forensi giudicate idonee, in maniera da garantire la libertà ed il pluralismo dell'offerta formativa e della relativa scelta individuale;
  2. b) i contenuti formativi dei corsi di formazione in modo da ricomprendervi, in quanto essenziali, l'insegnamento del linguaggio giuridico, la redazione degli atti giudiziari, la tecnica impugnatoria dei provvedimenti giurisdizionali e degli atti amministrativi, la tecnica di redazione del parere stragiudiziale e la tecnica di ricerca;
  3. c) la durata minima dei corsi di formazione, prevedendo un carico didattico non inferiore a 160 ore per l'intero periodo;
  4. d) le modalità e le condizioni per la frequenza dei corsi di formazione da parte del praticante avvocato nonché quelle per le verifiche intermedie e finale del profitto, che sono affidate ad una commissione composta da avvocati, magistrati e docenti universitari, in modo da garantire omogeneità di giudizio su tutto il territorio nazionale. Ai componenti della commissione non sono riconosciuti compensi, indennità o gettoni di presenza.

Sullo schema di decreto in esame il Consiglio nazionale forense ha espresso il previsto parere il 26 maggio 2017. Il Consiglio di Stato, Sezione Consultiva per gli Atti Normativi, ha

espresso il suo parere nell'adunanza del 22 giugno 2017.

[11 Il riferimento è, quindi, allo strumento del regolamento ministeriale adottato con decreto del Ministro della giustizia, previo parere del Consiglio nazionale forense (CNF) e del Consiglio di Stato.

[2] Il tirocinio professionale (disciplinato dall'art. 41, L. 247/2012) consiste nell'addestramento, a contenuto teorico e pratico, del praticante avvocato finalizzato a fargli conseguire le capacità necessarie per l'esercizio della professione di avvocato e per la gestione di uno studio legale nonché a fargli apprendere e rispettare i principi etici e le regole deontologiche.

Contenuto

Lo schema di decreto ministeriale introduce - mediante lo strumento regolamentare - la disciplina dei corsi di formazione per l'accesso alla professione di avvocato.

In base all'articolo 1, lo schema di regolamento disciplina le modalità di istituzione e di frequenza dei corsi di formazione per l'accesso alla professione di avvocato.

Ai fini della disciplina dettata dal regolamento:

  1. per "legge professionale" si intende la L. 247/2012;
  2. per "corsi di formazione" i corsi di cui all'articolo 43 della legge professionale.

L'articolo 2 stabilisce che i corsi di formazione possono essere organizzati dai consigli dell'ordine e dalle associazioni forensi giudicate idonee, nonché dagli altri soggetti previsti dalla legge.

Nel caso di organizzazione da parte degli altri soggetti previsti dalla legge e delle associazioni forensi, i corsi devono essere accreditati dai consigli dell'ordine, sentito il CNF, o da quest'ultimo ove abbiano rilevanza nazionale.

L'interessato presenta istanza di accreditamento contenente:

  1. a) denominazione e dati identificativi del soggetto formatore;
  2. b) esaustive indicazioni su organizzazione e durata del corso, date di inizio e fine delle attività formative, sede e spazi disponibili, capacità ricettiva, sistema di controllo delle presenze;
  3. c) individuazione del comitato tecnico-scientifico con indicazione dei nominativi e del curriculum vitae dei componenti;
  4. d) indicazione della quota di iscrizione richiesta e dei finanziamenti eventualmente ricevuti;
  5. e) programma del corso e indicazione della metodologia didattica;
  6. f) curriculum vitae dei docenti, che non devono aver subito sanzioni disciplinari definitive superiori all'avvertimento.

La richiesta si intende accolta trascorsi tre mesi dalla presentazione dell'istanza di accreditamento.

I consigli dell'ordine provvedono di regola all'organizzazione dei corsi di formazione attraverso le scuole forensi previste dall'art. 29, co. 1, lett. c) della L. 247/2012.

Qualora la scuola forense non sia stata istituita, il consiglio dell'ordine può organizzare direttamente il corso di formazione, anche in collaborazione con le associazioni forensi o con altri ordini del medesimo distretto di Corte d'appello o con fondazioni forensi che abbiano la formazione come scopo sociale. Ai fini di detta collaborazione tali soggetti sono ritenuti idonei dal consiglio dell'ordine in base al programma formativo proposto e al curriculum vitae dei docenti. Il consiglio dell'ordine può organizzare i corsi anche attraverso apposite convenzioni con le Università, secondo quanto previsto dall'art. 40, L. 247/2012.

II    CNF, anche tramite la Scuola superiore dell'avvocatura, ed i consigli dell'ordine circondariali, anche tramite le scuole forensi, pubblicano in un'area dedicata del proprio sito istituzionale l'elenco dei corsi istituiti o accreditati con link che rimanda al programma.

L'articolo 3 disciplina i contenuti del corso di formazione.

I corsi di formazione, a contenuto sia teorico che pratico, sono articolati in modo tale da sostenere e integrare la preparazione del tirocinante necessaria allo svolgimento dell'attività professionale e all'espletamento delle prove previste dall'esame di Stato per l'abilitazione alla professione forense. I corsi devono altresì assicurare nei tirocinanti la consapevolezza dei princìpi deontologici ai quali il concreto esercizio della professione deve essere improntato. I corsi prevedono approfondimenti nell'ambito delle seguenti materie:

  • diritto civile, diritto penale, diritto amministrativo;
  • diritto processuale civile, penale e amministrativo, anche con riferimento al processo telematico, alle tecniche impugnatorie e alle procedure alternative per la risoluzione delle controversie;
  • ordinamento e deontologia forense;
  • tecnica di redazione degli atti giudiziari in conformità al principio di sinteticità e dei pareri stragiudiziali nelle varie materie del diritto sostanziale e processuale;
  • tecniche della ricerca anche telematica delle fonti e del precedente giurisprudenziale;
  • teoria e pratica del linguaggio giuridico; argomentazione forense;
  • diritto costituzionale, diritto del lavoro, diritto commerciale, diritto dell'Unione europea, diritto interazionale privato, diritto tributario, diritto ecclesiastico;
  • organizzazione e amministrazione dello studio professionale;
  • profili contributivi e tributari della professione di avvocato; previdenza forense;
  • elementi di ordinamento giudiziario e penitenziario.

Si segnala che, nel proprio parere, il Consiglio di Stato aveva suggerito di valutare l'inserimento, tra i contenuti dei corsi di formazione, anche della materia del "diritto della navigazione", tenuto conto dell'importanza attuale della disciplina (e dei suoi riflessi sull'ambito trasportistico).

Nel parere il CNF aveva tra l'altro rilevato che qualche perplessità può essere manifestata circa l'inserimento, tra le materie "obbligatorie", di quelle attinenti anche la prova orale d'esame di avvocato la cui numerosità non può non influire sul monte ore complessivamente necessario ad un corso di alta qualificazione ma non specialistico, a detrimento del tempo dedicato alle materie fondamentali. Più opportuno sarebbe che le materie oggetto dell'esame orale trovino più idonea trattazione in ore aggiuntive che la Scuola potrà offrire a seconda dell'interesse dei discenti, cui è rimessa la scelta delle materie dell'esame orale. La relazione illustrativa dello schema di decreto precisa che: la disposizione appare in linea con il disposto della norma primaria, che prevede come obbligatorie alcune materie; alcuni insegnamenti sono importanti ai fini dell'esercizio della professione legale; il livello di approfondimento può essere modulato in base alle linee guida del CNF.

Al fine di garantire l'omogeneità di preparazione e di giudizio sul territorio nazionale - in attuazione di quanto previsto dall'art. 43, co. 2, lett. d), L. 247/2012 - il corso dovrà essere strutturato tenendo conto delle linee guida fornite dal CNF.

L'articolo 4 dispone che i soggetti che organizzano i corsi di formazione provvedono alla scelta dei docenti tra avvocati, magistrati, docenti universitari, nonché tra esperti in materie giuridiche o comunque funzionali alla formazione professionale dell'avvocato. Nella scelta dei docenti, sono altresì valutati, sulla base dei curricula, i titoli, le pubblicazioni nelle materie oggetto del corso, l'esperienza già maturata come formatori e la frequenza di corsi di preparazione all'attività di formatore.

È ostativo alla nomina del docente la presenza di sanzioni disciplinari definitive superiori all'avvertimento.

Secondo l'articolo 5, il corso ha una durata minima non inferiore a 160 ore - cf. art. 43, co. 2, lett. c), L. 247/2012 - distribuite in maniera omogenea nell'arco dei diciotto mesi di tirocinio, secondo modalità ed orari idonei a consentire l'effettivo svolgimento del tirocinio professionale, senza pregiudicare l'assistenza alle udienze nonché la frequenza dello studio professionale, dell'Avvocatura dello Stato, degli uffici giudiziari (prevista dall'art. 44 della L. 247/2012) o di altro ufficio legale presso il quale il tirocinante svolge la pratica.

Per assicurare la massima vicinanza temporale tra iscrizione nel registro dei praticanti, inizio del corso e verifiche intermedie e finali, i corsi sono organizzati secondo i seguenti moduli semestrali: novembre-aprile; maggio-ottobre.

Le iscrizioni sono consentite almeno ogni sei mesi.

Nel parere il CNF aveva proposto di prevedere che i corsi fossero organizzati "indicativamente" in base ai moduli semestrali stabiliti dall'art. 5, co. 1.

In particolare, secondo il CNF, con riferimento all'articolazione dei moduli semestrali originariamente prevista (dicembre-maggio; giugno-novembre), è auspicabile che tali scansioni temporali assumano il valore di indicazioni di massima che le linee guida possano poi definire, tenendo specialmente in considerazione i tempi tecnici tra l'espletamento della verifica finale, la comunicazione degli esiti ai Consigli dell'ordine, le verifiche da parte dei Consigli dell'ordine per il rilascio del certificato di compiuto tirocinio e la necessità del tirocinante di presentare la domanda di iscrizione all'esame di stato entro il termine fissato dal decreto ministeriale che solitamente è indicato in un mese ante le prove scritte.

Al riguardo la relazione illustrativa informa che non è stato accolto il suggerimento del CNF volto a prevedere all’articolo 5, comma 1, penultimo inciso, che i corsi sono organizzati "indicativamente" secondo i seguenti moduli semestrali (...) per non creare problematiche di ordine pratico e difformità, anche in caso di trasferimento da un distretto territoriale all'altro e, in generale, per prevedere un calendario unico sul territorio nazionale in ragione delle verifiche intermedie e finali. Si è però riformulato il testo originario prevedendo anziché "dicembre-maggio"; "giugno-novembre" le seguenti nuove articolazioni dei moduli semestrali "novembre-aprile"; "maggio-ottobre", articolazione quest'ultima che appare rispondente alle esigenze organizzative connesse al rispetto dei tempi tecnici tra l'espletamento delle diverse verifiche e la presentazione della domanda di iscrizione all'esame di stato.

Nel caso di trasferimento del tirocinante presso altro ordine, questi può chiedere di essere ammesso a proseguire il corso di formazione nel circondario del nuovo ordine. L'ordine di provenienza, all'atto della valutazione del periodo di pratica già svolto ai fini della nuova iscrizione, dà conto dell'avvenuta frequenza complessiva dei corsi di formazione per consentire la convalida dei periodi di frequenza svolti prima del trasferimento.

L'articolo 6 stabilisce che i soggetti organizzatori dei corsi di formazione possono prevedere la corresponsione di una quota di iscrizione, destinata alla copertura delle spese di organizzazione e degli eventuali compensi ai docenti.

I     soggetti organizzatori dei corsi di formazione possono prevedere borse di studio in favore dei tirocinanti più meritevoli da attribuire anche sulla base di requisiti di reddito.

Inoltre, in base all'articolo 7, i soggetti organizzatori dei corsi di formazione possono programmare il numero delle iscrizioni a ciascun corso, tenuto conto del numero degli iscritti al registro dei praticanti, delle concrete possibilità di assicurare l'effettività della formazione e dell'offerta formativa complessivamente esistente nei circondari interessati. Deve comunque essere garantita ad ogni tirocinante la possibilità di accedere ai corsi, tenendo conto dell'offerta formativa esistente nel circondario interessato ed in quelli limitrofi. A tal fine i consigli dell'ordine possono stipulare con le Università accordi ai sensi dell'articolo 40 della L. 247/2012 e, ove necessario, attivare modalità telematiche di formazione a distanza certificate dal CNF. Le sessioni organizzate secondo le predette modalità telematiche non possono superare il limite massimo delle 50 ore nell'arco dei diciotto mesi di tirocinio. Devono essere predisposte forme adeguate di controllo per assicurare che lo svolgimento a distanza delle attività non pregiudichi l'effettività della formazione.

II    tirocinante è esonerato dall'obbligo di frequenza dei corsi di formazione per la durata del tirocinio svolto in altro Paese dell'UE secondo quanto previsto dall'art. 41, co. 6, lett. c), L. 247/2012, nel limite massimo di sei mesi.

L'articolo 8 disciplina le verifiche intermedie e la verifica finale.

Al termine dei primi due semestri, ovvero nei mesi di maggio e novembre secondo le cadenze temporali previste dall'articolo 5, comma 1, del presente regolamento, e alla conclusione del corso, sono previste verifiche da parte dei soggetti formatori. La verifica del profitto consiste in un test a risposta multipla su argomenti relativi agli insegnamenti svolti nel periodo oggetto di verifica. Il test è composto da trenta domande in caso di verifica intermedia, mentre per la verifica finale il test si compone di quaranta domande; in entrambi i casi, la verifica si intende superata in caso di risposta esatta ad almeno due terzi delle domande. Le domande sono scelte tra quelle elaborate dalla Commissione nazionale prevista dall'articolo 9 del presente regolamento.

L'accesso alle verifiche è consentito unicamente a coloro che abbiano frequentato almeno l'80 per cento delle lezioni. Il mancato superamento di una verifica intermedia comporta la ripetizione dell'ultimo ciclo semestrale di formazione e della relativa verifica al successivo appello.

L'accesso alla verifica finale è consentito a coloro che hanno frequentato almeno l'80 per cento delle lezioni di ogni semestre e superato le due verifiche intermedie. Il mancato superamento della verifica finale impedisce il rilascio del certificato di compiuto tirocinio e richiede la ripetizione dell'ultimo ciclo semestrale di formazione seguito e della relativa verifica.

L'articolo 9 istituisce presso il Ministero della giustizia la Commissione nazionale per la creazione e l'aggiornamento delle domande relative alle materie oggetto delle verifiche del profitto. La Commissione è nominata con decreto del Ministro della giustizia ed è costituita da 9 componenti e da un presidente designato dal CNF. Della commissione fanno parte, oltre ad avvocati iscritti all'Albo designati dal CNF, magistrati, anche a riposo, e docenti universitari di ruolo in materie giuridiche, che non abbiano subito sanzioni disciplinari definitive. La Commissione può operare anche attraverso l'articolazione in sottocommissioni. Quando un membro cessa, per qualunque causa, dalle proprie funzioni, si procede alla sua sostituzione con le stesse modalità previste per la nomina.

L'incarico di membro della Commissione è incompatibile con la carica di Presidente o consigliere del CNF, nonché con l'eventuale attività di docente nell'ambito dei corsi di formazione.

La Commissione dura in carica 4 anni. Ai suoi componenti non sono riconosciuti compensi, indennità o gettoni di presenza, in qualsiasi forma. Essa viene nominata entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore dello schema di regolamento.

La Commissione elabora, tenendo conto delle linee guida fornite dal CNF, le domande a risposta multipla da sottoporre in sede di verifica locale e predispone la banca dati in modo da fornire le domande - da aggiornare ogni 6 mesi - per le verifiche nelle materie insegnate nei corsi di formazione.

Le linee guida elaborate dal CNF indicano anche le date, l'ora e la durata in cui devono essere espletate le verifiche intermedie e finale, per ciascun semestre del corso. Le domande della Commissione nazionale sono trasmesse telematicamente al Segretario del Consiglio dell'ordine territoriale entro le ore 12 del giorno fissato per la verifica, affinché questi le metta a disposizione dei soggetti formatori in una piattaforma telematica da essi esclusivamente accessibile.

I soggetti organizzatori dei corsi designano la Commissione di valutazione interna - ai sensi dell'art. 43, co. 2, lett. d), L. 247/2012 - che svolgerà i compiti relativi all'effettuazione delle verifiche intermedie e della verifica finale. La Commissione dura in carica 2 anni ed i suoi componenti possono essere riconfermati una sola volta per altri due. Ai suoi componenti non sono riconosciuti compensi, indennità o gettoni di presenza, in qualsiasi forma. Agli stessi può essere riconosciuto il rimborso delle spese sostenute per l'esercizio delle proprie funzioni.

L'articolo 10 dispone la pubblicazione del regolamento nella Gazzetta Ufficiale.

Pubblicazione

Si osserva che la disposizione non risulta utile: già in base all'art. 17, comma 3, della ed entrata in legge 400/1988, i regolamenti ministeriali debbono essere pubblicati nella Gazzetta Ufficiale.

L'articolo 11 prevede che esso si applichi ai tirocinanti iscritti nel registro dei praticanti con decorrenza posteriore al primo giorno del primo semestre successivo alla data della sua entrata in vigore.

Senato: Dossier n. 529 Camera: Atti del Governo n. 438 18 settembre 2017

Senato Servizio Studi del Senato

Ufficio ricerche su questioni istituzionali, giustizia e cultura

La documentazione dei Servizi e degli Uffici del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati è destinata alle esigenze di documentazione interna per l'attività degli organi parlamentari e dei parlamentari. Si declina ogni responsabilità per la loro eventuale utilizzazione o riproduzione per fini non consentiti dalla legge.

I contenuti originali possono essere riprodotti, nel rispetto della legge, a condizione che sia citata la fonte.

News: Normativa, prassi, commenti..

Dopo sei mesi dal reclamo elettorale, alla udienza di domani 19 Aprile 2018, il Consiglio Nazionale Forense dovrà decidere sul seguente principale motivo: si possono presentare le candidature prima della convocazione delle elezioni
Modifiche al codice deontologico forense - modificati: art. 20 (Responsabilità disciplinare) - art. 27 (Dovere di informazione)
il ricorrente ha depositato una copia analogica del provvedimento impugnato e della relata effettuata per posta elettronica che, tuttavia, manca della copia del messaggio di posta elettronica certificata ricevuto ed è priva dell'attestazione di conformità all'originale digitale da parte del difens...
Il Garante privacy blocca Omissis (società telefonica): no al telemarketing selvaggio. Milioni le telefonate e gli sms inviati illecitamente Roma - dal sito web Garante privacy 4 aprile 2018
Attraverso l'accesso ai contenuti delle email ricostruito lo scambio di comunicazioni, anche private, tra i lavoratori
giudizio di appello - riforma della sentenza di condanna – assoluzione in appello - prova dichiarativa posta a base della decisione di primo grado - diversa valutazione di attendibilità - rinnovazione dibattimentale – necessità - esclusione - obbligo di motivazione.
Le regole di comportamento del Custode e del Delegato alle Vendite Giudiziarie alla luce del Codice deontologico forense. A cura dell’Avv. Carlo Bartolini - I° Corso di specializzazione 2018 - Custode Giudiziario e Delegato alle Vendite Giudiziarie Tivoli, 15 marzo 2018
modifiche apportate dal d.lgs. 15 gennaio 2016, n. 8 - nuova soglia di punibilità annua - determinazione dell'ammontare delle ritenute omesse - criteri - indicazione.
impugnazioni dichiarate inammissibili per cause sopravvenute - liquidazione del compenso del difensore – art. 106 d.p.r. 30 maggio .2002, n. 115 - applicabilità - esclusione -
diritto all'oblio – limite - esercizio del diritto di cronaca - sussistenza - condizioni - specifici presupposti - necessità.
adottato – diritto alla conoscenza delle proprie origini - accesso alle informazioni relative alle sorelle e ai fratelli biologici adulti- condizioni.
Tabelle per la liquidazione del danno non patrimoniale derivante da lesione alla integrità psico-fisica e dalla perdita-grave lesione del rapporto parentale e i relativi criteri applicati nella versione aggiornata "2018", realizzati dall'Osservatorio sulla giustizia civile di Milano.
Regolamento modalità di istituzione e di frequenza dei corsi di formazione previsti dall'articolo 43 della legge 31 dicembre 2012, n. 247. per l'accesso alla professione di avvocato per in nuovi tirocinanti a partire dal settembre 2018. DM 17/2018 (GU del 16.3.2018). Da dicembre 2020 l'accesso all'...
sostituto del difensore Costituzione di parte civile - Sostituto del difensore del danneggiato – Potere di esercitare l’azione civile – Condizioni.
Accesso civico: no alle sentenze integrali - Garante privacy - Newsletter n. 438 del 28 febbraio 2018
No allo spam sulle Pec dei liberi professionisti - Garante per la privacy Newsletter n. 438 del 28 febbraio 2018
Supercondominio - nozione – regolamento di condominio – irrilevanza - corte di cassazione, sez. 2, sentenza n. 27094 del 15 novembre 2017 a cura di Adriana Nicoletti – Avvocato del Foro di Roma – Commento
Atto di precetto notificato ai condomini – necessità di notifica personale del titolo – opposizione ex art. 615, co.1, c.p.c. - corte di cassazione, sez. 2, sentenza n. 22856 del 29 settembre 2017 a cura di Adriana Nicoletti – Avvocato del Foro di Roma – Commento
Proprietà esclusive situate in condomini adiacenti - messa in comunicazione tramite abbattimento di ringhiera dei rispettivi balconi - divieto - corte di cassazione, sez. 6, ordinanza n. 27144 del 16 novembre 2017 a cura di Adriana Nicoletti – Avvocato del Foro di Roma – Commento
Parti esclusive comprese in due distinti edifici condominiali - collegamento – divieto – corte di cassazione, sez. 6, ordinanza n. 27164 del 16 novembre 2017 a cura di Adriana Nicoletti – Avvocato del Foro di Roma – Commento
Le Sez. U su questioni di massima di particolare importanza, concernenti i crediti per spese giudiziali dell’avvocato, hanno affermato che: è esclusa la possibilità di introdurre l'azione sia con il rito di cognizione ordinaria e sia con quello del procedimento sommario ordinario codicistico, di...
Ricorso per cassazione per erronea qualificazione giuridica del fatto – Art. 448, comma 2-bis, cod. proc. pen., introdotto dalla legge 23 giugno 2017 n. 103 - Condizioni.
accordo contrario – forma – consenso comproprietario – “ius tollendi” – esclusione – conseguenze.
Assenza di fondi nel conto corrente dell’ente. Solleciti scritti ai morosi. Responsabilità dell’amministratore. Esclusione (Cass. sez. VI, 20 ottobre 2017 n. 24920).
Locazioni abitative: erede non convivente – successione – esclusione (Cass. sez. III, 10 novembre 2017 n. 26670)
Decreto ingiuntivo – Pagamento integrale dopo il deposito del ricorso – Notifica del decreto – opposizione – spese di lite – condanna del condominio - corte di cassazione, sez. 6, ordinanza n. 27234 del 16 novembre 2017 a cura di Adriana Nicoletti – Avvocato del Foro di Roma – Commento
Delibere assembleari – annullamento – ricorso avverso sentenza – soggetti legittimati - corte di cassazione, sez. 2, sentenza n. 29748 del 12 dicembre 2017 a cura di Adriana Nicoletti – Avvocato del Foro di Roma – Commento
LEGGE 11 gennaio 2018, n. 6 - Disposizioni per la protezione dei testimoni di giustizia. (18G00022) (GUn.30 del 6-2-2018) Vigente al: 21-2-2018
Totem nelle stazioni: no all'occhio occulto della pubblicità Il Garante chiede di segnalare la telecamera che analizza le espressioni dei passanti
Il Garante per la privacy ha ordinato a Google di deindicizzare gli url riguardanti un cittadino italiano da tutti i risultati della ricerca, sia nelle versioni europee del motore, sia in quelle extraeuropee. Google dovrà inoltre estendere l'attività di rimozione anche agli url già deindicizzati...
LEGGE 11 gennaio 2018, n. 4 Modifiche al codice civile, al codice penale, al codice di procedura penale e altre disposizioni in favore degli orfani per crimini domestici. (18G00020) (GU n.26 del 1-2-2018) Vigente al: 16-2-2018
LEGGE 22 dicembre 2017, n. 219 Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento. (18G00006) (GU n.12 del 16-1-2018) Vigente al: 31-1-2018
trasporto aereo - compensazione pecuniaria ex art. 7, co.1, regolamento (ce) n. 261/2004 - risarcimento danno per inesatto inadempimento Cass. civ., Sez. 3, ord.,23 gennaio 2018, n.1584
il foro stabilito per accordo delle parti deve risultare da inequivoca manifestazione di volontà
Elementi esterni dei balconi - frontalini – parti comuni – spese - corte di cassazione, sez. 2, sentenza n. 20713 del 19 settembre 2017 a cura di Adriana Nicoletti – Avvocato del Foro di Roma – Commento
Cortile a copertura di autorimessa privata – rifacimento – ripartizione spese – art. 1125 c.c. – applicabilità - corte di cassazione, sez. 6, ordinanza n. 21337 del 14 settembre 2017 a cura di Adriana Nicoletti – Avvocato del Foro di Roma – Commento
Ascensore – installazione ai sensi dell’art. 1121 c.c. – partecipazione successiva –contribuzione alle spese - corte di cassazione, sez. 2, ordinanza n. 20713 del 4 settembre 2017 a cura di Adriana Nicoletti – Avvocato del Foro di Roma – Commento
Spese di CTU in sede di accertamento tecnico preventivo – imputabilità a carico delle parti in solido – esclusione - corte di cassazione, sez. 6, ordinanza n. 20139 del 17 agosto 2017 a cura di Adriana Nicoletti – Avvocato del Foro di Roma – Commento
Avvocati - Incarichi legali - Equitalia/Agenzia delle entrate può scegliere gli avvocati cui affidare incarichi - respinto il ricorso del Coa di Roma e di Napoli dal Tar Roma sentenza n.150 del 9.1.2018
Roma 18 gennaio 2018. Discusso al Consiglio Nazionale Forense il reclamo elettorale proposto dall'avvocato Domenico Condello avverso la proclamazione degli eletti del Consiglio dell'Ordine di Roma. Il Procuratore Generale della Corte di Cassazione, dopo una puntale e motivata relazione, ha concluso...
Quando il regolamento di condominio prevede la presenza del presidente in assemblea, la sua mancata nomina rende la stessa invalida. A cura di Adriana Nicoletti – Avvocato del Foro di Roma
Assemblea – delibera – sostituzione con altra successiva – cessazione della materia del contendere - corte di cassazione, sez. 6, ordinanza n. 20071 dell’11 agosto 2017 a cura di Adriana Nicoletti – Avvocato del Foro di Roma – Commento
Assemblea – verbale – valore di prova scritta – sussistenza - corte di cassazione, sez. 6, ordinanza n. 20069 dell’11 agosto 2017 a cura di Adriana Nicoletti – Avvocato del Foro di Roma – Commento
Ministero dell'interno decreto 18 dicembre 2017 Disciplina delle procedure per la notificazione dei verbali di accertamento delle violazioni del codice della strada, tramite posta elettronica certificata. (18A00263) (GU n.12 del 16-1-2018)
DECRETO LEGISLATIVO 29 dicembre 2017, n. 216 Disposizioni in materia di intercettazioni di conversazioni o comunicazioni, in attuazione della delega di cui all'articolo 1, commi 82, 83 e 84, lettere a), b), c), d) ed e), della legge 23 giugno 2017, n. 103. (18G00002) (GUn.8 del 11-1-2018) Vigente al...
DECRETO LEGISLATIVO 13 dicembre 2017, n. 217 Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 26 agosto 2016, n. 179, concernente modifiche ed integrazioni al Codice dell'amministrazione digitale, di cui al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, ai sensi dell'articolo 1 della legge 7 a...
Le Linee Guida del Tribunale di Rimini in materia di istanze ex art. 492 bis c.p.c. -155 quinquies disp. att. c.p.c. In attesa della operatività dell’accesso alle banche dati da parte dell’ufficiale giudiziario ex art. 492 bis c.p.c (dal sito web del Tribunale di Rimini) - l'aggiornamento e le...
Art. 13-bis. (Equo compenso e clausole vessatorie). Come modificato dalla LEGGE 27 dicembre 2017, n. 205 Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020. (17G00222) (GU n.302 del 29-12-2017 - Suppl. Ordinario n. 62) in vigore dal 1.1.20...
Schema di decreto del Ministro della giustizia recante “modifiche al decreto del Ministro della giustizia 10 marzo 2014, n. 55, concernente la determinazione dei parametri per la liquidazione dei compensi per la professione forense ai sensi dell’articolo 13, comma 6 della legge 31 dicembre 2012,...
Differimento di 30 giorni entrata in vigore dell'obbligo della assicurazione sulla responsabilita' civile e degli infortuni derivanti dall'esercizio della professione di avvocato
Diritto del lavoro: L’evoluzione della normativa sui licenziamenti e Il ricorso per le controversie in tema di licenziamento. Focus sul "diritto vivente".
Elezioni consigli ordine – inizio del procedimento elettorale e ricevibilità delle candidature a cura dell’avv. Antonio Pazzaglia
Elezioni Consigli Ordine Avvocati l. 113/2017- si vota a Roma, Frosinone, Latina, Napoli, Pavia, Genova, Agrigento, Gela, Cosenza, Biella, Avellino, Verbania, Terni, Bari, Torino, Nola, Ascoli piceno, Mantova, .. ....
Elezioni – eliminato il voto di lista - scelta intuitu personae di ogni eligendo
DECRETO LEGISLATIVO 15 marzo 2017, n. 35 Attuazione della direttiva 2014/26/UE sulla gestione collettiva dei diritti d'autore e dei diritti connessi e sulla concessione di licenze multiterritoriali per i diritti su opere musicali per l'uso online nel mercato interno. (17G00048) (GU n.72 del 27-3-201...

Convegni, Seminari, eventi

ricchiuto
1° Corso Responsabile protezione dati (DPO) - Video lezioni - Accesso riservato ai corsisti
4/26 Maggio 2018 - II Edizione del Corso di formazione: Responsabile della protezione dei dati (RPD) o Data Protection Officer
4/26 Maggio 2018- II Edizione del Corso di formazione per Responsabile della protezione dei dati (RPD) o DPO - Data Protection Officer - La protezione dei dati personali dal Codice Privacy al Regolamento Europeo (UE 2016/679) in materia di protezione dei dati personali - Comitato Scientifico: avv. Domenico Condello, Dr. Edoardo Arena, avv. Paolo Ricchiuto (Coordinatore). E‘ stato richiesto l’accreditamento all'Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Roma e al Consiglio dell...
Roma 15 Maggio 2018 h. 13.00-16.00 il compenso dell'Avvocato:i nuovi parametri 2018
Roma 15 Maggio 2018 h. 13.00-16.00 Deontologia: il compenso dell'Avvocato:i nuovi parametri 2018 - Roma - Corte di Appello - Evento gratuito - Richiesto accredito al Consiglio Nazionale Forense (2 crediti formativi deontologici) Nuovo decreto ministeriale in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale
Milano 18 Maggio 2018 h. 13.00 -16.00 il compenso dell'Avvocato:i nuovi parametri 2018
Milano 18 Maggio 2018 h. 13.00-16.00 - Deontologia: il compenso dell'Avvocato:i nuovi parametri 2018 - Aula Magna Istituto Zaccaria - Milano, Via della Commenda, 5- Evento gratuito - Richiesto accredito al Consiglio Nazionale Forense (2 crediti formativi deontologici) Nuovo decreto ministeriale in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale

Avvocati: Videoconferenze accreditate C.N.F.

News: Giurisprudenza

Dottori Commercialisti ed Esperti contabili

Scuola Forense ForoEuropeo

VI Corso ONLINE annuale preparazione esame avvocato 2018 - scuola forense foroeuropeo
VI CORSO ONLINE ANNUALE PREPARAZIONE ESAME AVVOCATO 2018 SCUOLA FORENSE FOROEUROPEO
VI Corso FRONTALE annuale preparazione esame avvocato 2018 - scuola forense foroeuropeo (sedi Roma, Milano, Lecce, Lamezia Terme, Napoli)
VI CORSO FRONTALE ANNUALE PREPARAZIONE ESAME AVVOCATO 2018 - SCUOLA FORENSE FOROEUROPEO -
Nessuna proroga alla normativa transitoria prevista per l’esame di abilitazione forense
Nessuna proroga alla normativa transitoria prevista per l’esame di abilitazione forense. Dal 2018 l’esame si svolgerà ai sensi dell’art. 46, art. 47 L. 247/2012 e del DM n.48/2016. Eliminati i codici commentati.

Scuola Amministratori condominio

inizio ...Corso di aggiornamento online Amministratore condominio
Maggio 2018 - Corso di aggiornamento ONLINE Amministratore condominio - Viene rilasciato l'attestato di partecipazione che consente di svolgere l'attività professionale ai sensi dell'art. 71 bis disp. att. c.c. e d.m. 140/2014 - AMMI.CO.PRO - amministratori condominio professionisti associazione di...
inizio ...Corso abilitante online Amministratore condominio
Maggio 2018 - Corso abilitante ONLINE Amministratore condominio - Viene rilasciato l'attestato di partecipazione che consente di svolgere l'attività professionale ai sensi dell'art. 71 bis disp. att. c.c. e d.m. 140/2014 - AMMI.CO.PRO - amministratori condominio professionisti associazione di categ...

Concorsi - Offerte di lavoro

Agenzia delle Entrate - Concorso cinquecentodieci unita'  (scad. 17 maggio 2018)
Selezione pubblica per l'assunzione, a tempo indeterminato, di complessive cinquecentodieci unita' per la terza area funzionale, fascia retributiva F1, profilo professionale funzionario, per attivita' amministrativo-tributaria. (GU n.31 del 17-04-2018)
Incarichi di commissario liquidatore, commissario governativo e liquidatore di enti cooperativi.
La banca dati dei professionisti interessati alla attribuzione di incarichi ex artt. 2545 terdecies, 2545 sexiesdecies, 2545 septiesdecies, secondo comma e 2545 octiesdecies c.c. - avvocati, dottori commercialisti, ragionieri, dei consulenti in materia di lavoro – il link al sito web per accreditarsi - Circolare prot. n. X del 04/04/2018
Concorso referendario di T.A.R. - Aumento dei posti e riapertura dei termini
PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI CONCORSO (scad. 5 giugno 2018) Aumento dei posti e riapertura dei termini del concorso, per titoli ed esami, a cinquanta posti di referendario di T.A.R., del ruolo della magistratura amministrativa. (GU n.28 del 06-04-2018) - Elevati da 50 a 70

I quaderni giuridici - eBook

Diritto delle locazioni - La destinazione dell’immobile nella locazione a) La normativa. Cambiamenti legislativi: ratio. b) Norme comuni (artt. 7 e 11) e norme abrogate per l’abitativo (art. 79)....
Diritto delle locazioni - Mutamento d’uso, uso prevalente e non uso -Esegesi, “ratio” ed interpretazione della norma - 2. Costituzionalità dell’art. 80. - 3. Risoluzione del contratto ex art....
FOROEUROPEO EDITORE - I QUADERNI GIURIDICI LA SUCCESSIONE NEL CONTRATTO DI LOCAZIONE a cura di Riccardo Redivo Sommario La successione nel contratto di locazione a cura di Riccardo Redivo. 1 Locazioni...
FOROEUROPEO EDITORE - I QUADERNI GIURIDICI SUBLOCAZIONE E CESSIONE NELLA LOCAZIONE a cura di Riccardo Redivo Sommario Introduzione. 2 Sublocazione e cessione nella locazione abitativa. 2 Presunzione d...
Il compenso dell'avvocato con i parametri 2014 eBook in regalo

cech pVideoconferenze di gruppo accreditate C.N.F.  Aggiornamento Avvocati con un pc, tablet,..

cech p

Videoseminari aggiornamento via streaming Commercialisti - Esperti contabili

Codici

Videoseminari aggiornamento Avvocati
via internet con un pc, tablet,...e